ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia

    Flowkey: imparare a suonare il piano è un gioco da ragazzi

    Flowkey: imparare a suonare il piano è un gioco da ragazzi


    Se anche voi come noi siete appassionati di musica ma non avete mai trovato il tempo per fare pratica, oggi vi proponiamo un’applicazione perfetta anche per i principianti. Flowkey infatti è molto di più di quello che siamo abituati a trovare nei...

    Se anche voi come noi siete appassionati di musica ma non avete mai trovato il tempo per fare pratica, oggi vi proponiamo un’applicazione perfetta anche per i principianti. Flowkey infatti è molto di più di quello che siamo abituati a trovare nei vari store online. Con questa app, disponibile sia per Android che per iOS, imparare a suonare il piano o la tastiera sarà un divertentissimo passatempo.

    Esistono decine di tool simili per altri tipi di strumenti. Cos’è allora che rende flowkey uno dei punti di riferimento del settore? Oltre a proporvi lo spartito del brano che intendete imparare, verrete assistiti da un vero e proprio maestro virtuale, che vi guiderà nei primi passi da compiere. Iniziamo a vedere più nel dettaglio cosa è possibile fare con flowkey.

    Le migliori cuffie Wireless BluetoothViaggio alla scoperta delle migliori cuffie wireless bluetooth del momento: dai modelli economici entry-level a quelle top di gamma.Hardwarecuffie guida acquisto Come imparare a suonare con flowkey

    Quello che ci ha davvero stupiti di flowkey è che si tratta di un’applicazione davvero semplice. Non avrete bisogno di strani accessori da abbinare al vostro strumento per iniziare a suonare. Tutto ciò che necessitate è il vostro smartphone o tablet e un pianoforte o una più economica tastiera. Una volta scelta una fra le centinaia di canzoni presenti nel database di flowkey potrete infatti decidere in piena autonomia come svolgere il brano.

    Fra le opzioni disponibili potete decidere se suonare con una sola mano o con entrambe, se rallentare il tempo di esecuzione o mettere in loop una parte del brano particolarmente difficile. La scelta fra le tracce disponibili è davvero ampia. Si va dalla musica classica fino agli ultimi successi pop, passando ovviamente per i pezzi che hanno fatto la storia della musica.

    Con flowkey avrete fra le mani quello che forse è riduttivo definire uno spartito interattivo. Le sue funzioni non si limitano infatti alla sola lettura della musica. Si tratta di un assistente personale davvero smart, che vi aiuterò ad abbreviare notevolmente i tempi di apprendimento.

    In aggiunta a quello che abbiamo visto fino ad ora, dobbiamo aggiungere che grazie a un sistema di riconoscimento sonoro, flowkey riesce in tempo reale a sapere se la nota che state suonando è quella effettivamente indicata.

    Migliori auricolari in ear: quale acquistareIndecisi su quali cuffiette acquistare? Vi aiutiamo a scegliere i migliori auricolari in ear tra tutti quelli esistenti, suddivisi per fascia di prezzo.Androidauricolari auricolari in ear cuffie guida acquisto Lezioni per ogni livello

    Oltre a poter suonare i vostri brani in live, flowkey vi permette anche di seguire delle vere e proprie lezioni di brano. Ne esistono davvero tante, suddivise per livello di difficoltà. Sarete voi stessi a decidere da dove partire a seconda del vostro livello di preparazione. Attenzione però, con flowkey è impossibile barare. Per passare alla lezione successiva dovrete infatti aver completato quella precedente. Quindi, almeno in questo caso, niente scorciatoie per voi.

    Come scaricare flowkey

    Per scaricare flowkey, non dovete far altro che recarvi nel vostro store predefinito, sia esso App Store o Play Store e cercare il titolo dell’applicazione. Per rendervi tutto molto più semplice vi lasciamo direttamente il link all’app che potete aprire sia da tablet che da smartphone.

    DOWNLOAD | FLOWKEY ANDROID | FLOWKEY IOS

    Una volta effettuato il download non dovrete fare altro che creare un account ed effettuare il login. Vi ricordiamo che flowkey è scaricabile gratuitamente sia per Android che per dispositivi Apple. Nel pacchetto free sono già inclusi alcuni brani e lezioni che potete sfruttare al massimo. Se avete intenzione di andare più a fondo nella conoscenza del piano, il team di sviluppo vi mette a disposizione un piano di abbonamenti che potete sottoscrivere. Ci teniamo a sottolineare che flowkey offre un sistema di learning davvero completo e paragonabile alle classiche lezioni delle scuole di musica. Di seguito vi riportiamo i piani di abbonamento disponibili.

    Un mese: 19,99€ Tre mesi: 38,99€ Un anno: 119,99€ Licenza a vita: 299,99€

    L'articolo Flowkey: imparare a suonare il piano è un gioco da ragazzi appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    Proteggere le note di iPhone con password

    Proteggere le note di iPhone con password


    Possiamo avere la necessità di dover memorizzare alcune informazioni direttamente sulle Note del nostro iPhone. Se si trattano di informazioni sensibili è  fondamentale proteggerle al meglio. Anche se il nostro dispositivo è protetto dal TouchID o...

    Possiamo avere la necessità di dover memorizzare alcune informazioni direttamente sulle Note del nostro iPhone. Se si trattano di informazioni sensibili è  fondamentale proteggerle al meglio. Anche se il nostro dispositivo è protetto dal TouchID o dalla password è consigliabile proteggere ancora di più le nostre note. Nell’applicazione Note di iPhone è presente una funzione per proteggere ogni singola nota con una password.

    Vediamo insieme come fare per proteggere i nostri appunti su iPhone.

    Come velocizzare un iPhoneIl vostro iPhone sta presentando segni di cedimento? Vediamo insieme alcuni trucchetti e suggerimenti per velocizzare un iPhone.AppleiOS Come impostare una password per le note iPhone

    Prima di tutto apriamo l’applicazione Note e scorriamo verso sinistra sulla nota che desideriamo bloccare. Ci vengono mostrate tre opzioni, ma quella che ci interessa per il nostro scopo è la prima, quella di colore grigio con il lucchetto all’interno.

    A questo punto dobbiamo inserire una password che verrà utilizzata per accedere a tutte le note bloccate. Quindi inseriamo la password, confermiamo la password ancora una volta e decidiamo se impostare o no un suggerimento in caso ce ne dimenticassimo. Inoltre è possibile accedere alle password bloccate utilizzando il TouchID. È possibile disabilitare questa opzione spostando il toggle su Off. Fatto questo possiamo cliccare su Fine.

    Inizialmente la nostra nota risulterà ancora non protetta. Per bloccarla e proteggerla selezioniamo l’opzione Proteggi ora, posta in basso al centro. Fatto questo la nostra nota verrà bloccata e l’anteprima del contenuto verrà nascosta.

    Ora ogni volta che si tenterà di aprire una nota bloccata ci verrà visualizzata una schermata con scritto Il contenuto di questa nota è protetto. Per visualizzarla basta selezionare l’opzione Visualizza nota. A questo punto, a seconda delle opzioni che abbiamo scelto in precedenza, possiamo sbloccare la nota con il TouchID oppure con la password inserita precedentemente.

    Tuttavia, una vola bloccata rimarrà sbloccata e visibile a tutti. Per proteggerla di nuovo basterà cliccare sull’icona del lucchetto posta in alto a destra oppure cliccare sull’opzione Proteggi ora della schermata principale.

    Infine per togliere completamente la protezione ad una nota, basterà scorrere verso sinistra sulla nota in questione e selezionare l’opzione grigia con il lucchetto.

    File di iOS 11: come funziona il File ManagerCon iOS 11 Apple ha introdotto File, il nuovo file manager di iOS. Vediamo insieme di cosa si tratta e quali sono le sue funzionalità.AppleiOS ios 11 Conclusioni

    Come abbiamo visto è molto importante proteggere i nostri appunti sensibili con le adeguate misure. Fortunatamente Apple ci consente di effettuare queste operazioni tramite l’app Note del nostro iPhone.

     

    Registrare telefonate iPhoneSiete interessati a registrare telefonate in entrata e in uscita sul vostro iPhone? Vediamo alcuni metodi che ci consentono di farlo.Appleapp ios iOS

    L'articolo Proteggere le note di iPhone con password appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    Schermo nero con solo puntatore del mouse: soluzione

    Schermo nero con solo puntatore del mouse: soluzione


    Uno dei tanti problemi che affligge Windows è quello relativo allo schermo nero con solo il puntatore del mouse visualizzabile: è un errore abbastanza comune, e colpisce praticamente qualunque versione di Windows. Le cause di questo errore infatti,...

    Uno dei tanti problemi che affligge Windows è quello relativo allo schermo nero con solo il puntatore del mouse visualizzabile: è un errore abbastanza comune, e colpisce praticamente qualunque versione di Windows.

    Le cause di questo errore infatti, sono molteplici. Molti utenti possono riscontrare lo schermo nero con solo puntatore del mouse dopo un aggiornamento di sistema, o semplicemente (senza alcun apparente motivo) all’accensione del PC: Vediamo come risolverlo in meno di 30 secondi!

    Miglior portatile: guida all’acquistoNon sappiamo mai che notebook scegliere? Ecco una guida esaustiva alle componenti ed ai modelli suddivisi in categorieHardwarecomputer guida acquisto notebook portatile Schermo nero con mouse: la causa

    Indifferentemente da ciò che abbia causato l’errore, risolvere il problema dello schermo nero con solo puntatore del mouse è un gioco da ragazzi. Si tratta infatti del mancato caricamento di un’importante software di sistema, che però non pregiudica il funzionamento del resto del sistema.

    Avrete sicuramente notato infatti, che la schermata di accesso (dove inserite la password) è intatta e funzionante, così come lo sono il mouse e le altre poche funzionalità alle quali potete accedere. Ciò è causato dal mancato caricamento o dal crash dell’applicazione “explorer.exe“.

    Come risolvere

    Per avviare o ripristinare l’importante applicazione explorer.exe e risolvere il problema dello schermo nero con solo puntatore del mouse dovete eseguire due semplicissimi passi: prima di tutto premete contemporaneamente la sequenza di tasti Ctrl + Shift + Esc dalla vostra tastiera.

    Questo comando aprirà il task manager di Windows (Gestione Attività) dal quale non dovrete fa altro che cliccare su “File” – in alto a sinistra – e selezionare “Esegui nuova attività” come mostrato nelle immagini qui di seguito:

    A questo punto sarà comparsa a schermo una finestra simile a quella qui in basso dalla quale potrete avviare qualsiasi software. Nel nostro caso dovremo avviare l’applicazione “explorer.exe“. Digitatela all’interno della casella di testo e date OK come mostrato qui:

    Fatto? Scommetto che il vostro desktop è tornato a vedersi e tutto funziona come prima! Ricordate però che questa procedura non risolve il problema che ha causato l’interruzione dell’applicazione explorer.exe (perché la cause possono essere molteplici). Tuttavia se il problema dovesse ripresentarsi, ora sapete come risolvere: semplice no?

