Home

    X-Men: Dark Phoenix - Il primo trailer è online

    X-Men: Dark Phoenix - Il primo trailer è online


    E' di ieri la notizia che Fox potrebbe pubblicare il primo trailer di Dark Phoenix questa settimana. La voce, perchè di questo si tratta, è che un primo filmato dell'ultimo film degli X-Men arriverà nei cinema con il film Venom il 4 ottobre. Ora il...

    E' di ieri la notizia che Fox potrebbe pubblicare il primo trailer di Dark Phoenix questa settimana. La voce, perchè di questo si tratta, è che un primo filmato dell'ultimo film degli X-Men arriverà nei cinema con il film Venom il 4 ottobre. Ora il trailer è trapelato sul web, ma fidatevi di noi, probabilmente è meglio non guardarlo.

    Dark Phoenix - nuove foto dal set del film degli 'X-Men' di Simon Kinberg

    Il 14 febbario 2019 arriva al cinema il nuovo film degli X-Men diretto da Simon Kinberg e ambientato negli anni '90.

    Il trailer trapelato per "Dark Phoenix" è forse uno dei peggiori di tutti i tempi. Il filmato è stato "rubato" in un cinema utilizzando una videocamera da dietro due poltrone, quindi è visibile solo una porzione dell'immagine. Inoltre è in russo, quindi è un tantino difficile da capire. Abbiamo aspettato così a lungo e quindi pensiamo che valga la pena aspettare ancora qualche giorno per poter vedere il trailer in maniera decente, quando Fox deciderà di pubblicarlo.

    Nel filmato vediamo Jean Grey che cammina attraverso un cimitero e alcune scene con Michael Fassbender nei panni di Magneto. Sta parlando con Jean in russo. Ci sono alcuni tagli rapidi, alcuni flashback, e poi vediamo una Jean Grey bambina nel retro di un'auto, mentre in sottofondo suona il brano "This is The End" dei Doors. Jean ha avuto un'infanzia travagliata e ha causato un terribile incidente in macchina che sembra aver ucciso entrambi i suoi genitori. Un sacco di tempo è dedicato ad immagini di Jean bambina. Ci sono anche immagini di Jennifer Lawrence che ritorna come Mystica e possiamo vedere James McAvoy nei panni del Professor X. Intravediamo inoltre Jessica Chastain che interpreta l'antagonista principale del film e poi Ciclope insieme a Tempesta. A metà del filmato la videocamera si alza e vediamo meglio una conversazione tra Mystica e Charles Xavier.

    Alla fine del filmato arriva Bestia insieme a Quicksilver, si intravedono scene di distruzione e Magneto che indossa il suo vecchio casco. Poi si vede Tempesta sotto la pioggia ad un funerale, presumibilmente quello di Jean Gray. Bestia è visto in piedi vicino ad una tomba, zuppo fino all'osso. Alcuni nuovi mutanti vengono rivelati. Poi otteniamo una serie di veloci clip di personaggi che portano alla rivelazione della "Fenice Nera" fiammeggiante come mostrata in alcune immagini ufficiali.

    Ribadiamo la scarsissima qualità del filmato, ma se volete comunque visionarlo lo trovate su QUI.

     

     

    Fonte: Screenrant

     

     

     

    PROSEGUI LA LETTURA

    X-Men: Dark Phoenix - Il primo trailer è online é stato pubblicato su Cineblog.it alle 11:06 di Wednesday 26 September 2018

    Macron attacca: "Crisi politica Italia-Ue"
    Conte replica: "Non rappresenta l'Europa"


    Emmanuel Macron ha partecipato ieri all’Assemblea generale dell’Onu a margine della quale si è intrattenuto con i giornalisti presenti parlando anche del caso della nave di Sos Mediterranée e Msf. "C'è una crisi politica tra l'Italia e il resto...

    Emmanuel Macron ha partecipato ieri all’Assemblea generale dell’Onu a margine della quale si è intrattenuto con i giornalisti presenti parlando anche del caso della nave di Sos Mediterranée e Msf. "C'è una crisi politica tra l'Italia e il resto dell'Europa - ha dichiarato il presidente francese parlando della nuova politica sui flussi migratori da parte del governo Conte - L'Italia ha deciso di non rispettare le regole del diritto internazionale e in particolare del diritto marittimo e umanitario". Dopo la tregua, dunque, i rapporti tra Francia e Italia tornano ad essere abbastanza tesi e la replica del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, non si è fatta attendere.

    UE, in calo le nuove richieste di asilo: -60% in Italia nel 2018

    In Italia il numero delle nuove richieste di asilo nel 2018 è diminuito del 60% rispetto al 2017, ma quelle ancora in sospeso sono ben 131.900. I dati di EuroStat.

    Conte: "L'Italia ha salvato l'onore dell'Europa"

    Al termine della stessa Assemblea dell’Onu, Giuseppe Conte è stato informato dagli stessi cronisti delle parole di Macron, cui ha replicato in questi termini: "Se Macron - a quanto mi riferite - dice che l'Italia ha una crisi politica in atto con l'Ue, io rispondo che lui rappresenta la Francia, l'Europa è composta da 27 Paesi. Se parla per la Francia va benissimo: l'Italia - insiste - non ha un problema con Parigi". Insomma, Conte invita il presidente francese a parlare per il proprio Paese e non a nome di tutti i componenti dell’Ue. Quanto alla presunta violazione delle leggi internazionali, il presidente del Consiglio si dice tranquillo: "L'Italia non ha problemi con la Francia. Ci sono stati 588mila sbarchi in 5 anni - sottolinea ancora Conte - , l'Italia ha la coscienza a posto, l'Italia non è contro l'Europa, ha fatto il suo, ha salvato l'onore dell'Europa, come ci è stato riconosciuto".

    Infine, Giuseppe Conte prova a chiudere le polemiche di fronte all’insistenza dei giornalisti: "Lascio all'amico Macron libertà di opinione ma a volte quando si esprime un'opinione si sbaglia. Non voglio entrare in polemica con l'amico Macron. Lui - conclude - rappresenta la Francia". L’impressione è che la querelle non sia affatto finita qui.

    PROSEGUI LA LETTURA

    Macron attacca: "Crisi politica Italia-Ue"
    Conte replica: "Non rappresenta l'Europa" é stato pubblicato su
    Polisblog.it alle 10:37 di Wednesday 26 September 2018

    ASUS ROG Strix SCAR II arriva in Italia

    ASUS ROG Strix SCAR II arriva in Italia


    Debutta ufficialmente in Italia il nuovo ASUS ROG Strix SCAR II. Trattasi di un notebook Windows 10 ad alte prestazioni pensato esplicitamente per il mondo del gaming. Nonostante si tratti di un prodotto per il gioco, ASUS ha lavorato molto per...

    Debutta ufficialmente in Italia il nuovo ASUS ROG Strix SCAR II. Trattasi di un notebook Windows 10 ad alte prestazioni pensato esplicitamente per il mondo del gaming. Nonostante si tratti di un prodotto per il gioco, ASUS ha lavorato molto per renderlo anche esteticamente molto bello. Al riguardo, per esempio, spicca il display con cornici ultra ridotte. Tuttavia, il vero punto di forza di questo prodotto è la tastiera dotata della tecnologia HyperStrike Pro che è stata progettata espressamente per l'utilizzo gaming. Questo significa che oltre ad essere molto precisa, è anche molto robusta e  resiste senza problemi ai "maltrattamenti" dei giocatori che sono soliti utilizzare la tastiera come periferica di gioco. Da evidenziare che la tastiera è anche retroilluminata.

    La piattaforma hardware di questo portatile per il gaming è quanto di meglio si possa volere. Il cuore pulsante è un processore Intel Core i7-8750H di ottava generazione con GeForce GTX 1060 6GB e sino a 32 GB di RAM DDR4. La memoria interna può contare su un SSD PCIe NVMe da 128GB più un disco fisso da 1TB 5400 rpm. Il monitor è un 15,6 pollici IPS FHD. Non mancano nemmeno WiFi, Bluetooth 5.0 e altoparlanti con tecnologia smart-amplifier.

    La scheda tecnica di questo prodotto si conclude con 1 x USB 3.1 Gen 2 Type-C (USB-C), 2 x USB 3.1 Gen 1, 1 x USB 3.1 Gen 2, 1 x mini DisplayPort 1.2, 1 x HDMI 2.0, 1 x jack RJ-45, 1 x lettore di schede SD, 1 x jack combo per cuffie e microfono da 3,5mm e 1 x lucchetto Kensington.

    Tanta qualità, ovviamente, ha un costo alto. Il nuovo ASUS ROG Strix SCAR II potrà essere acquistato a 1789 euro.

     

     

    PROSEGUI LA LETTURA

    ASUS ROG Strix SCAR II arriva in Italia é stato pubblicato su Gadgetblog.it alle 10:29 di Wednesday 26 September 2018

    Top Gun 2: nuove foto di Tom Cruise sul set di

    Top Gun 2: nuove foto di Tom Cruise sul set di "Maverick"


     Top Gun 2 ha iniziato le riprese quest'estate e finalmente abbiamo nuove immagini con il protagonista Tom Cruise pronto a tornare ancora una volta nei panni di Maverick. Top Gun 2: confermato il ritorno dell'Iceman...

     

    Top Gun 2 ha iniziato le riprese quest'estate e finalmente abbiamo nuove immagini con il protagonista Tom Cruise pronto a tornare ancora una volta nei panni di Maverick.

    Top Gun 2: confermato il ritorno dell'Iceman di Val Kilmer

    Iceman e Maverick di nuovo insieme nel sequel "Top Gun 2: Maverick".

    La prima immagine di "Top Gun 2", condivisa via Instragram dal regista Luke Scott, mostra Tom Cruise come Maverick nella cabina di pilotaggio del suo jet da combattimento. Luke Scott è il nipote del regista dell'originale Top Gun Tony Scott e figlio del regista Ridley Scott (Alien, Blade Runner).

    Oltre a Luke Scott vi proponiamo altre immagini di "Top Gun 2" condivise su Twitter che mostrano Tom Cruse sul set. Un fan di Tom Cruise chiamato BB Quintin dice di aver ottenuto queste foto di Cruise grazie ad un parente militare.

    Mio zio (che è in Marina) ha visto Tom Cruise lavorare sul prossimo film di Top Gun a bordo della sua nave.

    Tom Cruise è ancora sulla cresta dell'onda con il recente sequel Mission Impossible - Fallout che è stato uno dei più grandi successi dell'estate con un incasso globale di 778 milioni di dollari. Cruise in ogni sua dichiarazione è apparso sinceramente entusiasta di riportare in vita Pete 'Maverick' Mitchell per un altro film.

    In "Top Gun 2" oltre al Maverick di Cruise torna anche l'Iceman di Val Kilmer. Il cast è completato da Jennifer Connelly, Glen Powell, Miles Teller, Jon Hamm, Jay Ellis e Ed Harris. La storia questa volta mostrerà come i piloti vecchi e nuovi si stanno adattando alla guerra dei droni e alla tecnologia. Al timone di "Top Gun 2" c'è Joseph Kosinski (Tron: Legacy) che ha diretto Tom Cruise in Oblivion.

    Luke Scott è sul set perché sta eseguendo alcune riscritture non accreditate sul sequel. Suo zio Tony Scott stava per tornare a dirigere "Top Gun 2", prima cel sui suicidio nel 2012. La sua morte inaspettata ha messo "Top Gun 2" in stand-by a tempo indeterminato, con cinque anni trascorsi prima che la Paramount rimettesse tutto in ordine dando nuovamente luce verde al film.

    "Top Gun 2", che in realtà è intitolato solo Maverick, è previsto nei cinema il 26 giugno 2020.

     

    Visualizza questo post su Instagram

    Un post condiviso da LUKE SCOTT (@freescottluke) in data: Set 13, 2018 at 9:42 PDT


     

    My uncle (who's in the Navy) got to see Tom Cruise working on the Next Top Gun movie aboard his ship. pic.twitter.com/MKk8sMDh0x

    — BBQuintin (@QuinCunning) 18 settembre 2018

    Tom Cruise @TomCruise Tom Cruise MIV 3762 @LilianAustralia pic.twitter.com/KI39pHPTcU

    — Tom Cruise MIV L.Tudorin (@LillyOzziland) 24 settembre 2018

     

     

    Top Gun 2: via alle riprese e prima immagine ufficiale con Tom Cruise

    Riprese ufficialmente in corso per Top Gun 2. Il sequel ha girato a lungo in quel di Hollywood, ma ora finalmente ci siamo, con una data di uscita fissata al 12 luglio 2019.

    Top Gun 2: Tom Cruise si prepara alle riprese (foto)

    Tom Cruise avvistato ai comandi di un elicottero mentre si prepara alle riprese di "Top Gun 2".

    L'annuncio è arrivato da Tom Cruise che ha pubblicato una a foto che lo ritrae nella sua tuta da pilota su una passerella con un jet da combattimento sullo sfondo. La foto presenta il testo "Feel the Need", un riferimento alla battuta: "Sento il bisogno, il bisogno di velocità" dell'originale Top Gun.

    A riprese iniziate, non si sa molto sul sequel, che è ufficialmente intitolato Top Gun: Maverick. La Paramount non ha rilasciato ulteriori dettagli al di là di questa foto, quindi non abbiamo una sinossi o qualche nome del cast.

    Top Gun 2 doveva originariamente essere diretto da Tony Scott, che ha diretto l'originale. Sfortunatamente Scott è scomparso nel 2012, luttuoso evento che è parte del motivo per cui questo film ha subito uno stallo. Ma l'anno scorso Tom Cruise ha reclutato Joseph Kosinski, regista di Oblivion e Tron: Legacy. Il film sarà incentrato sui piloti di caccia che si occupano di tecnologie sempre più avanzate, come i droni, che stanno minacciando di rendere obsoleto il loro lavoro. Altro gradito ritorno è quello del compositore Harold Faltermeyer, che ha musicato il Top Gun originale e che tornerà a comporre la musica per il sequel.

    Il film originale uscito nel 1986 è diventato un cult e un campione d'incassi da 356,8 milioni di dollari cementando la popolarità del divo Tom Cruise.

     


    #Day1 pic.twitter.com/7jjPL277Es


    — Tom Cruise (@TomCruise) 31 maggio 2018

     

     

     

    PROSEGUI LA LETTURA

    Top Gun 2: nuove foto di Tom Cruise sul set di "Maverick" é stato pubblicato su Cineblog.it alle 10:18 di Wednesday 26 September 2018

    Hell Fest: nuovo trailer e locandine

    Hell Fest: nuovo trailer e locandine


     CBS Films e Lionsgate hanno reso disponibili un nuovo trailer e nuove locandine ufficiali dell'horror Hell Fest in uscita nelle sale italiane il 31 ottobre 2018."Hell Fest" è diretto da Gregory Plotkin da una sceneggiatura di Seth M. Sherwood e Blair...

     

    CBS Films e Lionsgate hanno reso disponibili un nuovo trailer e nuove locandine ufficiali dell'horror Hell Fest in uscita nelle sale italiane il 31 ottobre 2018.

    "Hell Fest" è diretto da Gregory Plotkin da una sceneggiatura di Seth M. Sherwood e Blair Butler e Akela Cooper. La storia è stata ideata da William Penick e Christopher Sey e Stephen Susco.

    Gli orrori in mostra a Hell Fest sono stati musicato dal leggendario compositore Bear McCreary, famoso per la sua colonna sonora di The Walking Dead, così come le musiche di 10 Cloverfield Lane e il thriller Auguri per la tua morte (Happy Death Day).

    "Hell Fest" è interpretato Amy Forsyth (Rise, Beautiful Boy), Reign Edwards (Beautiful, Snowfall), Bex Taylor-Klaus (Voltron, The Killing, Scream), Christian James (Nashville, Exposed), Roby Attal (The Long Road Home, Red Eleven), Matt Mercurio (Black Lightning, The Resident) e Tony Todd (Candyman, The Man From Earth).

    In "Hell Fest", un serial killer mascherato trasforma un parco di divertimenti a tema horror nel suo parco giochi personale, terrorizzando un gruppo di amici mentre il resto degli avventori crede che sia tutto parte dello spettacolo.