    Come formattare Windows 10 e reinstallarloAvete problemi con il vostro PC? Forse l'unica soluzione è formattare e reinstallare Windows 10. Ecco come fare, è semplicissimo!Windowswindows 10 Avvertenze

    Siete riusciti a risolvere il problema dello schermo nero con solo puntatore del mouse? La procedura è stata eseguita su un PC Windows 10 e potrebbe variare leggermente su sistemi operativi più datati.

    Se qualcosa non è chiaro o state avendo problemi, lasciate un commento qui in basso per esaminare insieme più approfonditamente il vostro caso: vi risponderemo al più presto possibile!

    Scaricare Windows 10 gratisMicrosoft ha reso disponibile lo strumento per la creazione di un supporto di installazione per Windows 10Windowswindows 10

     

    L'articolo Schermo nero con solo puntatore del mouse: soluzione appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    Basi di ricarica wireless: quale acquistare

    Basi di ricarica wireless: quale acquistare


    Dopo una presentazione promettente, in questi anni le basi di ricarica wireless hanno un po’ perso il loro fascino. Pochi produttori hanno spinto su questa soluzione, in parte per i limiti tecnologici e in parte perché non sembrava la strada giusta da...

    Dopo una presentazione promettente, in questi anni le basi di ricarica wireless hanno un po’ perso il loro fascino. Pochi produttori hanno spinto su questa soluzione, in parte per i limiti tecnologici e in parte perché non sembrava la strada giusta da percorrere. Con l’arrivo di iPhone 8 e iPhone X, Apple è tornata a far parlare di questa modalità di ricarica, dando forse nuovo impulso al mercato.

    Dal punto di vista della comodità infatti, le basi di ricarica wireless permettono di entrare in casa dopo una giornata di lavoro e poggiare il telefono senza nemmeno dover collegare il cavo. Non si tratta certo di una rivoluzione ma di un netto passo avanti verso quella che sarà sicuramente una tecnologia del futuro. Proprio per questo motivo oggi cercheremo di capire insieme quali sono le migliori basi di ricarica wireless, compatibili sia con iPhone che con Android.

    Ricarica Wireless: come funzionaSempre più dispositivi stanno adottando la ricarica wireless. Ma vi siete mai chiesti come funziona? Scopritelo insieme a noi.Hardwarericarica wireless Basi di ricarica wireless Vs Cavo

    Se fino ad ora siete stati abituati a utilizzare il classico cavetto in dotazione con lo smartphone, pensare di utilizzare una base di ricarica wireless può farvi un po’ storcere il naso. In realtà si tratta di un sistema decisamente funzionale che permette di sfruttare al meglio la tecnologia Qi già presente in alcuni modelli. Ma vediamo rapidamente quali sono i pro e i contro delle basi di ricarica wireless rispetto ai cavi tradizionali.

    Il primo punto a favore di una base di ricarica wireless è sicuramente quello di non dover lasciare fili in giro. Basterà poggiare lo smartphone sopra la piattaforma per iniziare a caricarlo, senza dover collegare alcun cavo. I prezzi inoltre sono calati molto rispetto al passato, rendendola molto più competitiva sul mercato.

    Per contro la velocità di ricarica è di circa un 25% inferiore rispetto ai carica batterie tradizionali, per una serie di limiti tecnici che rendono difficile alzare l’asticella. I tradizionali cavi invece offrono una tecnologia ormai ben collaudata e velocità di ricarica molto più alte. Questo è dovuto al fatto che le aziende hanno investito molto su questa modalità negli ultimi anni. Se però volete provare qualcosa di nuovo ed esclusivo, è il momento di iniziare a scoprire quali sono i migliori modelli di basi di ricarica wireless per Android e iOS.

    Caricatori con ricarica rapida per iPhone 8/8 Plus/XI nuovi Apple iPhone 8, iPhone 8 Plus e iPhone X supportano anche la ricarica rapida dei caricatori di terze parti. Ecco i migliori modelli compatibili.Appleguida acquisto Le migliori basi di ricarica Wireless Samsung

    Se avete uno smartphone del noto marchio coreano che già supporta la ricarica senza fili, siamo sicuri che vorrete utilizzare un accessorio originale. realizzato in bianco e in nero, con un design davvero interessante, può rivelarsi un oggetto davvero poco invasivo da poggiare sopra il comodino o il tavolo. La versione base con ricarica standard ha un prezzo davvero invitante, mentre è un po’ più costoso il modello con il supporto a fast charge. 

    Power Bank con ricarica rapida: quale comprareIl vostro smartphone è compatibile con la tecnologia Qualcomm Quick Charge? Allora ecco le migliori Power Bank per sfruttarla al meglio!Hardwareguida acquisto power bank quick charge Anker

    Anker ha da poco presentato un nuovissimo modello di base di ricarica wireless con un look davvero accattivante. Disponibile in nero ad un prezzo invitante, è la compagna perfetta per chi cerca un’oggetto di design.  Compatibile con la ricarica rapida, ha una serie di led posti sul bordo per controllare lo stato della batteria. La potete utilizzare con tutti gli smartphone Android e iOS compatibili con questa tecnologia.

    Cavo magnetico 4smarts: non tornerete più indietro!Hardware Bestand

    Realizzata con una forma un po’ anomala rispetto agli altri prodotti, si tratta di una delle basi di ricarica wireless più interessanti che abbiamo trovato. Oltre a caricare la batteria del vostro smartphone infatti, funziona anche come un comodo stand dove poter sempre controllare lo smartphone. Dotata di tecnologia fast charge a tre bobine, è disponibile in grigio o in argento.

    Cover batteria per iPhone: guida all’acquistoEcco le migliori cover batteria per iPhone, selezionate appositamente in ordine di prezzo tra le migliori in circolazione, per non rimanere mai scarichi!Appleguida acquisto iPhone RAVPower

    Anche RAVPower ci propone il suo modello di base di ricarica wireless. Rispetto alla concorrenza troverete incluso un adattatore da 24W in grado di velocizzare il processo di ricarica. Per il resto la sostanza non cambia. Si tratta di un ottimo prodotto compatibile con lo standard fast charge e con un prezzo più alto dei concorrenti proprio a causa della dotazione extra. Da tenere in considerazione la compatibilità con tutti i modelli predisposti per lo standard wireless.

    Smartphone non carica più: cosa fareIl vostro smartphone non carica più? In questo articolo vi mostriamo le cause più comuni e le relativi soluzioni, spesso anche molto semplici.Androidbatteria Xnuoyo

    A dispetto del nome del marchio pressoché sconosciuto, questa base di ricarica wireless è un prodotto davvero interessante. Dalla sua parte ci sono un prezzo davvero invitante e delle dimensioni molto compatte. Lo spessore infatti è di soli 10 mm per un peso di 66 g. A impreziosire il tutto troverete dei led di stato posizionati sul bordo della base.

    Power Bank Lightning: guida all’acquistoCosa c'è di meglio di una Power Bank Lightning per ricaricare il vostro iPhone? Cercheremo di guidarvi alla scelta del modello migliore.Appleguida acquisto power bank URCOVER

    Nonostante il look sia leggermente meno curato delle rivali, questo prodotto di URCOVER si presenta come una delle basi di ricarica wireless più solide in vendita al momento. Le dimensioni sono generose e proprio per questo motivo sono stati utilizzati materiali più resistenti rispetto ad altri modelli. Non fatevi ingannare dal nome, questa base è in realtà prodotta da Nilkin, uno dei marchi asiatici di accessori più prestigiosi. Nella media il prezzo.

    Miglior smartphone autonomia batteriaSe state cercando uno smartphone che abbia una durata della batteria al di sopra della media allora siete nel posto giusto. La lista è costantemente aggiornata!Androidmiglior smartphone Mophie

    Chi conosce il nome Mophie sa benissimo che i prodotti sfornati da quest’azienda sono di qualità assoluta. Questa base di ricarica wireless non fa eccezione. Nonostante il design non sia dei più avveniristici, i materiali utilizzati sono di ottima qualità e la velocità di ricarica è sopra la media grazie alla tecnologia fast charge. Non a caso Mophie produce da sempre power bank e battery cover sia per Android che per iOS. Leggermente più alto di altri concorrenti il prezzo, che non risulta comunque eccessivo.

    Calibrare la batteria Android: ecco come farloL'autonomia e la durata della batteria del vostro dispositivo Android non è più quella di una volta? Scoprite insieme a noi come porvi rimedio!Androidbatteria Eggtronic

    Chiudiamo la nostra guida sulle migliori basi di ricarica wireless con un accessorio davvero interessante. Questo prodotto di eggtronic infatti, oltre a fornire una validissima base di ricarica, vi permetterà di adattare allo standard anche i dispositivi non predisposti. Questo è reso possibile da un sottilissimo adattatore da attaccare sotto la cover del vostro smartphone che funzionerà poi da ricevitore con la base. Questo modello è disponibile per tutti gli smartphone con connettore USB Type-C, Micro USB o Lightning. 

    Conclusioni

    Sia che abbiate uno smartphone predisposto per la ricarica wireless, sia che vogliate adattare uno che ne è sprovvisto, oggi vi abbiamo fornito tutti gli strumenti necessari a scegliere le migliori basi di ricarica wireless. Vi ricordiamo inoltre, che tutti i modelli che abbiamo analizzato sono compatibili sia con Android che con iOS.

    Non vi resta che scegliere quello più adatto ai vostri scopi e correre ad acquistarlo. Noi intanto rimaniamo a vostra disposizione per qualsiasi dubbio o  domanda che volete fare. Potete contattarci tramite il box dei commenti che trovate in basso o scriverci un messaggio attraverso la nostra pagina Facebook

     

    L'articolo Basi di ricarica wireless: quale acquistare appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    Le migliori app e giochi per gatti

    Le migliori app e giochi per gatti


    Se per voi è abbastanza difficile prendersi cura del vostro felino a quattro zampe, nonché uno dei migliori amici dell’uomo, siamo qui ad elencare una serie di applicazioni dedicate ai gatti. Queste app sono pensate per chi ha poco tempo ed è ricco...

    Se per voi è abbastanza difficile prendersi cura del vostro felino a quattro zampe, nonché uno dei migliori amici dell’uomo, siamo qui ad elencare una serie di applicazioni dedicate ai gatti. Queste app sono pensate per chi ha poco tempo ed è ricco di impegni, vi permetteranno di gestire al meglio il vostro amato gattino.

    Se vi state chiedendo come, sappiate che molte di esse sono app che fungeranno da promemoria per ricordarvi di portare il felino dal veterinario, dove potete trovare prodotti utili per la sua cura o alimentazione e così via. Se vi abbiamo incuriosito almeno un po’, non vi resta che continuare a leggere: molto probabilmente troverete delle informazioni molto utili e adatte a voi.

    Amate i gatti? Non perdetevi queste app! My pets- Pets Manager

    La prima app che vogliamo consigliarvi, gratuita e disponibile solo per iOS, è My pets- Pets Manager. E’ molto facile da utilizzare e ricca di strumenti, ovvero potrete aggiungere tutti i promemoria di cui avete bisogno come “vaccinazione”, “sverminazione” e così via, inoltre potrete scattare la foto al vostro gatto e inserire i suoi dati per registrarlo nell’app. L’unica pecca è che l’applicazione è disponibile solo in lingua inglese e portoghese ma essendo molto semplice da utilizzare le lingue non dovrebbero essere di gran intralcio.

    Money Manager

    Ancora un’altra da consigliare assolutamente è Money Manager, gratuita e disponibile sia per Android che per iOS. Quest’app vi consentirà di tenere sotto controllo tutte le spese che avete effettuato per il vostro amico peloso, per fare ciò dovrete registrare la vostra carta di credito e ad ogni spesa risulterà il vostro budget, forte vero?

    11Pets

    L’ultima app di questa categoria che vogliamo consigliarvi in grado di gestire i vostri gatti è 11Pets, disponibile solo per Android gratuitamente. Potrete far si che tutti gli impegni che riguardano il vostro gattino siano sotto controllo, come le visite che dovrà sostenere, il cibo da comprare e così via. Potete anche registrare il vostro cucciolo impostando i suoi dati principali, inoltre stesso grazie a quest’app potrete trovare anche i migliori veterinari in circolazione e inoltre c’è anche la sezione adozioni, se desiderate adottare un nuovo amico peloso.

    Davvero completa, non trovate?

    App per far giocare il vostro gatto Friskies Happy Wings

    Friskies Happy Wings è un’app gratuita e disponibile sia per iOS che per Android che vi consentirà di far divertire il vostro gatto grazie al vostro smartphone o tablet. Si tratta di un divertente giochino per il vostro amico, ovvero dovrà catturare tutti i gli animaletti che capiteranno sullo schermo, come in questo caso: farfalle, libellule e così via, vedrete che il vostro gatto si divertirà tanto.

    Friskies Cat Fishing

    Molto simile all’app appena elencata  è Friskies Cat Fishing, gratuita e disponibile sia per iOS che per Android, questa volta il vostro gattino invece di prendere piccoli insetti potrà catturare dei fantastici pesciolini. Davvero divertente.

    Friskies Call Your Cat

    Per un gatto disubbidiente non può mancare sul vostro smartphone o tablet l’app gratuita e disponibile sia per iOS che per Andorid, Friskies Call Your Cat. Se ogni volta che chiamate il vostro gatto lui vi ignora, con quest’app potrete emettere suoni da lui piacevoli che faranno avvicinare il vostro amico, con molti gatti ha funzionato: provate anche con il vostro.

    Mouse

    Solo per Android e gratuita, parliamo di Mouse, si tratta di un divertentissimo topolino che corre su e giù per lo schermo con lo scopo di acciuffare il suo gustoso formaggio. Il vostro gattino tenterà di acchiappare invece il gustoso topolino, vedrete che anche voi vi divertirete a vedere il vostro gatto giocare.

    Benessere e cura del vostro gatto Zooplus

    Disponibile per Android e iOS non possiamo non consigliarvi l’app gratuita Zooplus, è molto utile in quanto offre un vasto catalogo di prodotti da poter acquistare per il vostro gatto. Non solo anche per altri animali domestici, i suoi prezzi sono davvero convenienti e inoltre potrete, facendo acquisti, anche accumulare una serie di punti che vi consentiranno in seguito di ricevere addirittura prodotti gratuiti.

    Pagine Gialle

    Se vi state chiedendo cosa centra l’app di Pagine Gialle con i gatti, la risposta è molto semplice: quest’app vi consentirà di poter cercare migliore veterinario vicino alle vostre zone, è davvero molto veloce e rapida e quindi anche in caso di urgenze grazie all’applicazione potrete rintracciare in modo molto veloce . E’ gratuita e disponibile per iOS, Android e Windows 10 Mobile.

    Amazon

    Come possiamo non parlare di Amazon? L’app del famosissimo e-commerce è disponibile gratuitamente per iOS, Android e Windows 10 Mobile. Grazie allo store online più potente del momento potrete scegliere tantissimi prodotti per i vostri gatti, dai miglior croccantini ai migliori giochi. Non dovrete far altro che digitare sulla barra di ricerca “Prodotti per gatti” e il gioco è fatto, come potrete vedere vari sono i prezzi e soddisfano l’esigenza di molti clienti.

    Ma per fare una ricerca ancora più completa, tra le categorie selezionate “Prodotti per animali domestici”, scegliete il vostro animale e procedete con lo scegliere se avete bisogno di cibo, giocattoli, lettiere, accessori e così via, così vedrete un’ ottima lista di prodotti davvero convenienti.

    GPS per il vostro gatto

    I gatti sono gli animali più vagabondi tra quelli domestici, se spesse volte vi preoccupate dove sia finito il vostro gatto e volete rintracciarlo per essere tranquilli che si trovi in un posto non pericoloso allora vi consigliamo di acquistare un GPS fatto a posta per gli animali domestici.

    Dovrete semplicemente attaccarlo al collare del vostro gattino e saprete tranquillamente la sua posizione precisa, tenendolo sotto controllo ovviamente dal vostro smartphone o tablet. Se pensate che questo GPS vi verrà a costare un botto, vi tranquillizziamo subito dicendovi che i prezzi non superano i 40€ di solito. Tra i migliori GPS per gatti vi segnaliamo: TIMTag SLIMGirafus Pet TrackerT-PetsChipoloPetpointer e Kippy Vita.

    Vedrete che dopo questa scelta non ve ne pentirete e scoprirete di aver fatto davvero un ottimo affare.

    Altre interessanti app per i vostri gatti Zampa a zampa

    Uno, due, ma anche tre gatti non vi bastano, volete un nuovo amico peloso da coccolare? Ci pensa un’app. Zampa a zampa è l’app migliore che in tutta la Lombardia offre una vasta vetrina di gatti, ma anche cani che cercano casa. Potrete utilizzare i filtri come cucciolo, adulto, femmina e maschio, trovare il cucciolo adatto a voi.

    E’ un’ app rigorosamente gratuita e disponibile sia per iOS che per Android.

    Vacanzeanimali.it

    Vogliamo concludere quest’articolo con quest’app  Vacanzeanimali.it per invitarvi a non abbandonare i vostri amici pelosi quando andate in vacanza ma a portarli insieme a voi. Esistono delle apposite strutture che lasciano il libero accesso: come potete trovarle? Grazie a quest’applicazione gratuita potrete conoscere quali hotel, B&B, spiagge, ristoranti e così via permettono il libero accesso al vostro cucciolo.

    Quest’app purtroppo è disponibile solo per Android ma vi consigliamo anche il sito online molto rapido e ottimo nel suo intento.

    Conclusioni

    Come sappiamo prendersi cura di un’animale non è affatto facile, per questo motivo abbiamo voluto dare consigli per semplificare piccoli e banali gesti quotidiani. Speriamo che quest’articolo vi sia stato utile, fateci sapere quali sono state le app più comode per voi e per i vostri amici gatti.

    L'articolo Le migliori app e giochi per gatti appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    “Postepay sospesa”: attenzione alla truffa più gettonata

    “Postepay sospesa”: attenzione alla truffa più gettonata


    Poste Italiane è sempre stato uno dei nidi più ricercati e facili dei truffatori intenzionati a rubare dati sensibili e conti degli ignari utenti: chi non ha (o non ha mai avuto) una Postepay, una Postepay Evolution o un qualsiasi servizio connesso...

    Poste Italiane è sempre stato uno dei nidi più ricercati e facili dei truffatori intenzionati a rubare dati sensibili e conti degli ignari utenti: chi non ha (o non ha mai avuto) una Postepay, una Postepay Evolution o un qualsiasi servizio connesso alle poste? In pochi, ed è per questo che tutti i truffatori trovano terreno fertile per le loro malefatte.

    Ultimamente una nuova truffa sta facendo capolino, ed è la truffa della “Postepay sospesa”, una truffa che di tanto in tanto, da anni, esce di nuovo allo scoperto ma, con tutta onestà, grazie anche ai progressi dei truffatori, può sembrare anche credibile agli occhi dei consumatori. Vediamo in cosa consiste e come difendersi.

    Comprare online: metodi di pagamento sicuriIndecisi se acquistare online per paura di truffe o furti di soldi? Usiamo solo i metodi di pagamento sicuri consigliati dalla nostra guida.Internetpaypal POSTEPAY SOSPESA VIA SMS

    Il primo approccio, di solito, che i truffatori utilizzano è quello via SMS. Fino a qualche tempo fa, questo metodo era sì molto usato, ma non erano molto efficaci in quanto spesso incorrevano in errori di traduzione anche abbastanza grossolani.

    Come potete notare, è una truffa abbastanza semplice da aggirare in quanto non offre nessun spunto e nessun dettaglio, richiedendo direttamente di andare sul sito per ripristinare l’accesso.

    Da poco, però, il metodo via SMS torna a far paura, soprattutto per le persone meno consapevoli in quanto grazie, ad alcune tecniche, i truffatori riescono a camuffare il proprio numero, facendolo comparire come il numero di info di Poste Italiane. Con un testo abbastanza veritiero senza nessun errore di sorta, viene avvisato l’utente che, se entro una determinata data non farà la conferma dei dati, il suo conto verrà bloccato.

    Se non ci si fa ingannare dal numero, scoprirli è abbastanza semplice in quanto vi richiede comunque di andare su un sito che, spesso, è un bottone o un “clicca qui” senza mostrare l’indirizzo URL completo che, nel nostro caso, è evidentemente un link abbreviato da un sito esterno.

    Phishing: cos’è e come difendersiCapiamo insieme come fanno i malintenzionati ad organizzare vere e proprie battute di 'pesca' di dati sensibili!Internetphishing Sicurezza POSTEPAY SOSPESA VIA POSTA ELETTRONICA

    Dello stesso tipo è il messaggio via MAIL che, però, si può rivelare pericolosissimo non solo per i dati della vostra Posta Elettronica ma anche dei dati del vostro computer.