    La studentessa Natalie è in visita dalla sua migliore amica d'infanzia Brooke e il suo compagno di stanza Taylor (Taylor-Klaus). Se fosse stato in qualsiasi altro periodo dell'anno questi tre e i loro fidanzati potrebbero essere diretti ad un concerto o in qualche locale, ma è Halloween, il che significa che come tutti gli altri faranno tappa all'Hell Fest, un tentacolare labirinto di giostre, giochi e labirinti che viaggia per il paese e che capita essere in città. Ogni anno in migliaia seguono l'Hell Fest per provare paura in questo macabro luna park degli incubi.

    Ma per un visitatore, Hell Fest non è un'attrazione, è un terreno di caccia. Un'opportunità di uccidere in piena vista davanti a spettatori ignari, troppo presi dall'atmosfera terrificante e divertente per riconoscere l'orribile realtà che si svolge davanti ai loro occhi. Mentre la conta dei corpi cresce e la frenetica eccitazione delle folle continua a salire, il killer rivolge il suo volto mascherato a Natalie, Brooke, Taylor e ai loro fidanzati che combatteranno per sopravvivere alla notte.

     

     

     

    Hell Fest: trailer italiano del film horror di Gregory Plotkin

     

    Disponibile un trailer italiano di Hell Fest, un nuovo horror con serial killer mascherato ambientato in un parco a tema horror che Notorious Pictures porterà nei cinema italiani il 31 ottobre, giusto in tempo per la Notte delle Streghe.

     

    Preparati per il tuo ultimo giro di giostra...È Halloween e per l’occasione arriva in città l’Hell Fest, un festival itinerante a tema horror, con labirinti, giostre e attori mascherati che spaventano i visitatori. Natalie, Brooke e i loro amici partecipano alla serata per assaporare la paura e vivere l’adrenalina con altre migliaia di persone. Ma per una mente deviata l’Hell Fest non è solo un’attrazione: è l’opportunità di uccidere davanti agli occhi inebetiti dei visitatori, troppo presi dal macabro divertimento per capire che qualcosa di orribile sta succedendo davvero...
     

    Il film è interpretato da Amy Forsyth (Rise, Beautiful Boy), Reign Edwards (Beautiful, Snowfall), Bex Taylor-Klaus (Voltron, The Killing), Christian James (Nashville, Exposed), Roby Attal (The Long Road Home, Red Eleven), Matt Mercurio (Black Lightning, The Resident) e Tony Todd (Candyman, L'uomo che venne dalla Terra).

    "Hell Fest" è diretto da Gregory Plotkin (Paranormal Activity - Dimensione Fantasma), scritto da Seth M. Sherwood, Blair Butler e Akela Cooper da una storia di William Penick, Christopher Sey e Stephen Susco.

     

     

    Hell Fest: nuovo trailer senza censure del film horror di Gregory Plotkin

     

    Disponibili un nuovo trailer "red band" e una locandina ufficiale di Hell Fest, horror ambientato in un parco divertimenti da incubo.

    Gregory Plotkin dirige "Hell Fest" da una sceneggiatura di Seth M. Sherwood e Blair Butler e Akela Cooper, una storia di William Penick e Christopher Sey e Stephen Susco e una colonna sonora composta da Bear McCreary (The Walking Dead, 10 Cloverfield Lane, Auguri per la tua morte).

    Il cast del film include Amy Forsyth (Rise, Beautiful Boy), Reign Edwards (Beautiful, Snowfall), Bex Taylor-Klaus (Voltron, The Killing), Christian James (Nashville, Exposed), Roby Attal (The Long Road Home, Red Eleven), Matt Mercurio (Black Lightning, The Resident) e Tony Todd (Candyman, L'uomo che venne dalla Terra).

    In "Hell Fest", un serial killer mascherato trasforma un parco di divertimenti a tema horror nel suo parco giochi personale, terrorizzando un gruppo di amici mentre il resto degli avventori crede che sia tutto parte dello spettacolo.

    La studentessa Natalie (Forsyth) è in visita dalla sua migliore amica d'infanzia Brooke (Edwards) e la coinquilina Taylor (Taylor-Klaus). Se fosse stato in qualsiasi altro periodo dell'anno questi tre ei loro fidanzati potrebbero essere diretti ad un concerto o bar, ma è Halloween, il che significa che come tutti gli altri opteranno per Hell Fest, un labirinto di giostre, giochi e attrazioni horror che viaggia per il paese e che capita essere in città. Ogni anno migliaia seguono l'Hell Fest per provare paura al macabro luna park da incubo.

    Ma per uno dei visitatori Hell Fest non è un'attrazione, ma un terreno di caccia. Un'opportunità di uccidere in piena vista davanti a spettatori ignari, troppo presi dall'atmosfera terrificante e divertente per riconoscere l'orribile realtà che si svolge davanti ai loro occhi. Mentre il body-count e la frenetica eccitazione delle folle continua a salire, il killer rivolge il suo volto mascherato a Natalie, Brooke, Taylor e ai loro fidanzati che combatteranno per sopravvivere alla notte.

    Un thriller terrificante dall'iconico produttore di film horror Gale Anne Hurd (The Walking Dead, The Terminator), Tucker Tooley (Limitless, Nella tana dei lupi) e il regista Gregory Plotkin (Paranormal Activity - Dimensione Fantasma, montatore di Scappa - Get Out e Auguri per la tua morte).

    Hell Fest ha ispirato anche un labirinto horror allestito presso l'evento Fright Fest di quest'anno insieme ad altre attrazioni horror.

    CBS Films e Lionsgate distribuiranno "Hell Fest" nelle sale cinematografiche americane il 28 settembre 2018.

     

     

     

    Fonte: Slash Film
     

    Hell Fest: trailer e poster del film horror di Gregory Plotkin

     

    CBS Films e Lionsgate hanno reso disponibili trailer e poster di Hell Fest, il nuovo horror in uscita nelle sale americane il 28 settembre.

    In "Hell Fest", un serial killer mascherato trasforma un parco di divertimenti a tema horror nel suo parco giochi personale, terrorizzando un gruppo di amici mentre il resto degli avventori crede che sia tutto parte dello spettacolo. Il film vede la partecipazione di Amy Forsyth (Rise, Beautiful Boy), Reign Edwards (Beautiful, Snowfall), Bex Taylor-Klaus (Voltron, The Killing), Christian James (Nashville, Exposed), Roby Attal (The Long Road Home, Red Eleven), Matt Mercurio (Black Lightning, The Resident) e Tony Todd (Candyman, L'uomo che venne dalla Terra).

    La studentessa Natalie (Forsyth) è in visita dalla sua migliore amica d'infanzia Brooke (Edwards) e il suo compagno di stanza Taylor (Taylor-Klaus). Se fosse stato in qualsiasi altro periodo dell'anno questi tre e i loro fidanzati potrebbero essere diretti ad un concerto o in qualche locale, ma è Halloween, il che significa che come tutti gli altri faranno tappa all'Hell Fest, un tentacolare labirinto di giostre, giochi e labirinti che viaggia per il paese e che capita essere in città. Ogni anno in migliaia seguono l'Hell Fest per provare paura in questo macabro luna park degli incubi.

    Ma per un visitatore, Hell Fest non è un'attrazione, è un terreno di caccia. Un'opportunità di uccidere in piena vista davanti a spettatori ignari, troppo presi dall'atmosfera terrificante e divertente per riconoscere l'orribile realtà che si svolge davanti ai loro occhi. Mentre la conta dei corpi cresce e la frenetica eccitazione delle folle continua a salire, il killer rivolge il suo volto mascherato a Natalie, Brooke, Taylor e ai loro fidanzati che combatteranno per sopravvivere alla notte.

    Un thriller terrificante dall'iconica produttrice Gale Anne Hurd (Terminator, Aliens, The Walking Dead, The Terminator), Tucker Tooley (Limitless, Nella tana dei lupi) e il regista Gregory Plotkin (Paranormal Activity: Dimensione Fantasma e montatore di Scappa - Get Out e Auguri per la tua morte).

     

     

     

    Fonte: Collider

     

     

     

    7 Guarda la Galleria "Hell Fest: locandine ufficiali del film horror"

    PROSEGUI LA LETTURA

    Hell Fest: nuovo trailer e locandine é stato pubblicato su Cineblog.it alle 09:46 di Wednesday 26 September 2018

    Giovanni Benincasa a TvBlog: Il 29 febbraio della Tv

    Giovanni Benincasa a TvBlog: Il 29 febbraio della Tv


    Lui è un autore televisivo. Lui ha fatto Carramba, Furore, Libero, Bombay e tanto altro. Lui ha lavorato tantissimo con Gianni Boncompagni, con Raffaella Carrà, tanto per fare due nomi. Lui ha fatto anche Fuori gli autori, o meglio, è stato...

    Lui è un autore televisivo. Lui ha fatto Carramba, Furore, Libero, Bombay e tanto altro. Lui ha lavorato tantissimo con Gianni Boncompagni, con Raffaella Carrà, tanto per fare due nomi. Lui ha fatto anche Fuori gli autori, o meglio, è stato protagonista di una puntata della nostra rubrica estiva di qualche anno fa in cui abbiamo dato spazio ad alcuni degli autori italiani più rappresentativi (gli altri li aspettiamo per la terza edizione).

    Fuori gli Autori II - Giovanni Benincasa a Blogo: Creazioni di Solitudini

    Oggi esce su TvBlog Giovanni Benincasa

    Lui è Giovanni Benincasa e con lui abbiamo voluto fare un giro sulle montagne russe del nostro piccolo schermo. Fra salite repentine e discese adrenaliniche, è scaturito questo colloquio che in qualche modo fotografa il nostro attuale piccolo schermo dagli occhi di uno degli autori televisivi nostrani fra i più creativi e più disincantati.

    La Tv da accentratrice, cosa è diventata oggi ?

    Una dispersione di attenzioni, un frazionamento di solitudini. Basta che entri in un ristorante. Guarda quel tavolo laggiù: quattro su sette stanno con gli occhi sul telefono. Così è nelle case.

    Fare televisione oggi, fare televisione ieri, quanto è importante il soggetto, il protagonista?

    Il conduttore è fondamentale, da sempre. Ma un problema c’è: la nostra editoria televisiva ha favorito e preferito sempre le facce alle teste, quando spesso sono le teste a inventare quei soggetti e a disegnare il parco giochi dove quel soggetto riceverà gli applausi. È anche vero che nuovi protagonisti dovranno presto entrare nel mercato. Noi, per sei undicesimi è come se entrassimo in campo con la Nazionale del 1982. Campioni del mondo sì. Ma di quale mondo?

    La Tv del passato era fatta da professionisti e grandi artisti, quella di oggi, per tutta una serie di motivi è fatta sopratutto dall'uomo qualunque, è una strada senza ritorno?

    Il rischio è il “conduttore qualunque”. Ho idea però che il palco sia diviso in due, o in tre, come in letteratura: i grandi e i minori. Poche volte si trovano anche dei grandi minori. Ma i Grandi, nel passato, erano anche dietro le scrivanie e il meccanismo era più o meno quello dei vasi comunicanti. Poi c’è una rogna enorme: al di là dell’età, la distinzione cioè tra chi è o non è più “contemporaneo”. C’è anche un problema di conoscenza, un problema di basi: ti ricordi La Pupa e il Secchione? (che potrebbe tornare, ndr) Bene, io farei un esame fotografico a molti lavoratori del mondo televisivo: una dozzina di foto per ciascuno, da Panelli a Xavier Cugat, da Stefania Rotolo a Falqui, da Nino Ferrer ad Alessandro Momo, eccetera. Per ogni foto, devono solo rispondere alla domanda: chi è?

    Prima il televisore era un totem, oggi è una delle tante cose, come si fa a fare oggi televisione per un pubblico sostanzialmente distratto da tutto ciò che gli gira intorno ed eventualmente come si fa ad "ipnotizzarlo" con gli occhi puntati sul piccolo schermo ?

    Quale pubblico? Io ho cinque figli di cui nessuno sa che cosa sia la televisione che pensi tu, a parte Netflix o Amazon o Chili o qualche Cartoonito o Boing acceso per i due più piccoli, ogni tanto. La tv, secondo me, oggi funziona quando rappresenta un evento: che sia politico, sportivo, di attualità o di spettacolo. Sulla quotidianità, ho la sensazione che la tv faccia come il border collie con il gregge di pecore, correndo a destra e a sinistra per non farle uscire dal recinto. Il problema è un altro, credo: noi conserviamo e facciamo la guardia a quelle pecore ma un giorno moriranno e nessuno avrà pensato di allevare e crescere un nuovo gregge, creando e allargando nuovi recinti per il pubblico. Con le dovute attenzioni penso questo: la frenesia per l’ascolto di oggi può rappresentare il mancato ascolto di domani.

    Prima se volevi vedere un programma aspettavi quel determinato giorno in cui andava in onda, oggi puoi in ogni momento vederlo e rivederlo su internet, mi dici secondo te quali sono i pregi e difetti di questa opportunità ?

    È bellissimo per certi programmi. E inutile per altri. Perché non credo che tu vada a rivederti Detto Fatto su Raiplay. Persa una, persa per sempre. Poi ci sono i programmi cash, quelli che esistono solo nel momento in cui vanno in onda. Sono i programmi mezzi fantasmi: si vedono e non si vedono. Ce ne sono parecchi. Io li chiamo i 29 Febbraio.

    La Tv oggi è una specie di flusso continuo, quasi radiofonico, la puoi vedere anche con gli occhi chiusi o facendo mille altre faccende, si tratta di una evoluzione o di una involuzione del piccolo schermo ?

    Sfido chiunque a dirmi che ha visto una Serie facendo mille altre faccende. La verità è che sta cambiando il nostro tavolo da lavoro e il nostro tavolo da gioco. Ci interessano cose che prima neanche esistevano. E quello che ci interessa poco, ci consente di fare mille altre faccende. Hai presente quando a Cupertino presentano il nuovo modello di iPhone? Ecco, noi dovremmo creare lo stesso evento, ma provincial/nazionale - vanno bene Viareggio o Todi - per presentare ogni anno il nuovo modello di telespettatore. Lo abbiamo creato noi: ecco, è così. Il nuovo modello appare sullo schermo e giù applausi. Caratteristiche, cibo preferito, ph della pelle, profilo destro e sinistro, tipicità, capelli, complessi, ultimo rapporto avuto e ultimo programma seguito. E giù ancora applausi. Poi il Tim Cook di Viareggio esce e rientra sul palco con Attilio, un ragazzo di 19 anni: il nuovissimo telespettatore. Tutti in piedi, applausi.

    Dei generi storici della televisione, quali sopravvivranno nel futuro ?

    La televisone fatta bene. Talmente bene da volerla rivedere sul Web o attraverso il Greng. Oggi il Greng non esiste, ma qualcosa come il Greng presto verrà fuori.

    Che ne sarà di Rai1 e dei dirigenti Rai fra una ventina d'anni? Ci sarà ancora qualche politico che deciderà le sorti della tv pubblica come accadrà fra pochi giorni ?

    Spero siano tutti tra Raivavae e Raiatea a godersi la pensione (apprezza la radice “Rai”), anche perché a Lisbona o in altre città non ci sarà più posto. Certa tv va verso il nulla composto e graficato. Un po’ come quei collegamenti avvilenti dei post partita. Se pensi alla tristezza di un eventuale colpo di Stato, oggi. Ma ci pensi, che tristezza: i militari manco si avvicinerebbero a via Teulada o a Saxa Rubra. Resterebbero a casa. Oggi forse il tenente colonnello Antonio Tejero urlerebbe al cellulare su Facetime, e in molti riderebbero tantissimo.


    Perchè ai politici attrae tanto la televisione ancora oggi ?

    Perché la politica è e si fa anche in televisione, nei talk, attraverso i tg, i programmi. Poi certo ci sono i Social, ma quegli stessi Social poi vanno in televisione, e blabla. È chiaro che anche qui si va per cicli storici e cicli di interessi. Pensa quest’anno, per esempio. Dal giorno delle elezioni al Governo Conte sono passati 3 mesi televisivi strepitosi che hanno dopato tutti i programmi, con un’attenzione altissima. Le maratone di Mentana creavano dipendenza.

    Se dovessi fare il direttore di Rai1 cosa ne faresti della rete ammiraglia oggi ?

    Direi a Marzullo di cambiarsi quella roba a righe orizzontali blu e bianca che porta da mesi e di tagliarsi i capelli in modo definitivo. Ormai è un uomo. Per tutto il resto, c’è Teodoli che è bravissimo.

    Dimmi tre uomini che hanno fatto la tv e che servirebbero tanto oggi, anzi sopratutto domani e perché

    Anni fa si diceva che tutti i programmi erano figli di Portobello. Bene, a parte Salvi, Sacerdote, Guglielmi e Freccero, io ti dico che molto di quello che c’è in giro - compresi conduttori - oggi è ancora figlio di Minoli: è sempre stato il più bravo, il più preparato e intuitivo. Ha un brutto carattere, si dice. Ma certi mestieri vengono bene solo se hai un caratteraccio.

    PROSEGUI LA LETTURA

    Giovanni Benincasa a TvBlog: Il 29 febbraio della Tv é stato pubblicato su Tvblog.it alle 09:35 di Wednesday 26 September 2018

    Domenica in: Flavio Insinna conduce Una canzone per Mara e c'è anche Abatantuono (Anteprima Blogo)

    Domenica in: Flavio Insinna conduce Una canzone per Mara e c'è anche Abatantuono (Anteprima Blogo)


    Torna domenica alle ore 14 sulla Rete 1 della Rai Domenica in con la conduzione di Mara Venier. Terzo appuntamento per la stagione 2018-2019 dello storico contenitore inventato alla fine degli anni settanta da Corrado Mantoni, dopo due puntate che...

    Torna domenica alle ore 14 sulla Rete 1 della Rai Domenica in con la conduzione di Mara Venier. Terzo appuntamento per la stagione 2018-2019 dello storico contenitore inventato alla fine degli anni settanta da Corrado Mantoni, dopo due puntate che hanno visto questo varietà prevalere su quello trasmesso dalla principale rete commerciale governato dall'ex conduttrice di Fresco Fresco Barbara D'Urso, che poi ha avuto comunque il piacere di prevalere sul varietà-cuscinetto La prima volta condotto da Cristina Parodi.

    Siamo già venuti a conoscenza dell'arrivo di Renzo Arbore nella puntata di domenica, che sarà in studio con la sua ormai inseparabile orchestra italiana. La presenza di Arbore in studio non avrà solamente una valenza artistica, ma anche privata visto che Mara e Arbore sono stati compagni nella vita per molti anni ed è la prima volta che si rivedono da allora.

    Come annunciato da queste stesse colonne in arrivo domenica, dopo la presenza di Romina Power nelle prime due emissioni di questa Domenica in, anche di Albano, che avrà modo di fare una lunga chiacchierata con Mara e ovviamente anche di deliziarci con la sua preziosa uguola.

    A tutto questo aggiungiamo oggi un ulteriore tassello rispetto al parco ospiti della terza puntata di Domenica in. In studio nel fantastico ruolo di bravo conduttore del talent dei talent Una canzone per Mara, l'attore e conduttore televisivo Flavio Insinna, reduce della prima settimana alla conduzione della nuova serie dell'Eredità. In giuria è previsto l'arrivo anche di Diego Abatantuono.

    Appuntamento per tutto questo e molto altro per domenica a partire dalle ore 13:55 su Rai1 per la terza puntata di Domenica in.

    PROSEGUI LA LETTURA

    Domenica in: Flavio Insinna conduce Una canzone per Mara e c'è anche Abatantuono (Anteprima Blogo) é stato pubblicato su Tvblog.it alle 09:35 di Wednesday 26 September 2018

    Focus ascolti: I target di Otto e mezzo e Stasera Italia

    Focus ascolti: I target di Otto e mezzo e Stasera Italia


    Sono le due trasmissioni che tutti i giorni alle otto e mezza approfondiscono i temi che occupano le pagine dei giornali e dei siti web d'informazione italiani. Fra politica, cronaca e attualità Otto e mezzo e Stasera Italia propongono ai propri...

    Sono le due trasmissioni che tutti i giorni alle otto e mezza approfondiscono i temi che occupano le pagine dei giornali e dei siti web d'informazione italiani. Fra politica, cronaca e attualità Otto e mezzo e Stasera Italia propongono ai propri telespettatori la lettura di ciò che avviene ogni giorno nel nostro paese.

    Qui andremo a vedere i dati di ascolto delle due trasmissioni più approfonditamente andando a pescare i target e facendo così una specie di fotografia virtuale del pubblico delle due trasmissioni, anche facendo un paragone rispetto alle edizioni precedenti. Partiamo dal dato del totale individui di questo primo scorcio stagionale con Otto e mezzo che ottiene una media share del 6,78%, con Stasera Italia che si ferma al 5,39%.

    Facendo un confronto con i dati delle stagioni precedenti delle due trasmissioni possiamo vedere che Otto e mezzo sostanzialmente conferma il dato dell'anno scorso, crescendo dello 0,30%, mentre Stasera Italia ottiene una crescita più decisa, esattamente di un punto e mezzo rispetto all'edizione precedente di Stasera Italia, che è partita ad aprile su Rete4.

    Otto e mezzo in sostanza conferma i suoi dati nei vari target rispetto all'anno passato con una crescita maggiore per quel che riguarda l'età nella fascia 45-64 anni dello 0,6% di share, toccando l'8%. Stasera Italia ottiene una crescita netta rispetto all'anno passato nella fascia degli over 65 di 2,4 punti di share e di circa un punto e mezzo nella fascia 45-54 anni, toccando e superando il 9% di share.

    Nella classe AA, storica roccaforte di La7, Otto e mezzo quest'anno si ferma al 12% di share, perdendo circa un punto rispetto all'anno passato, punto che si prende Stasera Italia che passa dal 2,7% della stagione passata al 3,8% di quest'anno. Stasera Italia cresce maggiormente nella classe AB, passando dal 9% della precedente serie all'attuale 12,4%. Otto e mezzo in questa fascia perde circa un punto, passando dal 4,2% della scorsa stagione, all'attuale 3,4%.

    Per quel che riguarda il titolo di studio dati sostanzialmente in linea con l'anno passato per Otto e mezzo e sempre con i laureati che la fanno da padrone con il 14,3% di share e con Stasera Italia che spalma in maniera più uniforme il suo incremento nel totale individui, con una media dell'1,5% di share di crescita in tutti i target di livello d'istruzione e con la percentuale maggiore del 9% che rimane appannaggio dell'istruzione elementare.

    Nel frattempo il computo totale degli ascolti dei due programmi vede primeggiare sempre Otto e mezzo (tranne la prima sfida stagionale che ha visto un ascolto più alto di Stasera Italia). Per quel che riguarda il giochino della sovrapposizione effettiva abbiamo Stasera Italia avanti, oltre che nella prima "sfida" anche nella giornata di mercoledì scorso, mentre la media dei dati delle 11 sovrapposizioni vede il 6,81% di share per Otto e mezzo ed il 5,33% per Stasera Italia, dati sostanzialmente identici a quelli delle emissioni complete.

    Attualizzando ulteriormente il nostro focus ascolti con il ritorno in onda di Striscia la notizia, si registra nella giornata di lunedì 24 settembre il risultato più basso di Stasera Italia che é tornata anche ad ospitare il break pubblicitario.

    PROSEGUI LA LETTURA

    Focus ascolti: I target di Otto e mezzo e Stasera Italia é stato pubblicato su Tvblog.it alle 09:10 di Wednesday 26 September 2018

    Grande Fratello Vip 2018, Jane Alexander:

    Grande Fratello Vip 2018, Jane Alexander: "La mia prima volta con Thomas Calabro"


    Seconda serata per gli inquilini Vip del Grande Fratello e nuova serie di confidenze. Se nelle scorse ore sono giunte le rivelazioni a luci rosse fra i concorrenti reclusi in casa da ieri, a seguire quelle di Giulia Salemi nei confronti di Francesco...

    Seconda serata per gli inquilini Vip del Grande Fratello e nuova serie di confidenze. Se nelle scorse ore sono giunte le rivelazioni a luci rosse fra i concorrenti reclusi in casa da ieri, a seguire quelle di Giulia Salemi nei confronti di Francesco Monte e di Walter Nudo, ora tocca all'attrice Jane Alexander che approfitta dell'ambiente da salotto creato con i suoi compagni di viaggio nella caverna per lasciarsi andare ai suoi ricordi sulla sua prima volta:

    Avevo 16 anni, ero in un hotel di Roma. L'ho fatto con un attore americano di 30 anni che ho incontrato ad una festa di mia sorella, lei lavorava con lui. Era fidanzato ma lui mi disse di non preoccuparmi perché lui avrebbe pensato a tutto. Siamo usciti a cena insieme poi è siamo andati nella sua camera d'albergo e abbiamo fatto quello che abbiamo fatto.
    Grande Fratello Vip, Jane Alexander e i problemi con l’alcol: “Sono andata dagli alcolisti anonimi”

    Jane Alexander racconta i suoi problemi con l'alcol.

    Jane rivela che l'attore in questione non è uno qualunque, bensì Thomas Calabro, reso celebre dalla serie Statunitense Melrose Place negli anni '90 per il suo ruolo di Dr. Michael Mancini.

    La Alexander prosegue e conclude il racconto della sua esperienza:

    Lui mi disse 'ci vediamo tra 2 mesi o tra 2 anni'. Io da brava ragazzina cretina stavo sotto l'hotel ad aspettarlo 2 mesi dopo. Non solo, 2 anni dopo quella volta io lo aspettai sotto l'hotel.
    Di questo episodio, Jane conserva un bel ricordo proprio perché il suo desiderio era quello di essere formata sessualmente da un uomo di esperienza: "Desideravo un uomo che mi insegnasse il sess0 come sarebbe stato in futuro"

    Dal giorno della sua prima volta, Jane ha ammesso di non aver più rivisto l'attore.

    PROSEGUI LA LETTURA

    Grande Fratello Vip 2018, Jane Alexander: "La mia prima volta con Thomas Calabro" é stato pubblicato su Gossipblog.it alle 04:55 di Wednesday 26 September 2018

    Ex on the beach Italia: la prima edizione italiana del reality show di MTV

    Ex on the beach Italia: la prima edizione italiana del reality show di MTV


    A partire da mercoledì 26 settembre 2018, alle ore 22:50, avrà inizio la prima edizione italiana del programma di MTV, canale 130 di Sky, Ex on the beach.Ex on the beach Italia, che andrà in onda ogni mercoledì e che vedrà la partecipazione...

    A partire da mercoledì 26 settembre 2018, alle ore 22:50, avrà inizio la prima edizione italiana del programma di MTV, canale 130 di Sky, Ex on the beach.

    Ex on the beach Italia, che andrà in onda ogni mercoledì e che vedrà la partecipazione speciale di Elettra Lamborghini nel ruolo di inviata, eccezionalmente in occasione del primo appuntamento, andrà in onda con una doppia puntata.

    Ex on the beach è un format britannico che, dal 2014, ha sfornato un totale di 9 edizioni. Nel 2018, è stata realizzata anche la prima edizione statunitense del reality show.

    Anche in quest'edizione italiana, otto single, quattro ragazzi e quattro ragazze, si ritroveranno a fare i conti con il loro passato sentimentale sullo sfondo delle spiagge della Thailandia. Convinti di essere approdati ad un reality che permetterà loro di vivere una vacanza extra lusso, gli otto concorrenti si ritroveranno 12 ex pronti per rovinare loro la festa e per scombinare i piani della loro vacanza da single.

    Se dici sess0, su MTv nuovo docureality teen tra amore e tabù da abbattere

    Se dici sesso, su MTv (Sky, 133) alle 14.10 dal lunedì al venerdì per l'educazione sentimentale e sessuale dei ragazzi.

    Nella prima puntata di Ex On The Beach Italia, il pubblico conoscerà gli otto single che faranno il loro ingresso nella villa che li ospiterà in Thailandia: Michele (Mr. Universo), Vanessa – (La bisex), Gianluca (Il Marinaio), Miriam (La Snob), Andrea (Il maschio Alfa), Jessica (La Verace), Gianmarco (Il Ballerino) e Federica (L’influencer). Dopo la prima conoscenza di gruppo, le ragazze dovranno scegliere uno dei ragazzi per un primo appuntamento. La mattina seguente, i single scopriranno che stanno partecipando a Ex On The Beach Italia.

    Nella seconda puntata, invece, gli arrivi dei primi due ex porteranno subito scompiglio nel gruppo. L'arrivo imminenti degli ex sarà annunciato dal cosiddetto Tablet Del Terrore, pronto a suonare in qualsiasi momento.

    Ex On The Beach Italia è un programma prodotto da FreemantleMedia Italia.

    PROSEGUI LA LETTURA

    Ex on the beach Italia: la prima edizione italiana del reality show di MTV é stato pubblicato su Tvblog.it alle 03:07 di Wednesday 26 September 2018

    Red Dead Redemption 2 avrà 200 specie di animali

    Red Dead Redemption 2 avrà 200 specie di animali


    ...

    Gli autori di Rockstar Games pubblicano sui propri canali social delle nuove, meravigliose immagini di gioco di Red Dead Redemption 2 che mostrano il protagonista Arthur Morgan e alcune delle oltre 200 specie animali che popoleranno la Frontiera digitale del capolavoro annunciato di Take-Two Interactive.

    Il commento dei ragazzi della grande R che accompagna i nuovi scatti di RDR2 ci ricorda la precarietà della vita vissuta da coloro che hanno dovuto conquistare il selvaggio West: tra sconfinate praterie, deserti infuocati, paludi salmastre e montagne innevate piene di orsi, lupi e coccodrilli, anche i predatori più letali possono trasformarsi velocemente in prede.

    Red Dead Redemption 2: nuove immagini e informazioni sulle meccaniche di gioco

    Rockstar Games mostra tantissime nuove immagini di Red Dead Redemption 2 e conferma che potrà essere giocato anche in prima persona come GTA V

    La libertà d'azione e di scelta garantita all'utente sarà totale: le attività da svolgere all'aperto per ottenere esperienza, materiali e denaro da dividere con gli altri membri della banda di Van der Linde spazieranno quindi dalle sessioni di pesca sulla riva di un placido fiume alle ben più movimentate battute di caccia al bisonte. Solo gli esploratori più coraggiosi sapranno trovare la forza di abbandonare i sentieri e addentrarsi nei territori selvaggi dominati da creature capaci di abbattere un uomo adulto e il suo cavallo con una sola zampata.

    Prima di lasciarvi alla nuova galleria immagini di Red Dead Redemption 2, ricordiamo a chi ci segue che il kolossal a mondo aperto di Rockstar Games è previsto al lancio per il 26 ottobre su PlayStation 4 e Xbox One.

    14 Guarda la Galleria "Red Dead Redemption 2: nuove immagini sugli animali"

    PROSEGUI LA LETTURA

    Red Dead Redemption 2 avrà 200 specie di animali é stato pubblicato su Gamesblog.it alle 03:05 di Wednesday 26 September 2018

    Just Cause 4: il nuovo video svela la rivale di Rico

    Just Cause 4: il nuovo video svela la rivale di Rico


    Nel nuovo filmato di gioco di Just Cause 4, il team svedese di Avalanche si focalizza sulla figura di Gabriela Morales, la donna a capo dell'organizzazione criminale che ha preso il controllo della fittizia nazione centroamericana di Solis e che,...

    Nel nuovo filmato di gioco di Just Cause 4, il team svedese di Avalanche si focalizza sulla figura di Gabriela Morales, la donna a capo dell'organizzazione criminale che ha preso il controllo della fittizia nazione centroamericana di Solis e che, ovviamente, dovremo destituire a suon di bombe e di pallottole interpretando l'agente speciale Rico Rodriguez.