    Anche in questo caso c’è stata un’evoluzione da parte dei truffatori che, prima, mandavano email da indirizzi di posta elettronica indecenti con testi quasi cifrati ed un italiano particolarmente opinabile. Adesso tutto è cambiato e, come per gli SMS, ci sono i metodi per camuffare il mittente e, addirittura, far segnalare la mail come importante anche in quei sistemi come Outlook che utilizzano un algoritmo particolarmente prestante per quanto riguarda la posta indesiderata.

    Come per quanto riguarda gli SMS, il succo è sempre quello, ma si è passati alla seconda fase: non avete confermato i dati? Ok, vi abbiamo bloccato il conto. Cliccate qui per sbloccare l’account.

    Anche in questo caso, il messaggio non è perfetto, di solito i mittenti inseriscono anche i dati di Poste Italiane (quale logo, partita iva ecc..) ma è abbastanza credibile ad un occhio meno attento, soprattutto se, in precedenza, l’utente ha ricevuto degli avvisi a loro modo credibili. Ma a cosa dobbiamo prestare maggiore attenzione nelle mail rispetto agli SMS? Ai Link.

    Come molti sanno, esistono dei virus, che si trasmettono spesso tramite allegati (ma anche tramite pagine con scaricamento di file automatici) che si chiamano Ransomware che, alla prima apertura, criptano tutti i dati possibili e li rilasciano (se li rilasciano) solo tramite pagamento, ovviamente non tracciato.

    Quando una truffa è ben ingegnata, soprattutto agli utenti meno consapevoli capita di cascarci, scaricare un allegato (che di solito viene spacciato come modulo di sblocco o come bollettino da compilare) ed il danno è fatto.

    Oltre i ransomware, ci sono anche le semplici pagine di compilazione dati. Nel caso della nostra mail, come possiamo vedere il bottone ci rimanderebbe ad un sito il cui dominio è registrato come jkub.com. Come potrete ben capire, è un dominio che non ha nulla a che fare con Poste Italiane e, spesso, è di provenienza dell’Est Europa.

    Phishing Apple: attenti al pop-up di iTunes StoreUna nuova tecnica di phishing potrebbe rubarvi i dati del vostro Apple ID, tenete gli occhi aperti: attenti alla truffa del pop-up!AppleiOS phishing Sicurezza COS’ALTRO SAPERE SU QUESTE TRUFFE E COME DIFENDERSI?

    Un altro elemento da non sottovalutare è il fatto che mai e poi mai queste truffe riescano a inserire, nella mail o negli sms, i “pubblici” tra voi e Poste Italiane, tipo l’ID o, anche più semplicemente, il vostro nome e cognome, questo perché il sistema di sicurezza di Poste Italiane è ben fatto e difficilmente riesce a perdere anche i dati più superficiali.

    Nel caso in cui, invece, il vostro client mail non vi mostri l’indirizzo URL completo passando con il mouse sul bottone, è un metodo semplicissimo per scoprirlo: uno cliccando sul bottone con il tasto destro, cliccando poi su “copia url” e incollarlo su un blocco note per leggerlo. A quel punto, se comunque vi rimane un piccolo dubbio, recarsi su VirusTotal e far analizzare l’URL.

    Come ci si può difendere? Basta pensare che Poste Italiane comunica con gli utenti solamente nell’area riservata ai clienti e non richiede mai dati sensibili per via telematica agli utenti.

    Se dovesse servire qualcosa e, per qualsiasi caso, l’utente non entri mai nella sua area riservata, manderebbe un avviso semplicemente per ricordare al cliente di entrare nella sua area o, al massimo, recarsi allo sportello postale più vicino. Ma queste cose, che per molti sono ovvie, non possono bastare.

    Ormai la tecnologia la usano tutti, anche gente più in là con l’età e gente molto più ingenua ed è proprio su di loro che i ladri puntano. Sebbene i consigli scritti sopra siano semplici per chiunque, in un qualsiasi momento di distrazione o dimenticanza, qualcuno potrebbe incappare nella truffa. Per evitare questo, quindi, bisogna munirli sempre di strumenti indispensabili:

    Per gli smartphone munirli di Truecaller (da far rimanere sempre in background) che analizza sempre i mittenti degli SMS; Per i computer (e anche per gli smartphone), munirli di client mail che facciano un ottimo smistamento della posta. Di solito, il più efficace è Outlook, ma può capitare (come nel caso di sopra) che perda qualche colpo (per la stessa mail hanno fallito anche GMail e TypeApp), quindi il rimedio più efficace rimane comunque un Antivirus attivo anche su Internet (di solito a pagamento).; Come bloccare SMS su AndroidBloccare SMS su Android da parte di numeri fastidiosi è molto semplice: ecco i migliori metodi per farlo, anche senza utilizzare app di terze parti.Androidapp android

    L'articolo “Postepay sospesa”: attenzione alla truffa più gettonata appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    Registrare telefonate iPhone

    Registrare telefonate iPhone


    Molte volte possiamo avere la necessità di registrare una chiamata che effettuiamo con il nostro iPhone. I motivi posso essere vari, come ad esempio dover riutilizzare la registrazione per motivi aziendali. Purtroppo iOS non fornisce una funzione per...

    Molte volte possiamo avere la necessità di registrare una chiamata che effettuiamo con il nostro iPhone. I motivi posso essere vari, come ad esempio dover riutilizzare la registrazione per motivi aziendali. Purtroppo iOS non fornisce una funzione per registrare le telefonate effettuate con l’iPhone. Tuttavia possiamo rivolgerci a delle soluzioni di terze parti che ci consentono di riuscire nel nostro intento.

    Vediamo quindi come registrare telefonate con il nostro iPhone.

    Come registrare telefonate iPhone

    Come abbiamo detto in precedenza, Apple non fornisce nessuno strumento adatto al nostro scopo. Tuttavia possiamo puntare a dei metodi alternativi che vi elenchiamo qui di seguito.

    Call Recorder Unlimited

    Si tratta di un’applicazione che ci permette di registrare telefonate in entrata e in uscita. I file ottenuti dalla registrazione possono essere tranquillamente salvati sulla memoria locale. Una funzione davvero molto interessante è la possibilità di trascrivere letteralmente la conversazione registrata.

    Inoltre è realizzata con un’interfaccia semplice, moderna e molto intuitiva per renderne l’utilizzo adatto a tutti.

    Call Recorder può essere scaricato gratuitamente, ma richiede un abbonamento di 1,99€ al mese per essere utilizzato.

    DOWNLOAD | Call Recorder Unlimited

    TapeACall

    Si tratta di un’applicazione che ci consente di registrare telefonate in entrata e in uscita, senza limiti di tempo. Una volta avviata la registrazione sarà possibile lasciarla attiva in background. I file verranno salvati sulla memoria locale del dispositivo e potremo condividerli tramite Dropbox, Drive, E-Mail, Twitter e Facebook.

    Inoltre il servizio non funziona se siete clienti dell’operatore Vodafone. Sono disponibili due versioni dell’applicazione, una Lite e una Pro. La Lite consente di provare il servizio. Invece la versione Pro è acquistabile al prezzo di 10,99€ per poter godere appieno del servizio.

    DOWNLOAD | TapeACall Lite

    DOWNLOAD | TapeACall Pro

    Phishing Apple: attenti al pop-up di iTunes StoreUna nuova tecnica di phishing potrebbe rubarvi i dati del vostro Apple ID, tenete gli occhi aperti: attenti alla truffa del pop-up!AppleiOS phishing Sicurezza Altri metodi

    Oltre alle applicazioni disponibili sull’App Store, esistono altri metodi per registrare telefonate in entrata e in uscita. Vediamo insieme quali sono.

    Cydia

    Se avete un iPhone con Jailbreak dovete sapere che esiste un tweak che ci consente di registrare le nostre telefonate. Il tweak si chiama Call Recorder iOS e grazie ad esso si possono registrate tutte le chiamate che vogliamo in modo completamente gratuito. Per installarlo basterà aprire Cydia e cercare Call Record iOS.

    All’inizio di ogni chiamata comparirà un pallino rosso con il quale effettuare la registrazione. Inoltre nell’app del tweak verranno salvate tutte le registrazioni e potremo salvare sul cloud o convidiverle tramite mail o SMS.

    Registrare in vivavoce

    Se non volete acquistare i servizi delle applicazioni che vi abbiano elencato prima esiste un altro modo. Possiamo registrare le telefonate con un altro smartphone mentre abbiamo attivato il vivavoce.

    Trasferire video da iPhone a PC e viceversaVolete trasferire i vostri video preferiti dall'iPhone al PC Windows oppure Mac? Vediamo insieme quali metodi si possono utilizzare.AppleiOS Conclusioni

    Come abbiamo visto esistono vari metodi per registrare le chiamate in entrata e in uscita sul nostro iPhone. E voi quale metodo utilizzate?

    Come velocizzare un iPhoneIl vostro iPhone sta presentando segni di cedimento? Vediamo insieme alcuni trucchetti e suggerimenti per velocizzare un iPhone.AppleiOS File di iOS 11: come funziona il File ManagerCon iOS 11 Apple ha introdotto File, il nuovo file manager di iOS. Vediamo insieme di cosa si tratta e quali sono le sue funzionalità.AppleiOS ios 11

    L'articolo Registrare telefonate iPhone appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    Offerte Gearbest: tanti Xiaomi in super sconto!

    Offerte Gearbest: tanti Xiaomi in super sconto!


    In questo articolo troverete le offerte Gearbest più importante, aggiornate quotidianamente. Gearbest è uno degli store cinesi più famosi e che spesso viene scelto dagli utenti per la sua gamma di offerte e prezzi vantaggiosi. Bisogna ammettere che è...

    In questo articolo troverete le offerte Gearbest più importante, aggiornate quotidianamente. Gearbest è uno degli store cinesi più famosi e che spesso viene scelto dagli utenti per la sua gamma di offerte e prezzi vantaggiosi. Bisogna ammettere che è anche molto affidabile e spesso l’assistenza vi risponde anche in Italiano: per maggiori info su garanzia e spedizioni fate riferimento a questa pagina.

    Siti e store cinesi sicuri e affidabili per acquisti onlineVoglia di shopping online dal paese dei dragoni? Vediamo insieme i migliori siti cinesi per acquistare e risparmiare in sicurezza.Internetcina paypal

    In questo articolo vi riportiamo ogni giorno le migliori offerte Gearbest del momento, con tanto di link a tutte le promozioni attive o codici sconto esclusivi. Gearbest ha anche lanciato una versione Italiana del suo store dove vengono offerti ben 2 anni di garanzia e supporto Italiano!