    La spietata leader della Mano Nera viene descritta dagli autori svedesi di Avalanche come l'avversario più temibile mai incontrato da Rico per un motivo estremamente semplice: il cartello guidato da Gabriela, infatti, è la forza più grande, meglio equipaggiata e meglio finanziata dell'intero pianeta, e Solis ne è la sua roccaforte. Il quartier generale della Mano Nera utilizza i proventi della vendita illegale di armi alle mafie, ai gruppi terroristici e agli stati canaglia di mezzo mondo per addrestrare truppe d'elite e sviluppare il proprio arsenale di armi sperimentali.

    Just Cause 4: nuovo video sui biomi di Solis

    Square Enix ci fa esplorare le diverse ambientazioni dell'arcipelago di Solis nel nuovo video diario di Just Cause 4

    Rispetto ai precedenti capitoli della saga, quindi, l'asticella del livello di difficoltà sarà piuttosto alta e obbligherà il nostro impavido eroe a fare appello a tutto il suo coraggio per riuscire a riportare la pace tra gli abitanti di Solis: per riuscire nell'impresa potremo avvalerci di armi e gadget ancora più avanzati, oltre ai veicoli terrestri, aerei e navali che reperiremo esplorando le diverse regioni in cui sarà divisa l'enorme mappa di gioco.

    Il lancio di Just Cause 4 è previsto per il 4 dicembre di quest'anno su PC, PlayStation 4 e Xbox One. Il nuovo capitolo dell'adrenalinica serie action a mondo aperto di Square Enix vanterà una mappa estremamente ampia, un comparto grafico di prim'ordine, un ampio ventaglio di elementi di equippagiamento e di armi tra cui scegliere e, soprattutto, un sistema meteorologico che promette di stravolgere l'esperienza di gioco con tornado, tempeste di sabbia, tsunami e grandinate.

    7 Guarda la Galleria "Just Cause 4: nuove immagini (15-06-2018)"

    PROSEGUI LA LETTURA

    Just Cause 4: il nuovo video svela la rivale di Rico é stato pubblicato su Gamesblog.it alle 02:33 di Wednesday 26 September 2018

    Temptation Island Vip 2018, seconda puntata

    Temptation Island Vip 2018, seconda puntata


    ...

    [live_placement]

    Questa sera alle 21:20 Temptation Island Vip torna per il secondo appuntamento condotto da Simona Ventura. Le telecamere raccontano le storie e il destino di sei coppie non sposate e senza figli in comune che hanno deciso liberamente di mettere alla prova il loro rapporto e avere conferme sulla propria storia d’amore.

    Le coppie sono messe alla prova per 3 settimane. Il racconto, affidato alle telecamere mostra come proseguono le storie e il destino delle coppie che, separate da giorni, vivono insieme ai single uomini e alle single donne.

    La prova del fuoco è il falò in spiaggia dove i protagonisti vedono esclusivamente attraverso dei filmati quello che accade al proprio/a partner nell’altro villaggio. Filmati che scatenano dubbi, riflessioni, gioie, ma anche rabbia, gelosie, tensioni e malinconie.

    Temptation Island Vip 2018 | Anticipazioni puntata 25 settembre 2018
    Dopo l’uscita di Fabio e Marcella Esposito, al Relais Is Morus in Sardegna sono rimaste 5 coppie Vip: Valeria Marini con Patrick Baldassari; Stefano Bettarini e Nicoletta Larini, Andrea Zenga e Alessandra Sgolastra; Nilufar Addati e Giordano Mazzocchi e Sossio Aruta con Ursula Bennardo.

    In questo appuntamento due coppie dovrebbero arrivare al confronto finale: da una parte Stefano Bettarini e la giovane fidanzata Nicoletta, dall'altra l'ex tronista Nilufar con il fresco fidanzato Giordano. Chi ne uscirà indenne?

    Temptation Island Vip | Single | Tentatori | Tentatrici
    I/le single chiamati/e ad ascoltare le loro paure, i loro timori, le loro insoddisfazioni ma anche a godere dei loro sorrisi, della loro gioia e allegria ventitre giovani perlopiu’ noti e di bella presenza che sono: la web influencer a cui hanno affibbiato un flirt con Cristiano Ronaldo Laura Bragato; l’impiegata nella studio di un commercialista e ex compagna del pilota della Superbike Niccolò Canepa Barbara Fumagalli; Laura Cremaschi, la notissima  “Bonas” del programma di Paolo Bonolis  “Avanti un altro”; la modella ed ex moglie del calciatore Blerim Dzemili Erjona Suvemani, imprenditrice immobiliare; la teacher di inglese Emma Dalla Benetta; la modella Ausra Belekaite; l’impiegata di uno studio medico Federica Ciocci; la bellissima personal trainer Sara Melucci; la studentessa di comunicazione della moda Carla Cinciripi; la studentessa di psicologia Martina Dattola e la ballerina Elena Berlato. E ancora… il cantante e autore musicale, figlio del grande Vasco, Davide Rossi; il giocatore di calcio del Cracovia e star della tv spagnola Ivan Gonzales; il palestratissimo e indimenticabile “lenticchio” Francesco Chiofalo; l’ex calciatore, poi tronista di “Uomini e Donne”, oggi aiuto regista Giorgio Alfieri; Pierpaolo Pretelli, ex velino della trasmissione di Antonio Ricci “Striscia la notizia” ed ex fidanzato dell’attrice Ariadna Romero che gestisce un ristorante; gli ex corteggiatori di “Uomini e donne” Nicolò Raniolo, educatore cinofilo, e Nicolò Ferrari, lo studente di giurisprudenza che si occupa anche della gestione del patrimonio familiare e l’ex tronista e gieffino, apprendista tatuatore, Andrea Cerioli colui che ha seguito le orme del padre ed è responsabile commerciale nell’azienda vinicola famigliare Andrea Tacconi; il consulente finanziario Artur Dainese, il modello e retail manager di un’azienda editoriale Guido Cicogna e l’attore e chirurgo estetico Antonio Braucci.
    Temptation Island Vip | Il format
    Temptation Island Vip è formato da quattro prime serate basate e riadattate dal format USA (distribuito in 22 Paesi) e prodotto dalla casa di produzione Fascino P.g.t per Mediaset.

    Il programma e’ scritto da: Raffaella Mennoia, Fabio Pastrello e Luca Zanforlin.

    Produttore esecutivo Fascino P.g.t.: Stefano Paramucchi. Produttore esecutivo Mediaset: Paolo Galanti. Costumi: Veronica Palucci; allestimento scene: Studio Daq.

    Direttore della fotografia: Tommaso Biciocchi.

    La regia è affidata all’esperienza di Andrea Vicario, che dirige e riprende in presa diretta il racconto che si svolge interamente in esterna.

    Temptation Island Vip | Dove vederlo in diretta tv e live streaming
    Temptation Island vip si può vedere, al martedì sera, in prima serata, su Canale 5. E' possibile, inoltre, guardare le clip più divertenti ed emozionanti su Witty Tv e Mediaset Play
    Temptation Island Vip | Second Screen
    Temptation Island Vip si può seguire anche sui social:
    Witty Tv www.wittytv.it/temptation-island
    FB Temptation Island
    IG @temptationisland_official
    TW @TempationITA
    #TemptationIslandVip



     

     

    30 Guarda la Galleria "Temptation Island Vip | puntata 25 settembre 2018"

    PROSEGUI LA LETTURA

    Temptation Island Vip 2018, seconda puntata é stato pubblicato su Tvblog.it alle 02:10 di Wednesday 26 September 2018

    Eleonora Daniele pronta al matrimonio:

    Eleonora Daniele pronta al matrimonio: "Mi sposo con Giulio Tassoni"


    Eleonora Daniele è pronta alle nozze. L'annuncio lo ha dato la stessa conduttrice su Chi: Finalmente dopo quindici anni di fidanzamento e quattro di convivenza io e Giulio ci sposiamo. Lo faremo in chiesa e io avrò l'abito bianco con lo strascico. La...

    Eleonora Daniele è pronta alle nozze. L'annuncio lo ha dato la stessa conduttrice su Chi:

    Finalmente dopo quindici anni di fidanzamento e quattro di convivenza io e Giulio ci sposiamo. Lo faremo in chiesa e io avrò l'abito bianco con lo strascico.
    La conduttrice di Storie Italiane è fidanzata con Giulio Tassoni, imprenditore romano nel settore della cosmesi. Eleonora ha passato un periodo difficile, affrontando la morte del fratello, ma Giulio è sempre stato al suo fianco.
    Sono stati anni difficili dopo la morte di mio fratello Luigi tre anni fa. Soffriva di autismo, ma è mancato all'improvviso e non è stato facile superare il dolore. È ancora molto complicato parlarne. Per questo mi sono buttata a capofitto nel lavoro e nello studio, speravo di riuscire a non pensarci, ma lui era sempre lì con me.
    Adesso per la Daniele è tempo di pensare a un nuovo capitolo della sua vita. Che ci sia spazio anche per un figlio?
    Se penso a un figlio? Non si sa mai, ma intanto ora vorrei tornare a dedicarmi di più alla mia vita privata e ai miei affetti.

    PROSEGUI LA LETTURA

    Eleonora Daniele pronta al matrimonio: "Mi sposo con Giulio Tassoni" é stato pubblicato su Gossipblog.it alle 01:18 di Wednesday 26 September 2018

    Renzi attacca Zingaretti: “non adatto alla segreteria, molto ambiguo con i 5 Stelle”

    Renzi attacca Zingaretti: “non adatto alla segreteria, molto ambiguo con i 5 Stelle”


    Matteo Renzi all’attacco del candidato alla segreteria del Pd Nicola Zingaretti. Perché la candidatura del presidente della Regione Lazio non piace a Renzi? Ufficialmente per "l’ambiguità" del governatore verso il MoVimento 5 Stelle. ...

    Matteo Renzi all’attacco del candidato alla segreteria del Pd Nicola Zingaretti. Perché la candidatura del presidente della Regione Lazio non piace a Renzi? Ufficialmente per "l’ambiguità" del governatore verso il MoVimento 5 Stelle.

    Zingaretti: 'mai con il M5s'. I timori dei renziani per l'ascesa del governatore

    Applausi per il governatore nel suo intervento dal palco di Areadem a Cortona

    Dice Renzi intervistato da Lilli Gruber a Otto e Mezzo su La7: "non credo che (Zingaretti) vada bene come candidato alle primarie del Pd, la sua posizione sul M5s è molto ambigua. Per me è fondamentale - ha aggiunto Renzi - dire con chiarezza che non si possono fare accordi con chi non vuole i vaccini. Dopodiché se vince Zingaretti non faccio quello che hanno fatto a me, il fuoco amico". Renzi ha poi escluso una sua candidatura alla primarie del Pd: "No, il mio ciclo alla guida del Pd si è chiuso, io farò altro a partire dalla stazione Leopolda” a fine ottobre prossimo.

    Il senatore Pd si defila anche sul nome del "suo" candidato alla segreteria: "aspettiamo la data del Congresso" mentre non perde l’occasione di attaccare il governo per il decreto Genova che sarebbe giunto sul tavolo della Ragioneria generale dello Stato senza l’indicazione delle necessarie coperture finanziarie. "Questi si sono persi il decreto di Genova. Hanno organizzato la ola al funerale che sembrava una roba da Curva Sud, hanno promesso che ricostruivano il Ponte con società pubbliche. Oggi, a distanza di 40 giorni, il decreto non c'è più".

    PROSEGUI LA LETTURA

    Renzi attacca Zingaretti: “non adatto alla segreteria, molto ambiguo con i 5 Stelle” é stato pubblicato su Polisblog.it alle 00:42 di Wednesday 26 September 2018

    Serie A: Inter-Fiorentina 2-1, i video dei gol


    Inter-Fiorentina 2-1: i nerazzurri tornano in vantaggio al 77' della ripresa con il gol di D'Ambrosio che come si vede nel video triangola con Icardi in area e infila il portiere viola Lafont.Inter-Fiorentina 1-1, video autogol Skriniar Inter-Fiorentina...

    Inter-Fiorentina 2-1: i nerazzurri tornano in vantaggio al 77' della ripresa con il gol di D'Ambrosio che come si vede nel video triangola con Icardi in area e infila il portiere viola Lafont.

    Inter-Fiorentina 1-1, video autogol Skriniar

    Inter-Fiorentina 1-1: a riportare la situazione in parità al 53' del secondo tempo la decisiva deviazione del difensore interista Skriniar su tiro di Chiesa.

    Inter-Fiorentina 1-0, video gol Icardi

    Inter-Fiorentina 1-0 al 44' del primo tempo grazie al gol di Icardi su rigore, come si vede nel video in alto, dopo la concessione del penalty da parte del Var; su cross di Candreva, Hugo aveva toccato di mano suscitando le proteste dei giocatori dell'Inter.

    PROSEGUI LA LETTURA

    Serie A: Inter-Fiorentina 2-1, i video dei gol é stato pubblicato su Calcioblog.it alle 00:22 di Wednesday 26 September 2018

    Bill Cosby condannato da 3 a 10 anni di carcere

    Bill Cosby condannato da 3 a 10 anni di carcere


    Bill Cosby, condannato per aggressione sessuale ad aprile scorso, dovrà scontare da 3 a 10 anni di carcere secondo la sentenza emessa in giornata dal tribunale di Norristown, in Pennsylvania. L'accusa aveva chiesto dai 5 ai 10 anni e Cosby in aula è...

    Bill Cosby, condannato per aggressione sessuale ad aprile scorso, dovrà scontare da 3 a 10 anni di carcere secondo la sentenza emessa in giornata dal tribunale di Norristown, in Pennsylvania. L'accusa aveva chiesto dai 5 ai 10 anni e Cosby in aula è stato descritto come un "violento predatore sessuale". Il "papà dei Robinson", che ha 81 anni, è stata condannato per un'aggressione avvenuta nel 2004.

    Bill Cosby: papà Robinson condannato per aggressione sessuale

    26 aprile 2018

    Bill Cosby colpevole. Il papà dei Robinson è stato condannato per molestie sessuali aggravate poco fa. A differenza dell’anno scorso quando la giuria non aveva raggiunto un verdetto unanime sulle tre accuse di molestie sessuali aggravate e il processo era stato annullato questa volta Bill Cosby è stato giudicato colpevole di aggressione sessuale.

    A mettere nei guai Cosby, Andrea Constand, ex cestista che aveva accusato il popolare attore amaricano di averla drogata per poi usarle violenza, un modus operandi che anche altre donne, altre presunte vittime di Cosby, hanno riconosciuto come proprio della star dei Robinson.

    Andrea Constand, che oggi ha 44, era una ex giocatrice di basket della Temple University di Philadelphia ai tempi delle denunciate molestie, 14 anni fa. All’epoca Bill Cosby era membro del consiglio di amministrazione della Temple.

    L’attore, che ha più di 80 anni, si è sempre difeso dalla accuse pur ammettendo l’acquisto di farmaci dall’azione sedativa. La giuria era composta da 12 persone tra cui due afroamericani.

    Bill Cosby: processo nullo

    17 giugno 2017

    Il processo contro l'attore americano Bill Cosby accusato di molestie sessuali aggravate è stato dichiaro nullo dal giudice. Dopo sei giorni di camera di consiglio la giuria non era stato in grado di raggiungere una posizione unanime e quindi un verdetto.

    Il giudice aveva rimandato i giurati, tra cui cinque donne, in camera di consiglio ma la nuova sessione non ha portato a nulla, così dopo altre 40 ore di deliberazione il giudice ha pronunciato la parola che tutti gli imputati sperano di sentire “mistrail”: il procedimento è stata annullato per impossibilità della giuria di raggiungere il verdetto.

    La pubblica accusa però non si arrende e i procuratori sono pronti a istruire un nuovo processo contro l’attore oggi 79enne accusato dall'ex direttrice della squadra di basket della Temple University di Filadelfia di averla drogata e di aver abusato di lei.

    Il procuratore distrettuale Kevin Steele, come riferisce la Cnn, ha dichiarato che proverà di nuovo anche se non subito a intentare un nuovo processo contro l’attore protagonista della fortunata serie tv “I Robinson”.

    Bill Cosby: i giurati non raggiungono l'unanimità - Video

    16 giugno 2017.Slitta la sentenza per il processo a Bill Cosby, i giurati non sono riusciti a raggiungere l’unanimità sulle nessuna delle tre accuse di molestie sessuali aggravate che vedono l’attore della celebre serie tv "I Robinson” alla sbarra a Norristown, in Pennsylvania, dove vive.

    I dodici membri della giuria, sette uomini e cinque donne, dopo quattro giorni e 30 ore di camera di consiglio chiusi in un hotel, non sono arrivati a un verdetto unanime, così come richiesto dalle leggi americane. Il giudice li ha invitati a continuare la discussione.

    Contro Bill Cosby, che oggi ha 79 anni, altre donne hanno avanzato accuse simili ma questo è, almeno per ora, l’unico procedimento penale aperto a carico del popolare attore.

    A portare a processo Cosby è stata la denuncia di una ex dipendente del team di basketball della Temple University di Philadelphia secondo cui a inizia 2004 Cosby l’avrebbe fatta entrare in casa sua per poi abusarne dopo averla drogata.

    "Papà Robinson" ha fin dall'inizio rigettato le accuse ammettendo solo che tra lui e l'accusatrice c'è sì stato un contatto sessuale, ma consenziente. L’attore in caso di condanna rischia 10 anni di carcere e 25.000 dollari di multa.

    Attesa per la sentenza su Bill Cosby, star dei Robinson

    15 giugno 2017. C’è attesa per la sentenza a carico di Bill Cosby, il popolare attore americano, reso celebre dalla serie tv "I Robinson" attende il verdetto così come la sua accusatrice che lo ha fatto finire alla sbarra per l’accusa di molestia sessuale aggravata mentre almeno un’altra decina di donne puntano il dito contro l’attore per lo stesso motivo.

    Bill Cosby, al via il processo per violenza sessuale

    Bill Cosby è stato incriminato ufficialmente nel 2014 per un episodio avvenuto, secondo l’accusa, dieci anni prima.

    La sentenza verrà emessa a Norristown, in Pennsylvania. Bill Cosby finirà in carcere? l’(ex) attore-simbolo della tv a stelle e strisce, a processo con l'accusa di aver drogato e molestato sessualmente una donna oltre 10 anni fa, ha ormai visto macchiata la sua immagine irrimediabilmente? Di certo c’è che la giuria è chiusa da quattro giorni in camera di consiglio ma non è ancora giunta a un verdetto unanime.

    "Credo che stiano provando a decidere bene, ci sono molti dettagli da capire, c'è molto in gioco, è un caso di alto profilo” dice una delle accusatrici di Bill Cosby, tutte sperano che giustizia sia fatta.

    Cosby rischia fino a 10 anni di carcere, durante le udienze si è rifiutato di deporre ma si è fatto sempre accompagnare dalla moglie sottobraccio, come a voler dimostrare a media e giuria la fiducia della consorte nella sua innocenza.

    PROSEGUI LA LETTURA

    Bill Cosby condannato da 3 a 10 anni di carcere é stato pubblicato su Cronacaeattualita.blogosfere.it alle 23:23 di Tuesday 25 September 2018

    Manovra, Di Maio:

    Manovra, Di Maio: "reddito di cittadinanza da marzo 2019"


    Novità in vista del varo della Legge di bilancio 2019: il governo Conte starebbe studiando un taglio delle accise sui carburanti per 250-300 milioni di euro. I fondi arriverebbero dall'extra gettito dell'Iva sulla benzina ottenuto durante l'anno. Il...

    Novità in vista del varo della Legge di bilancio 2019: il governo Conte starebbe studiando un taglio delle accise sui carburanti per 250-300 milioni di euro. I fondi arriverebbero dall'extra gettito dell'Iva sulla benzina ottenuto durante l'anno. Il tutto si tradurrebbe in un taglio di massimo 3 centesimi sulla verde oppure di un centesimo sul diesel. Per quanto riguarda la questione deficit invece sarebbe confermata l'intenzione di andare appena un decimale sotto la soglia psicologica del 2%, portandolo all'1,9%, ma il tetto potrebbe essere poi rialzato nel corso della discussione parlamentare fino al 2,1%.

    Intanto stasera il Ministro dello Sviluppo e vicepremier Luigi Di Maio incontrerà gli altri Ministri del MoVimento 5 Stelle a due giorni dalla scadenza per la presentazione della Nota di aggiornamento del Def, il Documento di economia e finanza che dovrà tracciare i limiti contabili della manovra del governo Conte. Tra gli argomenti in agenda al tavolo pentastellato ci sarà chiaramente il reddito di cittadinanza che secondo l'annuncio fatto da Di Maio sarà a regime da marzo 2019, non si è capito ancora se con un provvedimento specifico collegato alla manovra.

    In proposito il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Guido Guidesi (Lega) ha parlato di legare l'erogazione del reddito di cittadinanza - che partirà a metà marzo 2019 con l'avvio dei "nuovi" centri per l'impiego - alla condizione economica che risulta dall'Isee o in alternativa di pensarlo come un incentivo all'occupazione, probabilmente legandolo a tempi stabiliti.

    Manovra, Tria: flat tax e reddito di cittadinanza insieme

    8 settembre 2018

    16.50 - Sulla manovra 2019 è il ministro dell'Economia Giovanni Tria a rassicurare che "ci sono margini" per far partire insieme tutte e tre le principali riforme promesse dal governo: reddito di cittadinanza, flat tax e superamento della legge Fornero. Tria ha spiegato che "ovviamente" c'è necessità di un bilanciamento" e che si discute "se dare più accento su una o l'altra, ma partiranno tutte e tre". Il ministro ha parlato a margine dell'Ecofin di oggi a Vienna.

    Sulla legge di bilancio 2019 del governo Conte è lo stesso premier a rassicurare su reddito di cittadinanza e riforma fiscale: "saranno due pilastri su cui lavoreremo per sagomare una manovra che sia anche di equità sociale". Intervenuto oggi alla Fiera del Levante di Bari il presidente del Consiglio ha aggiunto: "Faremo una manovra seria, terremo i conti in ordine ma saremo coraggiosi".

    Il governo ha cambiato faccia con l’Europa: le dichiarazioni incendiare del Ministro dello Sviluppo e Lavoro Luigi Di Maio sullo sforamento del deficit del 3%, che significherebbe miliardi in più da poter spendere, hanno lasciato il posto a toni morbidi e concilianti.

    Roma ha bisogno che Bruxelles conceda flessibilità per almeno 12-15 miliardi. Il ministro Tria per il 2019 vuole un deficit al di sotto del 2% del Pil (all'1,9-1,8%) secondo Reuters che cita fondi vicine al titolare del Mef. L’opposizione di Di Maio in merito sarebbe stata ormai superata in cambio di un allargamento dei cordoni della borsa da parte dell’Ue.

    L'esecutivo gialloverde e i due veri capi del governo, appunto Di Maio e l’altro vice premier Matteo Salvini, al di là degli annunci propagandistici, spesso smentiti il giorno dopo dai fatti, vedi il pagamento anticipato della quota mensile al bilancio Ue, sono consci che il muro contro muro con Bruxelles non paga. Da qui il cambio di strategia.

    E a proposito di manovra il Ministro dell’Interno Salvini ha precisato che l’altra grande promessa elettorale, quella della Lega, cioè la flat tax al 15%, sarà sì avviata con la legge di bilancio ma "bisogna vedere se si parte dalle famiglie o dalle partite Iva". Stesso discorso per il reddito di cittadinanza che almeno per quest’anno non sarà per tutti.

    Legge di Bilancio, Conte: "UE capirà significato riforme"

    21 agosto 2018

    La legge di bilancio 2019 del governo Conte finirà al vaglio dell’Europa entro metà ottobre. In vista dell’importante appuntamento si moltiplicano i segnali inviati dall’esecutivo del cambiamento a Bruxelles.

    Sullo sfondo, ma non troppo, l’atteso giudizio delle agenzie di rating con Moody’s che ha già manifestato tutte le sue preoccupazioni per la tenuta dei nostri conti pubblici se la soglia del 3% del rapporto deficit-pil venisse forzata e le riforme promesse dal governo Conte venissero davvero realizzate, a partire dall'introduzione del reddito di cittadinanza.

    La manovra 2019 sarà come sempre preceduta dalla nota di aggiornamento del Def (Documento di economia e finanza) che entro fine settembre permetterà di delineare più chiaramente obiettivi e margini di quella che una volta si chiamava legge finanziaria. Entro la fine del prossimo mese lo stato di salute dei nostri conti pubblici sarà più definito, poi si dovrà mettere mano concretamente alle coperture per sminare innanzitutto l’aumento dell’Iva.

    Il premier Giuseppe Conte oggi in un’intervista al Corriere della Sera ha detto:
 "lavoriamo con determinazione e convinzione al raggiungimento dei nostri obiettivi politici. Il debito pubblico è sostenibile e in ogni caso si può risanare con gradualità, ponendo attenzione alle ragioni della crescita". Conte ha aggiunto di essere pronto a "viaggiare tutti i giorni se necessario" per far capire alla commissione UE "le varie riforme strutturali e il piano di investimenti che presenteremo, e per attestare la nostra lucida e consapevole determinazione".

    "Andremo per gradi. La prima cosa è far capire all'Europa il significato e la portata delle nostre riforme" ha insistito il premier ribadendo in sostanza quello che aveva detto ieri il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti, fedelissimo di Salvini: non saranno i vincoli europei a bloccare la legge di bilancio che il governo Conte intende licenziare per avviare le riforme e il cambiamento promesso.

    Manovra, vertice di governo: "avanti su conti e calo debito"

    14 agosto 2018

    Grandi manovre in vista della Legge di bilancio del governo Conte. Palazzo Chigi informa oggi con una nota del colloquio telefonico avuto ieri su Def e legge di bilancio 2019 tra il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, i due vice premier, Luigi Di Maio e Matteo Salvini, e il ministro dell'Economia e delle Finanze Giovanni Tria.

    Dall’esame condiviso del quadro macro-economico attuale sono stati definiti obiettivi e dettagli del quadro programmatico da presentare a settembre, in linea con le finalità programmatiche già dichiarate: stabilità delle finanze e prosecuzione della riduzione del rapporto debito-pil.

    Intanto si sa che la Legge di bilancio del governo Conte dovrà mettere in cantiere una spesa di non meno di 20 miliardi di euro per evitare l’aumento dell’Iva e avviare le due grandi promesse elettorali di Lega e M5s, cioè rispettivamente flat tax e reddito di cittadinanza.

    Si parla già di metà manovra da finanziarie in deficit ma su questo si dovranno fare i conti con Bruxelles, anche se il governo sembra abbastanza ottimista in merito. I tecnici del Tesoro sono al lavoro sulle proposte di intervento che potrebbero trovato il favore dell’Europa.

    Incombe lo spettro dell’aumento dell’Iva che senza sminare la clausole di salvaguardia scatta dal 2019, solo per questo il governo deve trovare 12,5 miliardi di euro mentre per la prima “tranche” della flat tax e il primo modulo del reddito di cittadinanza servirebbero almeno altri 7 miliardi.

    Def in aula il 19 giugno: le priorità in vista della Legge di Bilancio

    15 giugno 2018

    Legge di Bilancio 2019: il governo Conte dopo la pausa estiva sarà alla prese con la definizione precisa degli obiettivi e delle coperture necessarie a sostenere la nuova manovra finanziaria ma il lavoro è già iniziato con il Documento di economia e finanza (Def).

    Tra i temi da affrontare e finanziare con la Legge di Bilancio 2019 la neutralizzazione delle clausole di salvaguardia per evitare l’aumento dell’IVA. Altri temi e capitoli di spesa riguardano le pensioni, con il ritorno di quota 100, e la riforma degli ammortizzatori e sussidi sociali, con il reddito di cittadinanza che non è chiaro se e come sarà finanziato già a partire dall’anno prossimo.

    Tra le altre materie da affrontare nelle maglie della Legge di Bilancio 2019 i bonus fiscali, gli sgravi per le assunzioni di giovani a tempo indeterminato, le misure a favore delle imprese, la flat tax e l’eventuale definizione di nuovi incentivi e investimenti.

    Il ministro del lavoro e dello Sviluppo Luigi Di Maio ha chiarito più volte, anche oggi, che l’Iva non aumenterà, ma dove saranno trovate le coperture questo ancora non è dato sapere. Maggioranza e governo intanto stanno lavorando al Documento di economia e finanza, "anticipo" della Legge di Bilancio (ex legge di Stabilità) che verrà.

    La sterilizzazione delle clausole di salvaguardia Iva costerebbe 12,5 miliardi. La prima fase del reddito di cittadinanza, con la riforma dei centri per l'impiego “solo” 2 miliardi; la prima tranche della flat tax molto di più, 30 miliardi di euro. Il Def sarà in aula per il voto martedì prossimo, 19 giugno.

    Nella bozza del Documento di programmazione economica e finanziaria le priorità sono appunto bloccare gli aumenti di Iva e accise e tracciare rapidamente un nuovo quadro di finanza pubblica che rispetti gli "impegni europei sui saldi 2018-2019" ma che sia compatibile con gli "interventi prioritari" definiti nel discorso programmatico del governo Conte. 

    Per evitare l’aumento dell'Iva si potrebbe agire sul deficit alzando l’asticella all'1,5% del Pil dall’attuale previsione dello 0,8% ma poi non rimarrebbero altri spazi o margini di manovra con l’Ue. Sullo sfondo, l’Eurogruppo e l'Ecofin del 21 e 22 giugno a Lussemburgo, quando la risoluzione parlamentare sul Def dovrebbe già essere stata approvata.

    PROSEGUI LA LETTURA

    Manovra, Di Maio: "reddito di cittadinanza da marzo 2019" é stato pubblicato su Polisblog.it alle 23:20 di Tuesday 25 September 2018

    Bologna: omicidio 16enne, fermato un minore

    Bologna: omicidio 16enne, fermato un minore


    20.32 - Un minore è stato fermato per l'omicidio del 16enne scomparso da casa sua una settimana fa e rinvenuto cadavere nelle scorse ore in un pozzo a Tiola di Castello di Serravalle, in provincia di Modena. I carabinieri hanno notificato al minorenne...

    20.32 - Un minore è stato fermato per l'omicidio del 16enne scomparso da casa sua una settimana fa e rinvenuto cadavere nelle scorse ore in un pozzo a Tiola di Castello di Serravalle, in provincia di Modena. I carabinieri hanno notificato al minorenne il provvedimento di fermo per l'accusa di omicidio emesso dalla procura di Bologna. Il presunto omicida avrebbe usato la pistola del padre.

    Bologna, trovato morto il 16enne Giuseppe Balboni: era sparito lunedì 17 settembre

    Si sono concluse nel peggiore dei modi le ricerche del 16enne Giuseppe Balboni, svanito nel nulla lunedì scorso da Zocca, in provincia di Modena. Oggi, a otto giorni dalla sua sparizione, il corpo del giovanissimo è stato rinvenuto in un pozzo nelle campagne di Castello di Serravalle, in provincia di Bologna.

    Balboni aveva fatto perdere le proprie tracce all'alba di lunedì 17 settembre. Si era allontanato da casa a bordo del suo motorino e da quel momento nessuno aveva più avuto sue notizie.

    Nei giorni scorsi il motorino era stato rinvenuto a Castello di Serravalle, abbandonato vicino ad una fontana e ricoperto di foglie. Quel ritrovamento aveva fatto concentrare le ricerche proprio in quella zona e proprio lì furono poi rinvenuti il giubbotto e il portafogli del 16enne.

    Oggi il macabro ritrovamento. Il corpo del giovanissimo si trovava in un pozzo profondo circa 3 metri. Sarà l'autopsia a chiarire le cause del decesso, ma gli inquirenti, sulla base degli elementi raccolti in questi giorni, sono propensi a parlare di omicidio.

    Le indagini sono in corso.