    Corriere espresso: orari, tracking e contattiIn fase di spedizione è particolarmente utile poter conoscere in tempo reale tutto sul nostro corriere espresso: orari, tracking e contatti, e molto altro!Internetcorriere espresso pacco spedizione Le offerte Gearbest di oggi

    C’è anche il nostro canale Telegram dedicato alle offerte: iscrivetevi se vi va, resterete sempre aggiornati in tempo reale su tutte le promozioni e le offerte del momento oltre a ricevere codici sconto esclusivi.

    Nota bene: alcune offerte potrebbero avere un prezzo diverso da quello mostrato nell’articolo. Questo perché l’offerta in questione potrebbe essere già terminata oppure le scorte in promozione sono state esaurite.

    Hubsan H501S X4 Brushless Drone – Advanced Version  Coupon: H501SX4NIT €194.75
    http://bit.ly/2i8Me0X

    KZ KZ – ES3 In-ear Detachable HiFi Earphones in offerta lampo 11,05 euro
    http://bit.ly/2ykUQHb

    TWS10 Bluetooth Earphone in offerta lampo 16,15 euro http://bit.ly/2yiEayG

    Original Xiaomi Ultra-thin 10000mAh Mobile Power Bank 2 – SILVER in offerta lampo a 14,02 euro http://bit.ly/2geQMSK

    Xiaomi Redmi Note 4 4+64
    Coupon: note4th64gb 200 pezzi viene 148,81 euro http://bit.ly/2ykLPOk

    Xiaomi Redmi 4X
    Coupon: redmi4xth viene 110,54 euro
    http://bit.ly/2gBFZPw

    Xiaomi Mi Mix 2 6+64GB viene 459,21 euro Coupon: mix2th64gb
    http://bit.ly/2wS2uFV

    Xiaomi Mi Note 3 6+128gb
    Coupon: note3th 365,66 euro
    http://bit.ly/2gBNQwp

    Elephone S8 4G Phablet
    Coupon: ELES8 viene 198,13 euro
    http://bit.ly/2i9BvmE

    XIAOMI MI Note 2
    Prezzo di 246€
    Coupon = note2tw
    http://bit.ly/2yI5n0P

    OnePlus 5 8+128gb
    Coupon:oneplus5th viene 450,70 euro
    http://bit.ly/2zlayAD

    Xiaomi Notebook Air 13.3
    Coupon:Air13N viene 663,33 euro
    http://bit.ly/2kNVxV0

    Jumper EZBOOK 3 PRO Notebook
    Coupon:BOOKPRO €187.08
    http://bit.ly/2yfbsAY

    L'articolo Offerte Gearbest: tanti Xiaomi in super sconto! appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    Caricatori con ricarica rapida per iPhone 8/8 Plus/X

    Caricatori con ricarica rapida per iPhone 8/8 Plus/X


    iPhone 8, iPhone 8 Plus e iPhone X presentati da Apple supportano sia la ricarica wireless che la ricarica rapida. Inizialmente i caricatori supportati erano prodotti direttamente da Apple stessa, ma finalmente ora si possono utilizzare anche i...

    iPhone 8, iPhone 8 Plus e iPhone X presentati da Apple supportano sia la ricarica wireless che la ricarica rapida. Inizialmente i caricatori supportati erano prodotti direttamente da Apple stessa, ma finalmente ora si possono utilizzare anche i caricatori di terze parti che sono dotati della tecnologia Power Delivery.

    Inoltre, proprio perché Apple deve far parlare di sé nel bene e nel male, non troverete nelle confezioni originali dei nuovi iPhone un caricatore che supporti la ricarica rapida. Fortunatamente, però, si possono usare – come la stessa Apple ha dichiarato – quelli compatibili.

    Come si legge dal sito ufficiale, la ricarica rapida funziona con:

    Alimentatori USB-C Apple 29W, 61W o 87W Alimentatori USB-C di terze parti che supportano USB Power Delivery (USB-PD)

    Vediamo insieme quali sono i modelli compatibili.

    Caricatori con ricarica rapida per iPhone 8/8 Plus/X

    La ricarica veloce dei nuovi iPhone consente di raggiungere il 50% di carica in circa 30 minuti. Per sfruttare la ricarica rapida è necessario acquistare un alimentatore USB-C. Ovviamente Apple indica l’acquisto dei tre modelli prodotti direttamente dall’azienda. I modelli sono: il A1540 a 59€, il A1718 a 79€ e il A1719 a 89€. Inoltre, in accoppiata all’alimentatore, dobbiamo acquistare anche un cavo Lightning/USB-C.

    Ovviamente tutti questi accessori dovranno essere acquistati separatamente. Tuttavia c’è anche una buona notizia. La ricarica rapida nuovi Apple iPhone 8, iPhone 8 Plus e iPhone X supporta anche caricatori di terze parti. Questa è sicuramente un’ottima notizia per chi non vuole spendere delle cifre esorbitanti per acquistare un caricatore per il proprio dispositivo. È fondamentale. però, che sia dotato del support USB Power Delivery (USB-PD). Inoltre il cavo Lightning/USB-C da acquistare e utilizzare è quello originale Apple.

    Qui di seguito vi consigliamo l’acquisto di alcuni modelli compatibili con la tecnologia di Apple.

    AUKEY USB C da 46W/da muro

    Si tratta di un caricabatterie a muro con porta USB-C fino a 46W. Ovviamente supporta la Power Delivery 3.0 ed è perfettamente compatibile con i nuovi modelli di Apple. Inoltre è compatibile anche con Macbook e Macbook Pro. Questo modello possiede anche una porta di uscita USB-A.

    AUKEY USB C da 29W/da muro

    Si tratta di un caricabatterie a muro con porta USB-C fino a 29W. Supporta la Power Delivery 2.0 ed è perfettamente compatibile con i nuovi modelli di Apple. Inoltre, in accoppiata all’alimentatore, è fornito anche un adattatore dotato di due uscite USB-A.

    Inateck USB C da 45W/da muro

    Si tratta di un caricabatterie a muro con porta USB-C fino a 45W. Supporta la Power Delivery 3.0 ed è perfettamente compatibile con i nuovi modelli di Apple. Tuttavia, rispetto ai modelli precedenti possiede esclusivamente una porta di uscita USB-C e nessuna porta USB-A.

    AUKEY USB C da 36W/da auto

    Questa volta si tratta di un caricabatterie da auto con porta USB-C fino a 36W. Supporta la Power Delivery 2.0 ed è perfettamente compatibile con i nuovi modelli di Apple. Inoltre possiede anche una porta USB-A per ricaricare i dispositivi che non supportano l’uscita USB-C.

    Apple cavo Lightning/USB-C

    Come abbiamo detto in precedenza, per il momento possiamo utilizzare esclusivamente il cavo Lightning/USB-C prodotto direttamente da mamma Apple.

    Caricabatterie per iPhone: quale acquistareIl vostro caricatore originale iPhone vi ha abbandonato? Noi vi proponiamo i migliori caricabatteria per iPhone velocissimi e compatibili.Appleguida acquisto Conclusioni

    I modelli che vi abbiamo elencato sono un’ottima alternativa rispetto ai modelli commercializzati direttamente da Apple. Purtroppo sono disponibili ancora pochi caricatori compatibili con i nuovi iPhone ma terremo costantemente aggiornato l’articolo!

    Caricabatterie auto USB: quale comprareScegliendo il giusto caricabatteria auto USB è possibile avere lo smartphone quasi totalmente carico in appena mezz'ora. Vediamo quali sono i migliori.Hardwareguida acquisto

    L'articolo Caricatori con ricarica rapida per iPhone 8/8 Plus/X appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    Offerte TomTop: Xiaomi A1 a 184€, Zaino antifurto e tanto altro

    Offerte TomTop: Xiaomi A1 a 184€, Zaino antifurto e tanto altro


    La nostra sezione offerte del giorno si arricchisce grazie ad un accordo con TomTop, noto store e sito cinese sicuro per gli acquisti in Italia. Come già accade con altre categorie di offerte, anche in questo articolo troverete quotidianamente degli...

    La nostra sezione offerte del giorno si arricchisce grazie ad un accordo con TomTop, noto store e sito cinese sicuro per gli acquisti in Italia. Come già accade con altre categorie di offerte, anche in questo articolo troverete quotidianamente degli sconti o coupon esclusivi per tutti i nostri lettori.

    Prima di lasciarvi alle offerte, vi ricordo che avete a disposizione uno sconto esclusivo: basta usare il coupon CHIMERA prima del check-out e acquisto. Riceverete il 5% di sconto nella categoria smartphone e accessori.

    Vi ricordo che il codice sconto CHIMERA non è valido per i prodotti in pre-ordine o già in promozione. Ecco le offerte di oggi.

    Siti e store cinesi sicuri e affidabili per acquisti onlineVoglia di shopping online dal paese dei dragoni? Vediamo insieme i migliori siti cinesi per acquistare e risparmiare in sicurezza.Internetcina paypal Xiaomi A1

    Lo smartphone di Xiaomi con a bordo Android One, uno dei migliori per rapporto qualità / prezzo. A questo prezzo lo Xiaomi A1 è ancora di più un affare.

    Tipo di offerta: offerta lampo (risparmio di 46€ – prezzo finale di 184€)

    Link acquisto | Xiaomi A1

    Zaino antifurto

    Un oggetto fantastico. È fatto di fibra di poliestere che è un tessuto resistente all’usura e ad alta resistenza, quindi lo zaino è antistatico, facile da pulire e non deformato. Ha un bel design, dispone di cavo USB ed ha un sistema di antifurto che impedisce a qualche malintenzionato di aprire lo zaino a vostra insaputa.

    Tipo di offerta: offerta lampo (risparmio di 14€ – prezzo finale di 16.79€)

    Link acquisto | Anti-Theft Laptop Travel Backpack

    SADES R1 USB Wired Gmaing Headset with LED Light

    Coupon: TTSDR1 (prezzo finale di 10$)

    Link acquisto | SADES R1 USB Wired Gmaing Headset with LED Light

    LEMFO LF19 Smart Sports Watch

    Tipo di offerta: offerta lampo (risparmio di 13€ – prezzo finale di 13.43€)

    Link acquisto | LEMFO LF19 Smart Sports Watch

    2″ LCD 12MP 1080P WiFi Action Sports Camera

    Tipo di offerta: offerta lampo (risparmio di 27€ – prezzo finale di 13.99€)

    Link acquisto | 2″ LCD 12MP 1080P WiFi Action Sports Camera

    NES Game Machine

    Ti senti annoiato nel tuo tempo libero? Vuoi trovare qualcosa di meraviglioso e significativo da fare? Se è così, questa console è la giusta scelta. Ci sono 500 diversi giochi classici incorporati in essa, adatti sia ai più piccini che ai più grandi. Ideale per svagarsi anche in compagnia degli amici.