    Merano: donna uccisa a coltellate, fermato un uomo

    Omicidio a Merano, in provincia di Bolzano: una donna è stata uccisa a coltellate probabilmente in un casa di Via Laurin

    Foto | iStock

    PROSEGUI LA LETTURA

    Bologna: omicidio 16enne, fermato un minore é stato pubblicato su Cronacaeattualita.blogosfere.it alle 22:35 di Tuesday 25 September 2018

    DL Genova bocciato dalla Ragioneria. Governo:

    DL Genova bocciato dalla Ragioneria. Governo: "coperture ci sono"


    19.45 - La Ragioneria dello Stato corretta da Palazzo Chigi secondo cui non è vero che manca l'indicazione delle coperture finanziarie nel decreto Genova. Il governo in una nota assicura che non c'è "nessun ritardo per l'avvio delle misure di...

    19.45 - La Ragioneria dello Stato corretta da Palazzo Chigi secondo cui non è vero che manca l'indicazione delle coperture finanziarie nel decreto Genova. Il governo in una nota assicura che non c'è "nessun ritardo per l'avvio delle misure di sostegno contenute nel decreto tanto che dal ministero dell'Economia hanno appena confermato di avere terminato le valutazioni di propria competenza e che il decreto legge sta per essere inviato al Quirinale".

    Il decreto Genova non passa il vaglio della Ragioneria generale dello Stato. Almeno per ora. Fonti del Ministero dell'economia e delle finanze (Mef) spiegano che se "a volte le carenze riguardano parti limitate di un provvedimento che si risolvono in maniera più semplice" questa volta invece il decreto legge è arrivato negli uffici del Mef "in una versione molto incompleta".
    Ponte Morandi, Commissione Mit accusa Autostrade: 'emerge una irresponsabile minimizzazione dei necessari interventi'

    La Commissione ispettiva del Mit ha pubblicato la sua relazione sul crollo del Ponte Morandi


    Le stesse fonti precisano però che la Ragioneria generale di Stato non ha bloccato il decreto ma che al contrario è impegnata per farlo "andare in porto" una volta che potrà però valutarne il costo dato che il provvedimento è stato presentato "senza alcuna indicazione degli oneri e delle relative coperture". Ragion per cui: "i tecnici della Ragioneria stanno lavorando per valutare le quantificazioni dei costi e individuare le coperture".

    La Ragioneria generale dello Stato smentisce quindi un blocco del decreto legge sul ponte di Genova. Se non si può parlare di blocco sicuramente è una sonora bocciatura di una bozza giudicata del tutto insufficiente nella sua parte finanziaria. Solo dopo aver valutato costi e coperture il decreto Genova potrà essere bollinato e inviato al Presidente della Repubblica per la promulgazione, ricordano dal Ministero di Via XX Settembre.

    FI attacca: "il giocoso Toninelli"

    Le opposizioni ci vanno a nozze. Il deputato di Forza Italia Osvaldo Napoli parla di "vicenda surreale, umiliante per Genova e i genovesi. Sono trascorsi più di quaranta giorni dalla tragedia del viadotto Polcevera e il Consiglio dei ministri ha licenziato un decreto «salvo intese» senza indicare un solo numero circa le risorse necessarie per la demolizione dei tronconi del viadotto e per la sua ricostruzione. E il giocoso ministro Toninelli ha pensato bene di chiedere alla Ragioneria dello Stato la bollinatura su un provvedimento urgente senza indicare una sola cifra degli impegni di spesa".

    Ma quanti soldi servono nell'immediato: secondo l'assessore ai Lavori pubblici della Regione Liguria Giacomo Giampedrone "a spanne" 120-130 milioni di euro, zona franca urbana inclusa, per un periodo di emergenza di 12 mesi.

    Toninelli sorride di fronte al plastico del Ponte Morandi: bufera social sul ministro

    Dopo le accuse il ministro si difende su Facebook: "Foto innocua. Chi la usa è un burattino al soldo di chi finanzia certa stampa"

    PROSEGUI LA LETTURA

    DL Genova bocciato dalla Ragioneria. Governo: "coperture ci sono" é stato pubblicato su Polisblog.it alle 21:44 di Tuesday 25 September 2018

    Andrea e Matteo Bocelli: Fall on me è il nuovo singolo

    Andrea e Matteo Bocelli: Fall on me è il nuovo singolo


    A partire dal 20 settembre, è disponibile il primo singolo di Andrea Bocelli estratto dal suo album Sì, il nuovo lavoro discografico pop del tenore toscano che verrà pubblicato il prossimo 26 ottobre.Il primo singolo estratto da quest'album si...

    A partire dal 20 settembre, è disponibile il primo singolo di Andrea Bocelli estratto dal suo album Sì, il nuovo lavoro discografico pop del tenore toscano che verrà pubblicato il prossimo 26 ottobre.

    Il primo singolo estratto da quest'album si intitola Fall on me e si tratta di un duetto tra Andrea Bocelli e il figlio Matteo, al suo debutto nella discografia. Matteo Bocelli risulta anche tra gli autori del brano.

    Il singolo, che sarà disponibile in 5 lingue, sarà inserito nella colonna sonora del film Disney, Lo Schiaccianoci e i Quattro Regni.

    Di seguito, trovate il testo e la traduzione di Fall on me.

    Andrea e Matteo Bocelli - Fall on me | Testo

    I thought sooner or later
    The lights up above
    Will come down in circles and guide me to love
    But I don't know what’s right for me
    I cannot see straight
    I've been here too long and I don't want to wait for it
    Fly like a cannonball, straight to my soul
    Tear me to pieces
    And make me feel whole
    I’m willing to fight for it and carry this weight
    But with every step
    I keep questioning what it's true.

    Fall on me
    With open arms
    Fall on me
    From where you are
    Fall on me
    With all your light
    With all your light
    With all your light.

    Presto una luce ti illuminerà
    Seguila sempre, guidarti saprà
    Tu non arrenderti, attento a non perderti
    E il tuo passato avrà senso per te
    Vorrei che credessi in te stesso, ma sì
    In ogni passo che muoverai qui
    È un viaggio infinito
    Sorriderò se
    Nel tempo che fugge mi porti con te.

    Fall on me
    Ascoltami
    Fall on me
    Abbracciami
    Fall on me
    Finché vorrai
    Finché vorrai
    Finché vorrai
    Finché vorrai.

    I close my eyes
    And I'm seeing you everywhere
    I step outside
    It's like I'm breathing you in the air
    I can feel you're there.

    Fall on me
    Ascoltami
    Fall on me
    Abbracciami
    Fall on me
    With all your light
    With all your light
    With all your light.

    Andrea e Matteo Bocelli - Fall on me | Traduzione

    Ho pensato che prima o poi
    Le luci si accenderanno
    scenderanno in cerchio e mi guideranno verso l'amore
    ma non so cos'è giusto per me
    non riesco a vedere dritto
    sono qui da troppo tempo e non voglio aspettarlo
    Vola come una palla di un cannone, dritta nella mia anima
    Mi fa a pezzi
    e mi fa sentire intero
    Sono disposto a combattere per questo e a portare questo peso
    Ma ad ogni passo
    continuo a mettere in discussione ciò che è vero.

    Cadi su di me
    a braccia aperte
    Cadi su di me
    da dove ti trovi
    Cadi su di me
    con tutta la tua luce
    con tutta la tua luce
    con tutta la tua luce.

    Presto una luce ti illuminerà
    Seguila sempre, guidarti saprà
    Tu non arrenderti, attento a non perderti
    E il tuo passato avrà senso per te
    Vorrei che credessi in te stesso, ma sì
    In ogni passo che muoverai qui
    È un viaggio infinito
    Sorriderò se
    Nel tempo che fugge mi porti con te.

    Cadi su di me
    Ascoltami
    Cadi su di me
    Abbracciami
    Cadi su di me
    Finché vorrai
    Finché vorrai
    Finché vorrai
    Finché vorrai.

    Chiudo i miei occhi
    e ti sto vedendo ovunque
    Esco fuori
    è come se ti stessi respirando nell'aria
    posso sentire che sei lì.

    Cadi su di me
    Ascoltami
    Cadi su di me
    Abbracciami
    Cadi su di me
    con tutta la tua luce
    con tutta la tua luce
    con tutta la tua luce.

    PROSEGUI LA LETTURA

    Andrea e Matteo Bocelli: Fall on me è il nuovo singolo é stato pubblicato su Soundsblog.it alle 20:59 di Tuesday 25 September 2018

    Versace venduta a Michael Kors Holdings per 1,83 miliardi

    Versace venduta a Michael Kors Holdings per 1,83 miliardi


    Ne parlavamo solo ieri, premettendo alla notizia un gigantesco condizionale. Oggi la frase diventa affermativa, perché effettivamente Versace non veste più bandiera italiana ma statunitense. Il colosso Michael Kors Holdings ha acquistato l'azienda...

    Ne parlavamo solo ieri, premettendo alla notizia un gigantesco condizionale. Oggi la frase diventa affermativa, perché effettivamente Versace non veste più bandiera italiana ma statunitense. Il colosso Michael Kors Holdings ha acquistato l'azienda della Medusa, di Santo e Donatella Versace, più la figlia di quest'ultima, Allegra, per la "modica" somma di 1,83 miliardi di euro, circa 2,12 miliardi di dollari americani.

    A dirlo è proprio il gruppo a stelle e strisce in una nota ufficiale, in cui si chiarisce che Michael Kors Holdings, dopo l'acquisizione, cambierà nome in Capri Holdings. Alla famiglia Versace verrà elargito un monte azioni pari a 150 milioni di euro, permettendo così il mantenimento di una quota aziendale pari all'1,5%, con Donatella che continuerà ad essere la stilista.

    Queste le parole di Donatella Versace:

    Santo, Allegra e io siamo consapevoli che questo prossimo passo consentirà a Versace di raggiungere il suo pieno potenziale. Siamo tutti molto eccitati di unirci al gruppo guidato da John Idol, che ho sempre ammirato come un leader visionario ma anche forte e appassionato. Riteniamo che essere parte di questo gruppo sia essenziale per il successo nel lungo termine di Versace

    Donatella Versace

    E ancora:

    Sono passati più di vent'anni da quando ho preso in mano la società insieme a mio fratello Santo e mia figlia Allegra. Sono orgogliosa che Versace resti molto forte sia nel fashion che nella cultura moderna. Versace non e' solo sinonimo del suo stile iconico e inimitabile, ma anche dell'essere inclusivi e di abbracciare la diversità, come pure di permettere alle persone di esprimere loro stesse

    Donatella Versace

    Tutti felici? Non proprio. Come ogni volta che un marchio made in Italy lascia il territorio in cui è nato, un certo magone nel petto sale. Non potrebbe essere diversamente. In questo clima di stravolgimenti qualcosa però resta intatto, il CEO del marchio per la precisione, Jonathan Akeroyd, che dal 2016 si occupa del brand Versace. Si spera che il manager non abbia paura di sporcarsi un po' le mani per far crescere la Medusa nel rispetto della sua storia. Nonostante tutto.

    Via | Affari Italiani

    PROSEGUI LA LETTURA

    Versace venduta a Michael Kors Holdings per 1,83 miliardi é stato pubblicato su Fashionblog.it alle 18:49 di Tuesday 25 September 2018

    Lino Banfi:

    Lino Banfi: "Adesso che potremmo goderci la vita, mia moglie si è ammalata"


    Dopo aver affrontato il tumore che ha colpito sua figlia Rosanna quasi dieci anni fa, adesso Lino Banfi deve far fronte alla malattia di sua moglie Lucia Zagaria. A Chi l'attore si sfoga: Io e lei in 56 anni di matrimonio non abbiamo neanche mai fatto...

    Dopo aver affrontato il tumore che ha colpito sua figlia Rosanna quasi dieci anni fa, adesso Lino Banfi deve far fronte alla malattia di sua moglie Lucia Zagaria. A Chi l'attore si sfoga:

    Io e lei in 56 anni di matrimonio non abbiamo neanche mai fatto un viaggio o una crociera e adesso che potremmo goderci la vita, lei si è ammalata.
    Sulle pagine del settimanale diretto da Alfonso Signorini Banfi rivela che il segreto del suo successo è stata la sua famiglia:
    Fin dall’inizio, quando i miei colleghi la sera si divertivano tra sesso e festini, io stavo a casa con le pantofole, con mia moglie Lucia e i nostri figli.
    Lino Banfi: "Non accetto che mia moglie non stia bene..."

    Il celebre attore comico pugliese è stato intervistato dal quotidiano Il Messaggero.

     

    PROSEGUI LA LETTURA

    Lino Banfi: "Adesso che potremmo goderci la vita, mia moglie si è ammalata" é stato pubblicato su Gossipblog.it alle 17:34 di Tuesday 25 September 2018

    Allergie: il 50% degli italiani non riceve diagnosi adeguate

    Allergie: il 50% degli italiani non riceve diagnosi adeguate


    In Italia 1 persona su 4 soffre di allergia, anche se spesso, almeno nella metà di chi ne soffre, non c'è una diagnosi o una cura adeguata. Anzi, spesso le allergie vengono sottovalutate e banalizzate, come sottolineato dall'Aaiito, l'Associazione...

    In Italia 1 persona su 4 soffre di allergia, anche se spesso, almeno nella metà di chi ne soffre, non c'è una diagnosi o una cura adeguata. Anzi, spesso le allergie vengono sottovalutate e banalizzate, come sottolineato dall'Aaiito, l'Associazione Allergologi ed Immunologi Italiani Territoriali ed Ospedalieri che chiede di avviare un tavolo tecnico al Ministero della Salute per prevenire le allergie e gestirle.

    Sono 12 milioni gli italiani che soffrono di allergie respiratorie, con sintomi come asma e rinite allergica, per un costo di più di 7 miliardi all'anno. Per quello che riguarda le allergie alimentari, invece, queste colpiscono il 3-4% della popolazione adulta e il 10% dei bambini e dei ragazzi. Le allergie da veleno di imenotteri colpiscono 5 milioni di italiani. Le allergie da farmaci, infine, riguardano il 7% della popolazione.

    Antonino Musarra, presidente Aaiito, spiega:

    Le allergie non sono rappresentate solo da un semplice raffreddore o un mal di pancia. Quando si parla di allergie si intendono anche forme gravi come l'asma, l'anafilassi da alimenti, farmaci e punture di imenotteri.
    L'Aaiito vuole fare un tavolo di confronto con la Società Italiana di Medicina Generale e Federasma e Allergie Onlus per presentare al Ministero della Salute quattro proposte concrete per aiutare chi soffre di allergia:

    Trovare un modello per le reti cliniche con ambulatori di primo livello e di secondo livello per prestazioni più particolari, seguendo ad esempio il modello già in atto nella regione Lazio;
    Rendere l'accesso ai centri di allergologia più agevoli per ridurre le differenze tra le regioni;
    Rendere gratuite le terapie più importanti, riconoscendo le malattie allergiche croniche e le terapia salvavita;
    Studiare strategie e piani per la diagnosi precoce.

    Foto iStock

    PROSEGUI LA LETTURA

    Allergie: il 50% degli italiani non riceve diagnosi adeguate é stato pubblicato su Benessereblog.it alle 16:47 di Tuesday 25 September 2018

    Sardegna: 12 grifoni liberati nel Sassarese

    Sardegna: 12 grifoni liberati nel Sassarese


    In Sardegna sono stati da poco liberati 12 nuovi esemplari di grifone provenienti dalla Spagna. A rendere possibile l’inserimento di questi animali in natura è stata l'agenzia Forestas, che ha lavorato in collaborazione con altri enti, per liberare i...

    In Sardegna sono stati da poco liberati 12 nuovi esemplari di grifone provenienti dalla Spagna. A rendere possibile l’inserimento di questi animali in natura è stata l'agenzia Forestas, che ha lavorato in collaborazione con altri enti, per liberare i rapaci sul monte Minerva, in modo che potessero raggiungere gli altri 14 immessi nel mese di Aprile.

    Cosa fare se si trova un animale selvatico ferito?

    Cosa fare se si trova un animale selvatico ferito? Ecco qualche consiglio.

    Lo scopo di tale inserimento è quello di far crescere la popolazione della Sardegna, nella speranza che entro il 2020 possano essere liberati 60 animali nei cieli dell’isola, in modo da favorire la crescita demografica dei grifoni in questa zona. Attualmente gli esemplari introdotti nell’ambiente sono 27.

    L'intervento fa parte delle azioni del progetto "Life Under Griffon Wings" (di cui potete vedere il video in alto), finanziato dal programma Life dell'Unione europea e condotto dall'Università di Sassari, in collaborazione con il Comune di Bosa, Forestas e con il Corpo forestale.

    Prima di essere introdotti nell’ambiente, i 12 esemplari di grifone sono stati ospitati presso il Centro di recupero della fauna selvatica di Bonassai, e poi nella voliera di Monte Minerva. Quattro di questi animali sono inoltre dotati di un gps, grazie al quale i membri dell'Università di Sassari potranno monitorarne i movimenti, in modo da comprendere la loro distribuzione ed evidenziare l'eventuale presenza di minacce presenti nell'area.

    Pesticidi per topi, una minaccia per i rapaci in Lazio

    I pesticidi per topi uccidono i roditori ma contaminano anche i rapaci in Lazio.

    via | Ansa
    Foto da iStock

    PROSEGUI LA LETTURA

    Sardegna: 12 grifoni liberati nel Sassarese é stato pubblicato su Petsblog.it alle 16:00 di Tuesday 25 September 2018

    Aquarius, la Francia dice no e l'UE si tira fuori. E adesso?

    Aquarius, la Francia dice no e l'UE si tira fuori. E adesso?


    13.00 - L'Unione Europea non interverrà nel caso della nave Aquarius, da ore alla ricerca di un porto in cui attraccare e far scendere i 58 migranti soccorsi nel Mediterraneo. Dopo il no dell'Italia e della Francia è arrivata la replica di Natasha...

    13.00 - L'Unione Europea non interverrà nel caso della nave Aquarius, da ore alla ricerca di un porto in cui attraccare e far scendere i 58 migranti soccorsi nel Mediterraneo. Dopo il no dell'Italia e della Francia è arrivata la replica di Natasha Bertaud, portavoce della Commissione europea per la Migrazione, che tira fuori l'UE dalla vicenda.

    La situazione legale dell'Aquarius 2 è questa: è una nave senza bandiera europea, e ha operato in un'area di ricerca e salvataggio libica. Non impegna la responsabilità europea.

    Nessun Paese UE si è fatto avanti per accogliere la nave e i migranti, che a questo punto sono di fatto lasciati in balia di sé stessi, mentre l'equipaggio aveva lanciato l'allarme a causa del maltempo e del mare mosso, chiedendo un intervento:

    Le condizioni meteo stanno peggiorando e nelle prossime ore aspettiamo mare con onde fino a 5 metri. Per questo diventa importante e fondamentale trovare un porto per sbarcare in sicurezza tutte queste persone.

    Arriva l'annuncio lacrimoso della #Aquarius di @SOSMedItalia e @MSF_sea, che si sta dirigendo verso nord.
    Dopo aver "sequestrato" per giorni i migranti a bordo (11 sono da 5 giorni sulla nave, altro che #Diciotti)le ONG ora si appellano al peggioramento delle condizioni meteo. pic.twitter.com/fBWNfPCjW0

    — Francesca Totolo (@francescatotolo) 25 settembre 2018

    25 settembre 2018 - La nave Aquarius si prepara ad un altro stallo. La Francia, infatti, ha negato all'imbarcazione, che sta trasportando 58 migranti salvati nel Mediterraneo, l'attracco al porto di Marsiglia, individuato dal comandante come il più vicino disponibile, vista la chiusura di quelli italiani ribadita nelle scorse ore dal Ministro dell'Interno Matteo Salvini.

    Il Ministro dell’Economia della Francia, Bruno Le Maire, ha escluso l'arrivo dell'imbarcazione in acque francesi, almeno per ora:

    Per ora, la Francia dice no. Se non definiamo delle regole comuni, non riusciremo ad affrontare la sfida dell’immigrazione.

    Aquarius, Panama blocca la nave: "pressioni dal Governo italiano". Salvini nega ma Ong conferma

    17.25 - L'Italia non ha fatto pressioni sul governo panamense per rimuovere la bandiera alla nave Aquarius? È una bugia, le ha fatte eccome, dice il vicedirettore delle Ong Sos Mediterranee, Pierre Mendharat, in conferenza stampa a Parigi.

    Aquarius, Panama blocca la nave: "pressioni dal Governo italiano"

    Aggiornamento 23 settembre ore 23.30 - Matteo Salvini ha risposto al comunicato di Sos Méditerranée e Medici Senza Frontiere, sostenendo che non ci sarebbero state pressioni del Viminale su Panama: "Nessuna pressione del Viminale su Panama. È evidente che nessun Paese al mondo voglia prendersi la responsabilità di essere identificato con una nave che intralcia le operazioni di soccorso in mare, rifiuta il coordinamento con la guardia costiera libica, attacca alcuni governi democratici come quello italiano, pretende di distribuire dei clandestini in Europa e carica decine di persone pur essendo oceanografica. Per questi signori i porti italiani continueranno a restare chiusi".

    La versione di Salvini è dunque molto differente da quella offerta dalle due Ong, che hanno chiaramente scritto di aver riportato quello che gli era stato riferito dalle autorità panamensi. A questo punto possiamo solo attendere con maggiore curiosità la conferenza stampa indetta dalle due Ong, che si terrà domani alle 15 a Parigi.

    L'autorità marittima di Panama ha comunicato alla Ong Sos Méditerranée di aver revocato l'iscrizione dai propri registri della nave Aquarius, tornata recentemente in mare aperto con l'obiettivo di occuparsi di operazioni di ricerca e soccorso nel Mediterraneo centrale. Sos Méditerranée e Medici Senza Frontiere - che offre assistenza medica a bordo della Aquarius - si sono dette "sconvolte dall'annuncio da parte dell'Autorità marittima di Panama di essere stata costretta a revocare l'iscrizione dell'Aquarius dal proprio registro navale sotto l'evidente pressione economica e politica delle autorità italiane". E poi: "Questo provvedimento condanna centinaia di uomini, donne e bambini, che sono alla disperata ricerca di sicurezza ad annegare in mare e infligge un duro colpo alla missione umanitaria dell’Aquarius, unica nave gestita da una Ong rimasta per la ricerca e il soccorso nel Mediterraneo centrale".

    Nel loro comunicato congiunto "entrambe le organizzazioni chiedono ai governi europei di consentire all’Aquarius di continuare la sua missione, facendo sapere alle autorità panamensi che le minacce del governo italiano sono infondate o garantendo immediatamente una nuova bandiera per poter continuare a navigare".

    Panama ha comunicato la notizia sabato scorso e "il team a bordo di Aquarius è rimasto scioccato quando ha saputo che le autorità panamensi avevano informato ufficialmente Jasmund Shipping, il proprietario della nave, della richiesta delle autorità italiane a prendere 'azioni immediate' contro l'Aquarius. Nel messaggio ricevuto dall'Autorità marittima di Panama si legge che 'sfortunatamente è necessario che [l'Aquarius] sia esclusa dal nostro registro perché la sua permanenza implicherebbe un problema politico per il governo e per la flotta panamense in direzione dei porti europei'. Questo messaggio è arrivato nonostante l’Aquarius abbia completato con successo tutte le procedure di registrazione, essendo conforme agli standard elevati previsti dai regolamenti marittimi di Panama".

    Sos Méditerranée e Msf denunciano "fortemente queste azioni che dimostrano fin dove il governo italiano voglia spingersi, mentre la sola conseguenza è che le persone continueranno a morire in mare e che nessun testimone sarà presente per contare i morti".

    Karline Kleijer, responsabile delle emergenze per Msf ha aggiunto: "I leader europei sembrano non avere scrupoli nell'attuare tattiche sempre più offensive e crudeli che servono i propri interessi politici a scapito delle vite umane. Negli ultimi due anni, i leader europei hanno affermato che le persone non dovrebbero morire in mare, ma allo stesso tempo hanno perseguito politiche pericolose e male informate che hanno portato a nuovi minimi la crisi umanitaria nel Mediterraneo centrale e in Libia. Questa tragedia deve finire, ma ciò può accadere solo se i governi dell'Ue permetteranno all’Aquarius e alle altre navi di ricerca e soccorso di continuare a fornire assistenza salva-vita e a testimoniare dove è così disperatamente necessario".

    Sempre nel comunicato si legge: "Le notizie dell’Autorità marittima di Panama sono arrivate mentre le équipe a bordo dell’Aquarius erano impegnate in un’operazione di ricerca e soccorso nel Mediterraneo Centrale. Nelle ultime 72 ore, Aquarius ha aiutato due imbarcazioni in difficoltà e ora ha 58 persone a bordo, molte delle quali sono psicologicamente provate e affaticate dalla traversata in mare e dalle esperienze in Libia e per questo hanno bisogno urgentemente di sbarcare in un luogo sicuro come richiede il diritto internazionale marittimo. L’Aquarius ha sempre agito in piena trasparenza operando sotto il coordinamento di tutti i centri marittimi competenti e nel rispetto delle leggi marittime e delle convenzioni internazionali".

    Salvini qualche ora fa aveva anticipato questa notizia attraverso un post su Facebook, nel quale aveva ribadito la linea dura del Governo italiano: "Nelle ultime ore i trafficanti di esseri umani hanno ripreso a lavorare, riempiendo barchini e approfittando della collaborazione di qualche Ong.Tra queste c’è “Aquarius 2”, che poco fa ha recuperato 50 persone al largo di Zuara e che, secondo alcuni quotidiani, sta per essere cancellata anche dai registri navali di Panama perché “è illegale e non rispetta le procedure”. Altri due gommoni, con a bordo 100 immigrati ciascuno, sarebbero in navigazione. Pensare che, dopo il caso Diciotti, le partenze dalla Libia si erano azzerate! Possono cambiare nome e bandiera altre mille volte: ma per questi signori i PORTI italiani restano CHIUSI e DENUNCERÒ per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina chi aiuta gli scafisti".

    PROSEGUI LA LETTURA

    Aquarius, la Francia dice no e l'UE si tira fuori. E adesso? é stato pubblicato su Polisblog.it alle 15:15 di Tuesday 25 September 2018

    Serie A, 6a giornata: le partite in programma

    Serie A, 6a giornata: le partite in programma


    Martedì 25 settembre 2018 - La sesta giornata di andata della Serie A 2018-2019 è un turno infrasettimanale di tre giorni e comincia oggi con l'anticipo tra Fiorentina e Inter che si gioca stasera alle ore 21. Domani, mercoledì 26, si procede con...

    Martedì 25 settembre 2018 - La sesta giornata di andata della Serie A 2018-2019 è un turno infrasettimanale di tre giorni e comincia oggi con l'anticipo tra Fiorentina e Inter che si gioca stasera alle ore 21. Domani, mercoledì 26, si procede con sette match, il primo, tra Udinese e Lazio, comincia alle 19, tutti gli altri alle 21. Si chiude giovedì con due posticipi, quello tra Spal e Sassuolo che inizia alle 19 e quello tra Empoli e Milan che comincia alle 21.

    Dopo le prime cinque giornata di campionato c'è sempre una sola squadra a punteggio pieno ed è la Juventus, che ha vinto tutti i match finora disputati. Il Napoli insegue con 12 punti, poi la sorprendente accoppiata Fiorentina-Sassuolo con 10, mentre Lazio e Spal seguono con 9. Tra le squadre più deludenti di questo inizio campionato troviamo la Roma, che ha 5 punti ed è in crisi nera, e le milanesi, l'Inter, a quota 7, ma che sembra in ripresa, e il Milan, che è a quota 5, ma ha disputato una partita in meno, quella d'esordio contro il Genoa, rinviata a causa del crollo del ponte Morandi a Genova, anche se si sarebbe dovuta disputare a San Siro, ma ovviamente non c'era l'umore adatto.

    La Juventus proverà ad allungare ospitando il Bologna, reduce dal clamoroso successo contro la Roma. I bianconeri contro il Frosinone hanno sofferto più del previsto, ma negli ultimi dieci minuti hanno segnato due gol. E proprio il Frosinone è l'avversario di domani della Roma, in un derby laziale carico di significati.

    Serie A, quinta giornata: risultati e classifica | 21-23 settembre 2018

    Serie A - I risultati della quinta giornata e la classifica aggiornata

    Serie A: diretta tv e streaming 6a giornata

    Come vedere in diretta tv e streaming le partite della sesta giornata? Ecco qui le indicazioni: Sky trasmetterà sui suoi canali Sport e Calcio l'anticipo tra Inter e Fiorentina, le partite di mercoledì Udinese-Lazio, Atalanta-Torino, Cagliari-Sampdoria, Genoa-Chievo e Napoli-Parma, mentre giovedì trasmetterà Spal-Sassuolo. DAZN, invece, ha l'esclusiva per Juventus-Bologna e Roma-Frosinone di mercoledì ed Empoli-Milan di giovedì. Tuttavia ricordiamo che DAZN si può vedere, con apposito ticket, anche attraverso la piattaforma streaming di Sky.

    Serie A: partite della sesta giornata

    Martedì 25 settembre 2018:
    Ore 21:00, Inter-Fiorentina 2-1 [45' Icardi (I) rig., 53' Chiesa (F), 77' D'Ambrosio ()]

    Mercoledì 26 settembre 2018:
    Ore 19:00, Udinese-Lazio

    Ore 21:00
    Atalanta-Torino
    Cagliari-Sampdoria
    Genoa-Chievo
    Juventus-Bologna
    Napoli-Parma
    Roma-Frosinone

    Giovedì 27 settembre 2018:
    Ore 19:00, Spal-Sassuolo
    Ore 21:00, Empoli-Milan

    Serie A: classifica aggiornata
    Juventus 15
    Napoli 12
    Inter **
    Fiorentina 10 **
    Sassuolo 10
    Lazio 9
    Spal 9
    Udinese 8
    Sampdoria 7
    Parma 7
    Genoa 6*
    Milan 5*
    Atalanta 5
    Roma 5
    Torino 5
    Cagliari 5
    Empoli 4
    Bologna 4
    Frosinone 1
    Chievo -1

    *Una partita giocata in meno
    ** Una partita in più

    Serie A: prossimo turno, settima giornata

    Sabato 29 settembre 2018:
    Ore 15:00, Roma-Lazio
    Ore 18:00, Juventus-Napoli
    Ore 20:30, Inter-Cagliari

    Domenica 30 settembre 2018:
    Ore 12:30, Bologna-Udinese

    Ore 15:00
    Chievo-Torino
    Fiorentina-Atalanta
    Frosinone-Genoa

    Ore 18:00, Parma-Empoli
    Ore 20:30, Sassuolo-Milan

    Lunedì 1 ottobre 2018:
    Ore 20:30, Sampdoria-Spal

    PROSEGUI LA LETTURA

    Serie A, 6a giornata: le partite in programma é stato pubblicato su Calcioblog.it alle 13:49 di Tuesday 25 September 2018

    Incendio sul Monte Serra: centinaia di sfollati

    Incendio sul Monte Serra: centinaia di sfollati


    ...

    Aggiornamento ore 12:23 - Il governatore della Toscana Enrico Rossi ha fatto sapere che per il comune di Calci sarà dichiarato lo stato di emergenza e arriveranno subito 200mila euro dalla Regione. Il sindaco di Calci Massimiliano Ghimenti ha parlato esplicitamente di "mano criminale" e il suo assessore Giovanni Sandroni ha fatto notare quanto sia improbabile che scoppi un incendio alle 10 di sera senza un innesco e, a proposito di inneschi, si pensa che ce ne siano stati addirittura quattro, ma non è ancora un'informazione confermata.

    Aggiornamento ore 11:41 - Secondo le prime stime gli ettari andati a fuoco a causa dell'incendio scoppiato ieri sera sul Monte Serra sarebbero ben 600 e il numero di sfollati è salito a circa 700 persone, che non potranno rientrare nelle loro case prima di domani pomeriggio. A causa del fumo e delle operazioni dei Vigili del Fuoco ancora in corso, infatti, non è possibile accedere alle abitazioni.