    Tipo di offerta: offerta lampo (risparmio di 20€ – prezzo finale di 21.83€)

    Link acquisto | NES Game Machine

    USB WiFi Adapter 600Mbps Dual Band

    Il nome già dice tutto: questo dispositivo serve ad aggiungere il supporto alla WiFi ai PC che non ne sono provvisti.

    Tipo di offerta: offerta lampo (risparmio di 6€ – prezzo finale di 5.87€)

    Link acquisto | USB WiFi Adapter 600Mbps Dual Band Wireless

    Qi Fast Charge Wireless Charger

    Se avete un dispositivo che supporta la ricarica Wireless, tra cui i nuovi iPhone 8, iPhone 8 Plus e iPhone X, allora questa base di ricarica vi tornerà molto utile.

    Tipo di offerta: offerta lampo (risparmio di 4€ – prezzo finale di 7.38€)

    Link acquisto | Qi Fast Charge Wireless Charger

    960P HD 360 Degree Wireless Wifi VR IP Camera

    Una telecamera di sicurezza con supporto alla vista 360°, dotata di rilevamento del movimento, funzioni audio e tante altre caratteristiche interessanti.

    Tipo di offerta: offerta lampo (risparmio di 27€ – prezzo finale di 23.51€)

    Link acquisto | 960P HD 360 Degree Wireless Wifi VR IP Camera

    Porta cellulare con luce

    Uno strumento professionale utile per le dirette Facebook o Instagram, per selfie o videochat. Si può bloccare su tavolo, scrivania, letto e ruotare in qualsiasi angolo facendovi rimanere con le mani libere.

    Coupon: WLLAM (risparmio di 5$ – valido fino al 10.11.2017)

    Link acquisto | Controllable Selfie Ring Light with Clamp

    DVR per auto

    Questa telecamera DVR per auto è progettata con supporto alla registrazione video ad alta risoluzione 1080p. Con obiettivo a grandangolo da 140 gradi, garantisce qualità delle ripresa. Inoltre, è dotato anche di visore notturno.

    Tipo di offerta: offerta lampo a 9€ circa.

    Link acquisto | 2.4 Inch 140 Degree Wide Angle Car DVR with Night Vision

    MiraScreen

    Si tratta di un dispositivo specifico per trasmettere i contenuti di smartphone e tablet o PC su altri schermi, come le TV, proiettori eccetera. Sfrutta la connessione WiFi.

    Coupon: WLMIRA (risparmio del 23% – valido fino al 31.10.2017)

    Link acquisto | MiraScreen WiFi Display DLNA Airplay Miracast

    Cam di sorveglianza per bambini

    Tipo di offerta: offerta lampo con prezzo finale di 19.31€

    Link acquisto | NEO Coolcam HD 720P Wireless WiFi Monitor Camera Baby Monitor

    Caricatore solare portatile

    Coupon: WLSOLE (risparmio di 3.3$ – valido fino al 31.10.2017)

    Link acquisto | Solar Panel Charger 10W Portable Ultra Thin

    L'articolo Offerte TomTop: Xiaomi A1 a 184€, Zaino antifurto e tanto altro appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    Xiaomi Mi Mix 2 a 475€ e ZUK Z1 a 110€su LightInTheBox

    Xiaomi Mi Mix 2 a 475€ e ZUK Z1 a 110€su LightInTheBox


    Uno degli smartphone borderless più desiderati del momento non è l’iPhone X bensì lo Xiaomi Mi Mix 2, un connubio di eleganza e potenza che ha conquistato molti utenti. Tuttavia il prezzo risulta ancora esagerato ma grazie all’offerta di...

    Uno degli smartphone borderless più desiderati del momento non è l’iPhone X bensì lo Xiaomi Mi Mix 2, un connubio di eleganza e potenza che ha conquistato molti utenti. Tuttavia il prezzo risulta ancora esagerato ma grazie all’offerta di LightInTheBox potete acquistare il nuovo super smartphone di Xiaomi ad appena 475€!

    XiaomiMi Mix 2SmartphoneScheda Tecnica

    La consegna è prevista in 3-5 giorni lavorativi mentre i tempi di spedizione, con corriere espresso, ammontano a 3-4 giorni lavorativi. E non ci sono spese di spedizione da pagare.

    Si tratta di una bella notizia visto che ora lo Xiaomi Mi Mix 2 supporta ufficialmente anche l’italiano grazie alla ROM Global rilasciata proprio nelle ultime ore.

    Di seguito il link all’acquisto del prodotto:

    Link all’acquisto | Xiaomi Mi Mix 2 su LightInTheBox

    In fase di acquisto noterete che potete anche aggiungere il pagamento a priori della dogana, come mostrato in foto.

    Lenovo ZUK Z1

    Oltre allo Xiaomi Mi Mix 2, il famoso store propone anche il Lenovo ZUK Z1 ad appena 110€.

    Certo, non uno smartphone recentissimo ma noto per la sua batteria molto capiente e versatilità nel supporto a molte custom ROM.

    Se siete interessati potete acquistarlo da questo indirizzo.

    L'articolo Xiaomi Mi Mix 2 a 475€ e ZUK Z1 a 110€su LightInTheBox appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    Come velocizzare un iPhone

    Come velocizzare un iPhone


    Può capitare che anche il nostro fedele e affidabile iPhone possa dare dei segni di cedimento. Un aggiornamento contenente bug può rallentare il nostro dispositivo. Inoltre, se si tratta di un dispositivo un po’ vecchiotto, può capitare che a causa...

    Può capitare che anche il nostro fedele e affidabile iPhone possa dare dei segni di cedimento. Un aggiornamento contenente bug può rallentare il nostro dispositivo. Inoltre, se si tratta di un dispositivo un po’ vecchiotto, può capitare che a causa di un update di iOS possa subire qualche effetto collaterale. Ovviamente a nessuno piace utilizzare un dispositivo che si blocca o che presenta dei rallentamenti. Tuttavia esistono alcuni trucchetti che ci consentono di velocizzare un iPhone.

    Vediamo insieme quali sono e come sfruttarli al meglio.

    Come calibrare batteria iPhoneAvete incominciato a riscontrare dei problemi legati alla batteria del vostro iPhone? Potrebbe essere necessario calibrare la batteria. Vediamo come fare.AppleiOS Velocizzare l’iPhone: procedura

    Come abbiamo detto in precedenza, esistono alcuni trucchetti che ci consentono di velocizzare un iPhone che sta dando segni di cedimento.

    Disattivare l’aggiornamento app in background

    Si tratta di una funzione che aggiorna costantemente le app in background. Sicuramente è una funzione molto comoda, ma essa richiede uno sforzo continuo del sistema, con conseguenti rallentamenti.

    Quindi se riscontrate dei rallentamenti è consigliabile disattivarla. La procedura è davvero molto semplice. Prima di tutto andiamo in Impostazioni e selezioniamo la sezione Generali. A questo punto selezioniamo Aggiorna app in background e disattiviamo l’opzione relativa all’aggiornamento.

    Migliorare batteria iPhone con iOS 11Riscontrate un peggioramento dell'autonomia dopo aver installato iOS 11? Ecco come migliorare la durata della batteria di iPhone e iPad con iOS 11.AppleiOS ios 11 Disattivare l’effetto parallasse

    Gli effetti visivi influiscono pesantemente sulle prestazioni del nostro dispositivo, come ad esempio l’effetto parallasse delle icone. Per rimuovere questi effetti basta andare in Impostazioni e selezionare la sezione Generali. Clicchiamo sulla sezione Accessibilità e selezioniamo l’opzione Riduci movimento. A questo punto abilitiamo l’opzione impostando il toggle su On.

    Come fare belle foto con iPhoneSiete degli appassionati di fotografia e volete cimentarvi in questo campo? Vediamo alcuni consigli per scattare delle belle foto con il vostro iPhone.AppleiOS Disattivare i suggerimenti di Siri

    Si tratta di una funzione molto utile che ci aiuta molto nell’uso quotidiano. Ma come gli aggiornamenti in background, anch’essa ha bisogno di mantenere il dispositivo sotto sforzo. Quindi è opportuno disattivarla.

    Per farlo basta andare in Impostazioni e selezionare la sezione Siri e Cerca. A questo punto disattiviamo le opzioni Suggerimenti Spotlight e Suggerimenti in Cerca.

    Liberare lo spazio di archiviazione

    Lo spazio di archiviazione incide fortemente sulle prestazioni del nostro dispositivo. Infatti è consigliabile lasciarne sempre un buon 10% libero affinché il dispositivo non subisca rallentamenti di vario genere. Lo spazio di archiviazione, quindi, è fondamentale per l’esecuzione di alcune funzionalità del sistema, come ad esempio la gestione della cache.

    Per verificare la memoria disponibile basta andare in Impostazioni e selezionare la sezione Generali. A questo punto possiamo entrare nella sezione Spazio libero iPhone. Nella nuova schermata ci viene mostrato lo spazio di archiviazione libero. Inoltre ci vengono suggerite delle opzioni per poter eliminare lo spazio occupato inutilmente.

    Disattivare la trasparenza

    La trasparenza e gli effetti di sfocatura sono una caratteristica dell’interfaccia di iOS, ma incidono molto sulle prestazioni. Quindi è opportuno disattivarli per migliorare le prestazioni del nostro dispositivo. Per farlo basta andare in Impostazioni e selezionare la sezione Generali. Fatto questo spostiamoci nella sezione Accessibilità e in Aumenta contrasto abilitiamo l’opzione Riduci trasparenza.

    Utilizzare sfondi senza prospettiva

    La funzione Prospettiva per gli sfondi richiede un maggiore sfruttamento della memoria interna. Quindi il consiglio che vi diamo è quello di utilizzare degli sfondi semplici, evitando l’effetto Prospettiva o sfondi dinamici.

    Conclusioni

    Come abbiamo visto, questi sono dei semplici trucchetti che ci permettono di velocizzare il nostro iPhone che sta accusando alcuni colpi. Ovviamente si trattano di semplici “consigli” e non di miracoli che faranno resuscitare completamente il vostro dispositivo abbastanza datato.

    L'articolo Come velocizzare un iPhone appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    GearBest spedizione Italy Express sparita [PROBLEMA RISOLTO + RIMBORSI]

    GearBest spedizione Italy Express sparita [PROBLEMA RISOLTO + RIMBORSI]


    Molti di voi avranno sicuramente notato che nelle ultime settimane non è stato più possibile selezionare il metodo di spedizione “Italy Express” a seguito di un acquisto effettuato sul noto e-commerce Gearbest. Con Italy Express infatti, si intende...