    Vasto incendio sul Monte Serra

    Martedì 25 settembre 2018 - Da questa notte un vasto incendio sta bruciando sul Monte Serra, nel Pisano e poiché le fiamme si sono pericolosamente avvicinate all'abitato di Calci il sindaco Massimiliano Ghimenti, tramite Facebook, ha ordinato agli abitanti di lasciare per precauzione le loro case. Centinaia di persone sono rimaste fuori dalle loro abitazioni per tutta la notte, in particolare quelle che vivono nella frazione di Montemagno e nelle zone di Torre e San Lorenzo, le più vicine all'incendio che, intanto, continua ad avanzare.

    Gli sfollati sono stati ospitati nella palestra comunale. Intanto più comandi dei Vigili del Fuoco della Toscana hanno invitato i loro pompieri sul posto e, nonostante il forte vento, stanno arrivando anche i Canadair. Intanto i volontari della Protezione Civile presidiano le zone abitate e produttive. Per ora, fortunatamente, non ci sono vittime, ma molte persone sono in ansia per le proprie case.

    La scuola di Montemagno resta chiusa, per non intralciare il transito dei mezzi di soccorso, sono aperte invece le scuole di un'altra frazione, Gabella, per aiutare le famiglie de evitare che troppa gente resti fuori in paese.

    Ugo D'Anna, comandante dei Vigili del Fuoco di Pisa, ha raccontato che c'è stato il rischio di "perdere due squadre" di pompieri perché l'incendio è "molto grosso e potente" e probabilmente è di origine dolosa. Le prime fiamme sono state avvistate intorno alle 22 di ieri sera, 24 settembre, e nella tarda serata è scattata l'evacuazione per un centinaio di persone, che sono state mandate in strutture messe a disposizione dalle amministrazioni locali, che nel frattempo hanno riorganizzato i collegamenti bus con Pisa.

    Il numero di sfollati è aumentato man mano che le fiamme hanno continuato ad avanzare. C'è molta preoccupazione anche per alcune aziende agricole, che hanno difficoltà a mettere il salvo il proprio bestiame. L'incendio è stato descritto dagli stessi vigili del fuoco come un'apocalisse e stanno bruciando diversi ettari. Per ora non è stata fatta una stima, perché di notte è difficile valutarne l'estensione, ma di certo un'ampia porzione di bosco sta bruciando. Il compito dei vigili del fuoco è molto arduo a causa del vento, che rende difficile domare le fiamme e allo stesso tempo le aiuta a espandersi.

    Foto © Vigili del Fuoco

    12 Guarda la Galleria "Incendio nel Pisano: brucia il Monte Serra"

    PROSEGUI LA LETTURA

    Incendio sul Monte Serra: centinaia di sfollati é stato pubblicato su Cronacaeattualita.blogosfere.it alle 13:43 di Tuesday 25 September 2018

    Coppa Nissena, Merli verso il titolo

    Coppa Nissena, Merli verso il titolo


    La Coppa Nissena 2018 non chiude i giochi per il titolo assoluto CIVM e Christian Merli dovrà aspettare il round di Luzzi Sambucina per aggiungere il titolo italiano a quello europeo. Al volante della Osella FA 30 Zytek LRM il trentino vince entrambe...

    La Coppa Nissena 2018 non chiude i giochi per il titolo assoluto CIVM e Christian Merli dovrà aspettare il round di Luzzi Sambucina per aggiungere il titolo italiano a quello europeo. Al volante della Osella FA 30 Zytek LRM il trentino vince entrambe le gare ma Omar Magliona con la Norma M20 FC arriva secondo in entrambe le salite mantenendosi matematicamente in lizza per il titolo. La corsa siciliana, che registra il terzo posto assoluto della Osella FA 30 di Domenico Cubeda davanti alle Osella di Francesco e Vincenzo Conticelli, comunque assegna diversi titoli di Gruppo e di classe. Degno di nota il titolo E1 Italia vinto da Luigi Sambuco. Il campano si aggiudica il titolo senza nemmeno scendere in campo con la propria Alfa Romeo 155 visto che i suoi diretti avversari non vanno a Caltanissetta rendendo incolmabile il vantaggio del campano. A vincere la gara di Gruppo E1 è Angelo Roberto Faro con la Fiat Uno E1 1600 Turbo, davanti alla Peugeot 308 di Andrea Palazzo che è il nuovo campione E1 1600 Turbo succedendo a Vito Micoli. Terzo posto per un'altra Peugeot, la 207 di Roberto Lombardo che vince la E1 2000 davanti alla Renault Clio Rs di Damiano Schena. Assegnato anche il titolo di classe E1 1600 che va a Maurizio Contardi con la Honda Civic V-Tec della Scuderia Catria. Gli basta il secondo posto dietro la Peugeot 106 di Rosario Alessi. Per la squadra di Pergola periodo veramente positivo visto anche il ritorno alle gare dell'argentino Manuel Rodriguez che disputerà il CIVM 2019 con la propria Honda Civic V-Tec. E festeggia anche "Gabry Driver" che vince il titolo E1 3000 con una Honda Civic Ek4. Titolo assegnato anche in Gruppo N con Gabriella Pedroni con la Mitsubishi Lancer che arriva seconda dietro il forte Antonino Migliuolo su identica vettura. Il trentino di origini campane paga i diversi ritiri patiti della prima metà di campionato, in queste ultime gare ha mantenuto un ritmo insostenibile per chiunque. Per la Pedroni, che nonostante la giovanissima età corre nel CIVM da oltre tre lustri, è il secondo titolo stagionale dopo quello Femminile. Restano aperti i giochi per la N2000 con Angelo Loconte ad un passo dalla vetta e per la N1600 con le Citroen Saxo di Rocco Errichetti e Vincenzo Ottaviani sempre separate da pochi punti. In Gruppo A Rudi Bicciato, già campione, vince anche a Caltanissetta con la sua Mitsubishi Lancer. Assegnato il titolo della A1600 ad Angelo Guzzetta che con la propria potentissima Peugeot 106 acquisisce i punti sufficienti per non essere più impensierito dal pugliese Rino Tinella dimostratosi un avversario validissimo. Nella Racing Start l'unico pilota nazionale di grido è Francesco Paolo Cicalese che domina con la Honda Civic Ek4 davanti alla Peugeot 106 di Orazio Arcidiacono. In Racing Start Plus non manca il campione italiano Giovanni Loffredo con la sua Mini Cooper. Il campano trova un avversario molto ostico in Adriano Scammacca che con la Renault New Clio punta al titolo TIVM Sud e giunge secondo per una inezia. In Racing Start Plus 1.6 titolo assegnato a Marco Magdalone con la Honda Civic Ek4 al quale basta il secondo posto di classe. Degno di nota poi il titolo vinto da Federico Liber tra le vetture a trazione motociclistica. Il veronese continua a volare con la Gloria C8P dopo innumerevoli vittorie assolute nel Nord Est ed in Slovenia e Croazia. Titoli ancora in ballo nella GT-dove Marco Iacoangeli con la Bmw Z4 batte la Ferrari 458 di Lucio Peruggini, la Aston Martin Vantage di Piero Nappi e la Porsche di Rosario Parrino-, nella classe delle Bicilindriche -a Luzzi sarà bagarre tra le Fiat 500 di Angelo Mercuri e Domenico Morabito con la possibile intromissione di Antonino Cardillo vincitore a Caltanissetta- ed in classe CN con Rosario Iaquinta che ancora ha bisogno di alcuni punti per la consacrazione matematica. Luzzi potrebbe anche registrare la conquista del titolo italiano di Raffaele Lo Schiavo nel gruppo Produzione di Serie, animato quasi completamente da partecipazioni episodiche così come il gruppo Produzione Evo. Vincitori di questi due raggruppamenti sono rispettivamente Calogero Lombardo con la Peugeot 106 e Cristian Burgio con la Renault Clio Rs. Altro profeta in patria è Giovanni Carfì con la sua potentissima Bmw M3 E36, vincitore nella E2 Silhouette orfana del neo-campione Manuel Dondi. Tra le Autostoriche monopolio dei piloti locali ed in particolare dominio dei Barbaccia con la Paganucci di Andrea davanti alla Osella Pa9/90 di Ciro.

    N.M.B.

    PROSEGUI LA LETTURA

    Coppa Nissena, Merli verso il titolo é stato pubblicato su Motorsportblog.it alle 22:56 di Monday 24 September 2018

    Honda: il teaser della CB 650R Neo Sports Café

    Honda: il teaser della CB 650R Neo Sports Café


    In vista di Intermot, il Salone di Colonia in programma dal 3 al 7 ottobre, Honda ha rilasciato il teaser del nuovo modello café racer che affiancherà le già presenti CB 125R, CB 300R e CB 1000R della specifica gamma Neo Sports Café. Molto...


    In vista di Intermot, il Salone di Colonia in programma dal 3 al 7 ottobre, Honda ha rilasciato il teaser del nuovo modello café racer che affiancherà le già presenti CB 125R, CB 300R e CB 1000R della specifica gamma Neo Sports Café. Molto probabilmente, alla kermesse motociclistica tedesca sarà presentata la nuova Honda CB 650R Neo Sports Café.

    Il teaser, infatti, mostra lo stesso motore a quattro cilindri - da 91 CV di potenza - dell'attuale naked Honda CB 650F, da cui deriverà l'inedita CB 650R Neo Sports Café. Esteticamente, come gli altri modelli della gamma Neo Sports Café, la nuova Honda CB 650R Neo Sports Café sarà riconoscibile per le linee futuristiche e in perfetto stile café racer.

    Honda: svelata a Tokyo la Neo Sports Café

    Honda Neo Sports Café, una moto che ripropone in chiave moderna il fenomeno delle café racer.

    Inoltre, come la Honda CB 1000R Neo Sports Café, versione di serie della concept bike CB4 Interceptor esposta al Salone di Tokyo del 2017, anche la Honda CB 650R Neo Sports Café rappresenterà la versione di serie dell'altra concept bike Honda CB4, quest'ultima anch'essa equipaggiata con il propulsore della CB 650F ed esposta al Salone di Milano - Eicma del 2015 assieme alla Honda CB Six50 che prefigura la futura scrambler del costruttore giapponese.

    Dato che, all'estero, la gamma Neo Sports Café di Honda comprende anche i modelli CB 150R e CB 250R, non è escluso che in futuro l'offerta di modelli café racer possa essere allargata anche alla ipotetica Honda CB 500R Neo Sports Café, 'alter ego' in chiave sportiva e futuristica della già disponibile naked Honda CB 500F.

    PROSEGUI LA LETTURA

    Honda: il teaser della CB 650R Neo Sports Café é stato pubblicato su Motoblog.it alle 21:19 di Monday 24 September 2018

    Mercedes-Benz: tutte le novità del Salone di Parigi

    Mercedes-Benz: tutte le novità del Salone di Parigi


    All'ormai imminente Salone di Parigi 2018, in programma dal 4 al 14 ottobre, Mercedes-Benz presenterà importanti novità in anteprima mondiale, come la terza generazione della monovolume compatta Classe B e la quarta generazione della SUV medio-grande...


    All'ormai imminente Salone di Parigi 2018, in programma dal 4 al 14 ottobre, Mercedes-Benz presenterà importanti novità in anteprima mondiale, come la terza generazione della monovolume compatta Classe B e la quarta generazione della SUV medio-grande Classe GLE. Inoltre, saranno esposte anche altre novità con i brand Mercedes-AMG, EQ e smart.

    La Casa della Stella ha già reso note le principali caratteristiche della nuova Mercedes-Benz Classe GLE, ma non ancora svelato nulla sulla nuova Mercedes-Benz Classe B. Tuttavia, il costruttore tedesco ha dichiarato che, rispetto all'attuale, sarà più confortevole e più spaziosa, adotterà motorizzazioni più efficienti e il sistema multimediale adattivo MBUX, più ulteriori dispositivi di sicurezza e assistenza alla guida. Inoltre, nello stand della kermesse transalpina sarà esposta anche la berlina compatta Mercedes-Benz Classe A Sedan.

    Mercedes-Benz EQC: il SUV elettrico che porta la Stella nel futuro

    La Mercedes EQC è stata presentata in anteprima mondiale a Stoccolma. E' il primo modello del nuovo brand EQ che inentifica le auto elettriche della Stella.

    La divisione sportiva Mercedes-AMG, invece, sarà presente al Salone di Parigi 2018 con la inedita A35, prima versione ad alte prestazioni della nuova Mercedes-Benz Classe A, equipaggiata con il motore a benzina 2.0 Turbo a quattro cilindri da 306 CV di potenza e abbinato alla trazione integrale 4Matic. Per l'occasione, sarà allargata anche la gamma della berlina coupé Mercedes-AMG GT 4-Door Coupé con la declinazione GT43, mossa dal propulsore a benzina 3.0 Turbo a sei cilindri in linea da 367 CV di potenza e abbinato anch'esso alla trazione integrale 4Matic+.

    Non mancherà l'inedita Mercedes-Benz EQC, la prima SUV elettrica della Casa della Stella che sarà esposta assieme alla show car EQ Silver Arrow. Infine, lo spazio dello stand di Mercedes-Benz della kermesse parigina sarà dedicato anche al brand smart, con la show car che rappresenterà l'evoluzione dei modelli crossblade del 2002 e forspeed del 2011, ovviamente a propulsione elettrica, nonché la versione speciale edition pureblack per i modelli fortwo e forfour con la carrozzeria di colore nero opaco Matt Black ed elementi di colore nero lucido Shiny Black come minigonne laterali, spoiler e diffusore posteriore, tra l'altro caratterizzati da dettagli di colore rosso.

    PROSEGUI LA LETTURA

    Mercedes-Benz: tutte le novità del Salone di Parigi é stato pubblicato su Autoblog.it alle 20:45 di Monday 24 September 2018

    Mondiali Volley, Final 6: le avversarie dell'Italia

    Mondiali Volley, Final 6: le avversarie dell'Italia


    Mondiali Volley 2018: concluso il sorteggio della terza fase, le cosiddette “final six”, l’Italia è stata inserita nel Pool J con Serbia e Polonia, mentre dall’altra parte, nel Pool I ci saranno Brasile, Russia e Usa. Per la selezione allenata...

    Mondiali Volley 2018: concluso il sorteggio della terza fase, le cosiddette “final six”, l’Italia è stata inserita nel Pool J con Serbia e Polonia, mentre dall’altra parte, nel Pool I ci saranno Brasile, Russia e Usa. Per la selezione allenata dal ct Blengini e dal vice Valentini, la Polonia rappresenta lo spauracchio maggiore I campioni d’Europa in carica, infatti, sembrano essere in grado di bissare il successo anche a livello mondiale. Giunti a questo punto del torneo, però, un avversario vale l’altro, poiché se gli azzurri vorranno trionfare dovranno per forza battere i migliori. A breve il calendario delle partite…

    Mondiali Volley 2018 | Final Six

    POOL J: ITALIA, POLONIA, SERBIA

    POOL I: BRASILE, RUSSIA, USA

    Mondiale Volley 2018 | Calendario

    MERCOLEDÌ 26 SETTEMBRE:
    17.00 Brasile vs Russia (Pool I, a Torino)
    21.15 Italia vs Serbia (Pool J, a Torino)

    GIOVEDÌ 27 SETTEMBRE:
    17.00 USA vs Russia (Pool I, a Torino)
    20.30 Polonia vs Serbia (Pool J, a Torino)

    VENERDÌ 28 SETTEMBRE:
    17.00 Brasile vs USA (Pool I, a Torino)
    21.15 Italia vs Polonia (Pool J, a Torino)

    #VolleyMondiali18
    Sorteggiati i gironi della fase finale di #Torino
    La news: https://t.co/u7ZMf3bAWs #VolleyballWchs #LaNazionale @FIVBVolleyball @ossrb @PolskaSiatkowka @volei @usavolleyball @russiavolley pic.twitter.com/wvGrvyVijS

    — Federvolley.it (@Federvolley) 24 settembre 2018

    PROSEGUI LA LETTURA

    Mondiali Volley, Final 6: le avversarie dell'Italia é stato pubblicato su Outdoorblog.it alle 13:43 di Monday 24 September 2018