    Molti di voi avranno sicuramente notato che nelle ultime settimane non è stato più possibile selezionare il metodo di spedizione “Italy Express” a seguito di un acquisto effettuato sul noto e-commerce Gearbest.

    Con Italy Express infatti, si intende un tipo di spedizione spesso gratuita che ingloba nel prezzo del prodotto acquistato anche i costi di spedizione, ed era ovviamente il metodo di spedizione più utilizzato su GearBest! Ma cosa è successo? Facciamo chiarezza.

    Offerte Gearbest: tanti Xiaomi in super sconto!Raccogliamo per voi, ogni giorno, le migliori promozioni e offerte Gearbest. Il noto store Cinese propone sempre molti sconti: eccoli tutti.HardwareGearbest migliori offerte GearBest spedizione Italy Express

    Per fare luce sull’accaduto, noi di ChimeraRevo ci siamo messi in diretto contatto con un referente di GearBest in modo da poterci fornire quante più delucidazioni sull’accaduto.

    Più precisamente, ci hanno spiegato, il problema sta interessando principalmente i prodotti di piccola taglia, e dunque tutti i prodotti poco ingombranti per i quali, appunto, non veniva fatta pagare la sedizione tramite il servizio Italy Express. Ma perché?

    La dogana

    A quanto pare il problema risiede proprio nella dogana italiana e londinese, le quali nelle ultime settimane hanno deciso di bloccare moltissimi pacchi aventi la suddetta spedizione e ai quali potrebbe essere applicata una tassa di sdoganamento.

    Insomma, sembra proprio che la dogana abbia preso di mira questi pacchi, rendendo la spedizione Italy Express poco affidabile. Motivo per il quale GearBest ha deciso di rimuovere Italy Express dai metodi di spedizione selezionabili.

    Cercate tablet 2 in 1 con Windows 10? Ecco le offerte GearbestIl famoso e-commerce ha lanciato una promozione legata ad alcuni dispositivi 2 in 1 con a bordo Windows 10: ideali per lavoro, navigazione e svago!Tabletchuwi Gli scioperi di SDA

    Questo non è un fattore che riguarda molto da vicino l’attuale situazione di Gearbest che utilizza BRT per le spedizioni Italy Express. Tuttavia volevamo segnalarvi che ai già sopracitati problemi si aggiungono i numerosi moti di protesta dei lavoratori del noto corriere SDA (di proprietà Poste Italiane) che soltanto nell’ultimo mese ha perso il 50% del suo fatturato, causando il blocco di centinaia di migliaia di pacchi (più di centomila solo nella sede di Milano Carpiano).

    Molti utenti infatti, anche con pacchi tracciabili, lamentano di non avere più aggiornamenti da più di due settimane. Tanti addirittura, vedono tramite il tracking, che il loro pacco è stato già sdoganato, ma non ancora consegnato da giorni! Per approfondimenti, leggete qui.

    Siti e store cinesi sicuri e affidabili per acquisti onlineVoglia di shopping online dal paese dei dragoni? Vediamo insieme i migliori siti cinesi per acquistare e risparmiare in sicurezza.Internetcina paypal Quando tornerà Italy Express?

    Domanda difficile da rispondere! Stando a quanto detto dal nostro referente, GearBest sta facendo il possibile per risolvere ed, eventualmente, trovare un punto di incontro con la nostra dogana.

    Tuttavia, fino ad allora la spedizione non sarà disponibile e tutt’ora non sanno se Italy Express verrà mai rimessa in funzione sul sito! Ma insomma questo cosa significa? Inevitabilmente dovremo utilizzare altri metodi di spedizione!

    Gli altri metodi di spedizione..

    Insomma, non ci resta che utilizzare gli altri metodi di spedizione, ma questo cosa significa? Cosa cambia dalla spedizione Italy Express? E soprattutto, sono affidabili?

    Purtroppo fin’ora italy Express era l’unica spedizione che, oltre ad essere spesso gratuita su molti prodotti, ci dava la sicurezza di poter superare i controlli doganali, e di conseguenza eventuali costi di sdoganamento.

    La sua assenza dunque, mette i nostri pacchi in elevato rischio di essere fermati ed ispezionati, qualunque sia il metodo di spedizione scelto, a prescindere dai costi di spedizione pagati!

    Insomma, che scegliate una spedizione con o senza numero di tracciamento, che sia gratuita o meno, sarete sempre a rischio che il vostro pacco venga bloccato in dogana.

    Purtroppo a nulla servirà utilizzare la piattaforma GearBest Italia che, come saprete, garantiva la spedizione gratuita proprio grazie alla spedizione Italy Express, oltre che a 24 mesi di garanzia.

    Insomma, conviene aspettare l’evolversi della situazione. Noi vi terremo costantemente aggiornati e, nel caso abbiate particolari richieste, possiamo aiutarvi ad inoltrarle tramite le nostre referenze: lasciate un commento qui in basso, vi risponderemo al più presto possibile!

    GearBest lancia il suo sito Italiano: ecco tutte le info!GearBest ha inaugurato il suo store italiano: scoprite con noi come ed in cosa è cambiato uno degli e-commerce cinesi più usati nel web!InternetGearbest AGGIORNAMENTO DA GEARBEST

    Abbiamo ricevuto nelle ultime ore un importantissimo aggiornamento da GearBest in merito ai disagi creati ai suoi clienti. Scusandosi nuovamente per i ritardi e ribadendo il loro impegno nel risolvere questa situazione, hanno affermato che:

    “Tutti i prodotti stanno arrivando, e avrete il 100% delle probabilità di riceverlo“. L’unico problema è quando, bisogna essere un po’ pazienti. “A titolo di scusa, offriremo un rimborso del 5% del valore dell’ordine per gli ordini in ritardo più di 7 giorni lavorativi fuori dalla data prevista di consegna”.

    Il compenso potrà essere richiesto appena riceverete il vostro ordine, dimostrando a GearBest che la data di arrivo è stata ritardata di almeno 7 giorni lavorativi. Il compenso verrà emesso in USD (dollari) sulla carta utilizzata per il pagamento del vostro ordine.

    Conclude poi il messaggio ringraziando i clienti per la loro comprensione e ribadendo che, purtroppo, il problema è stato causato da fonti sulle quali GearBest non ha controllo.

    Molti utenti poi, non riescono a tracciare i loro ordini: GearBest ci tiene a precisare che potrebbe derivare da un bug di sistema e che, in ogni caso, quando il pacco arriva in dogana a Londra, il tracking subisce dei rallentamenti, fermandosi momentaneamente.

    E voi, siete tra coloro che potranno richiedere il rimborso?

    L'articolo GearBest spedizione Italy Express sparita [PROBLEMA RISOLTO + RIMBORSI] appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    Kodi: installazione e guida all’utilizzo

    Kodi: installazione e guida all’utilizzo


    Kodi è una applicazione sulla bocca di tutti, in questo articolo cercheremo di dare una risposta chiara e diretta alle domande che riceviamo spesso sull’argomento. Kodi è una delle applicazioni media center più usata, ed è l’app più diffusa sui...

    Kodi è una applicazione sulla bocca di tutti, in questo articolo cercheremo di dare una risposta chiara e diretta alle domande che riceviamo spesso sull’argomento. Kodi è una delle applicazioni media center più usata, ed è l’app più diffusa sui TV box Android.

    Oggi vedremo nel dettaglio, sopratutto per chi ancora non lo conoscesse, di cosa si tratta, come funziona, se è veramente illegale o meno.

    Come vedere la TV su AndroidDesiderate guardare i vostri canali TV preferiti anche sui dispositivi Android? Scoprite con noi tutte le possibilità che avete di fronte!Androidapp android tv Cos’è Kodi?

    Quando si parla di Kodi la prima definizione è proprio, media center. Di solito quando si parla di media center si indica un dispositivo o una applicazione utilizzato per ascoltare o riprodurre musica, video e immagini e di solito ottimizzato per essere usato tramite telecomando su grossi schermi.

    Per scendere più nei particolari Kodi è un media player open source e nato con il nome di XBMC ( che stava per Xbox Media Center). Ben presto il progetto è migrato su PC ed è divenuto multipiattaforma,  nel 2014 ha poi acquisito il nome attuale. La natura completamente open source di Kodi ha portato negli anni alla creazione e crescita di una attiva e vitale comunità online, che gli dedica un supporto davvero completo.

    Una delle sue caratteristiche di maggior rilievo e la possibilità di riprodurre contenuti sia da locale che in streaming. Questo lo rende un compagno perfetto di tutti nostri dispositivi, con o senza connessione ad internet.

    Attenzione: Kodi è assolutamente gratuito! Se un sito o una persona cerca di vendervi Kodi si tratta di una truffa.

    TV Box Kodi: come scegliere e quale acquistareTutto ciò che dovete sapere prima di acquistare un TV Box Kodi: consigli su cosa scegliere e guida all'acquisto!Androidkodi Tv Box Perchè Kodi è famoso?

    Di buone applicazioni per il media centering ne esistono a decine, e Microsoft aveva fatto anche una versione di Windows dedicata ( Windows MCE) che ha avuto scarso successo. Ma Kodi ha senza dubbio due grossi punti di forza:

    Kodi  è opensource, multi-piattaforma ed  un è estremamente versatile, in grado di riprodurre qualsiasi contenuto decidiate di visualizzare. La sua compatibilità è pressoché infinita, abbraccia infatti quasi tutti i dispositivi esistenti sul mercato e le sue capacità possono essere espanse grazie agli addon facilmente programmabili dalla comunità e da singoli volenterosi programmatori. Gli Addon inutile nascondersi sono senza dubbio il morivo principale del successo di Kodi. Fra ufficiali e non ufficiali espandono alla grande le capacità di questo media center. Inoltre gli addon non ufficiali sono entrati nel cuore di ogni pirata visto che permettono di vedere le serie Tv, le partite, e i film in streaming. Cosa sono gli addon di kodi?

    Sono i componenti aggiuntivi che sono liebramente installabili dall’utente su Kodi e che espandono le capacità del media center.

    Gli addon per Kodi si dividono in due grandi famiglie:

    Quelli ufficiali, mantenuti dalla comunità non contengono traccia di materiale pirata, rispettano i diritti e di solito servono per accedere a servizi legali. Un esempio è l’addon per il supporto a YouTube. Li trovate nella loro pagina sul sito del progetto. Quelli non ufficiali sono realizzati da utenti o gruppi di utenti, che di solito lo fanno per passione. E’ il gruppo di addon più interessanti, visto che fra loro ci sono quelli che contengono i collegamenti ai migliori contenuti (pirati) presenti in rete.

    Per sapere di più sugli addon potete consultare il nostro approfondimento dedicato.

    Inoltre se vi consigliamo di dare un’occhiata anche alla nostra collezione dei migliori addon italiani, si esistono un buon numero di progetti italiani e sono davvero ottimi.

    Come si installano gli addon di Kodi?

    L’installazione degli addon su Kodi, è davvero semplice può avvenire tramite due strade:

    Si può intuitivamente dire al media center di installare l’addon dal pacchetto zip. Se volete seguire questa strada potete fare riferimento a questa nostra guida. Oppure si possono installare gli Addon tramite repository, in questo caso potete seguire questa altra guida dedicata.

    La disinstallazione di un addon da Kodi è se possibile altrettanto semplice, potete seguire i pochi passi in questo post.

    Cosa si può fare con Kodi?

    Una volta installato e correttamente configurato, Kodi vi darà la possibilità di fare quasi qualsiasi cosa caffè e ciambelle comprese. Ecco un rapido elenco delle cose che si possono fare tramite Kodi:

    Vedere grazie al supporto DVR/PVR è possibile se avete una scheda o una chiavetta tv, usarla per vedere i canali del digitale terrestre. Vedere tutti i video che avete in locale o su rete locale ( in condivisione su altri Pc oppure su un NAS). Scaricare in automatico i sottotitoli giusti per i vostri contenuti. Grazie agli addon ufficiali accedere ed usare vari servizi (come radio online e podcast). Potete vedere varie liste iptv, alcune legali contenenti i canali italiani in chiaro (visibili anche all’estero) alcune illegali contenenti anche i canali pay tv. Grazie agli addon non ufficiali potete vedere il meglio che il web pirata offre (canali tv, episodi di serie Tv e anime, film, partite).

    Quali formati sono supportati da Kodi?

    Come vi abbiamo già detto sarà molto difficile che vi imbattiate in un formato non supportato da Kodi. Sia a livello audio che video il supporto è pressoché che infinito. Ma se volete conoscere con precisione quali sono i media supportati da questo media center eccoveli tutti qua:

    Contenitori: AVI, MPEG, WMV, ASF, FLV, MKV/MKA (Matroska), QuickTime, MP4, M4A, AAC, NUT, Ogg, OGM, RealMedia RAM/RM/RV/RA/RMVB, 3gp, VIVO, PVA, NUV, NSV, NSA, FLI, FLC, DVR-MS e WTV. Video: MPEG-1, MPEG-2, H.263, MPEG-4 SP and ASP, MPEG-4 AVC (H.264), H.265, HuffYUV, Indeo, MJPEG, RealVideo, RMVB, Sorenson, WMV, Cinepak. Audio: MIDI, AIFF, WAV/WAVE, AIFF, MP2, MP3, AAC, AACplus (AAC+), Vorbis, AC3, DTS, ALAC, AMR, FLAC, Monkey’s Audio (APE), RealAudio, SHN, WavPack, MPC/Musepack/Mpeg+, Shorten, Speex, WMA, IT, S3M, MOD (Amiga Module), XM, NSF (NES Sound Format), SPC (SNES), GYM (Genesis), SID (Commodore 64), Adlib, YM (Atari ST), ADPCM (Nintendo GameCube), e CDDA. Immagini: BMP, JPEG, GIF, PNG, TIFF, MNG, ICO, PCX e Targa/TGA Sottotitoli: AQTitle, ASS/SSA, CC, JACOsub, MicroDVD, MPsub, OGM, PJS, RT, SMI, SRT, SUB, VOBsub, VPlayer. Metadata: APEv1, APEv2, ID3 (ID3v1 and ID3v2), ID666 e Vorbis, Exif e IPTC

    Come vedete c’è solo l’imbarazzo della scelta! Se poi questi dati non vi bastano, cosa strana ma sempre possibile, non vi resta che dare un’occhiata alla pagina dedicata sul sito ufficiale.

    SPMC il migliore fork Kodi per AndroidUn interessante fork per Kodi: SPMC presenta una nuova interfaccia, prestazioni migliori e ottimizzazioni per processori Amlogic e Rockchip!Androidkodi Quali dispositivi supportano Kodi?

    Il team di sviluppo offre il maggior supporto possibile. Lanciato ufficialmente sula prima Xbox, ha piano piano abbracciato anche tutti gli altri dispositivi mobili e fissi. Parliamo di PC (Windows, Linux e Mac) e vari dispositivi Android: tablet, smartphone, TV box e molti altri. L’unica eccezione è rappresentata da iOS ma abbiamo trovato una procedura rapida anche per questa piattaforma.

    Ufficialmente i Chromebook non sono supportati ma gli ultimi modelli supportano nativamente il Play Store e sarà quindi un gioco da ragazzi installare l’app in versione Android.

    Ad oggi non è possibile eseguire Kodi su un numero risicato di dispositivi, si tratta principalmente di console (PS4, Xbox One, Nintendo Switch) e degli smartphone con sistema Windows Mobile. Per il resto funziona pure su Raspberry Pi 3 e sui Tv Sticks di Amazon. Non resta quindi altro da fare che lasciarvi il link alla pagina di download, dove potrete trovare la versione giusta per il vostro dispositivo.

    Di fatto Kodi non supporta nemmeno il Chromecast, ma con un workaround è possibile fargli fare il cast. Potete saperne di più consultando il nostro post su Chromecast e Kodi.

    Attenzione Kodi dalla versione 17 ha rotto la compatibilità con le versioni di Android inferiori alla 5.0 Lollipop, quindi se avete un Tv-box o un dispositivo Android con Kitkat (versione 4.4) o precedenti vi tocca usare Kodi 16 o uno degli ottimi fork come SPMC.

    Come si installa Kodi?

    L’installazione varia da piattaforma a piattaforma ma è in generale davvero semplice. Eccovi in breve come si fa:

    Su Windows si può scaricare Kodi direttamente dal Windows Store, oppure scaricare l’eseguibile (exe) dalla pagina di download del progetto, ed a download completato cliccare sull’eseguibile e seguire la procedura ( è la stessa di ogni programma). Su Linux se siete su Ubuntu potete usare il deb, ed è un gioco da ragazzi. Se non esiste il pacchetto per la vostra distribuzione vi tocca compilare, ma in quel caso è meglio se cercate una guida specifica. Su Mac è disponibile sul sito di KODI  il pacchetto dmg, quindi l’installazione è semplice, basta un doppio click e dopo circa un minuto di elaborazione si aprirà la schermata in cui potrete trascinare Kodi dentro la cartella applicazioni (è la canonica procedura per l’installazione di una applicazione) Passando alle piattaforme mobile su Android (tvbox, smartphone, tablet) si può scaricare Kodi direttamente dal Play Store oppure scaricare l’apk dal sito del progetto e procedere all’installazione manuale (con la solita procedura per l’installazione degli apk). Su iOS (iPhone e iPad), non è proprio immediata l’installazione di Kodi visto che non è presente sull’app Store, si deve quindi usare un trucco, in questo caso tutuapp, la procedura è troppo lunga da spiegare in questa sede vi rimando alla guida. Kodi è legale o illegale?

    Siamo giunti al punto saliente del nostro viaggio. E’ finalmente il momento di capire se Kodi è un software legale o illegale. Quindi… si! Kodi di per sé è software legale a tutti gli effetti. L’applicazione non infrange nessuna legge. Proprio per questo lo trovate ancora disponibile, dopo anni, all’interno del sito ufficiale e del Play Store e del Windows Store. Purtroppo però il discorso non si chiude qui.

    Su Kodi come abbiamo detto ci sono molti addon, alcuni legali, molti altri al limite o oltre la legalità. È l’uso di questi addon come di tutti i metodi di streaming e di file sharing di contenti senza licenza che vi porta a violare la legge.

    Il punto è che se utilizzerete Kodi nei limiti fissati dalla legge non incorrerete mai in nessun problema. Non c’è bisogno di essere avvocati per capire che tutto ciò che normalmente sarebbe a pagamento esula da questi limiti.

    TV Box Android: guida all’acquistoSiete in cerca di un media center completo per la TV in salotto? Ecco i migliori modelli di TV Box con Android per sfruttare le app multimediali.Androidguida acquisto kodi media center Tv Box Quindi conviene usare una VPN con Kodi?

    Se avete intenzione di rispettare in pieno la legge una VPN è quasi inutile. E’ ben diverso se decidete di utilizzare tutti gli addon per lo streaming di contenuti coperti da licenza. In questo caso una VPN potrebbe essere molto consigliata.

    Una VPN è un servizio che fa passare tutto il vostro traffico attraverso una connessione criptata tramite i propri server, sparsi per il globo. Grazie ad una VPN potete salvaguardare la vostra privacy rendendovi completamente anonimi in rete, e migliorare lo streaming aggirando i blocchi operatore e quelli regionali. Per sapere di più sulle VPN potete consultare il nostro post di approfondimento.

    Se utilizzate liste IPTV private e Kodi per lo streaming vi consigliamo fortemente di evitare le VPN gratis, e di orientarvi su un servizio come quello offerto da IPVanish che è molto economico, ma nel mentre davvero attento a mantenere il completo anonimato e la sicurezza dei propri clienti, per saperne di più potete consultare la nostra recensione.

    Siamo giunti quindi alla fine del nostro articolo. Speriamo di aver fatto un po di chiarezza sul mondo di Kodi. Troppo spesso infatti vi sarete trovati davanti ad articoli che mistificano la realtà e la rendono poco comprensibile. Se avete domande, osservazioni o suggerimenti non esitate a scriverci un commento.

    L'articolo Kodi: installazione e guida all’utilizzo appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    Come condividere GIF su Instagram

    Come condividere GIF su Instagram


    Con una GIF si può esprimere qualsiasi stato d’animo, e spesso con grande ironia: ma quanto sarebbe bello condividere GIF su Instagram? Sì perché, a differenza di altri social come Facebook, Twitter o Tumblr, il buon caro Instagram non supporta il...

    Con una GIF si può esprimere qualsiasi stato d’animo, e spesso con grande ironia: ma quanto sarebbe bello condividere GIF su Instagram? Sì perché, a differenza di altri social come Facebook, Twitter o Tumblr, il buon caro Instagram non supporta il formato GIF.

    Tuttavia con dei semplici espedienti, nelle prossime righe troverete spiegati tutti i modi più semplici e veloci per condividere GIF su Instagram sia da smartphone che da PC! Ad ogni modo, se volete imparare a fare dei Repost Instagram, abbiamo la guida che fa per voi:

    Repost Instagram: le migliori appEcco le migliori app Android e iOS per poter fare Repost Instagram in pochi e semplici passi, aumentando la popolarità velocemente.Androidinstagram social network Condividere GIF su Instagram

    Dal momento che Instagram non supporta il formato GIF, data la sua impostazione prettamente orientata alle foto, l’unico modo più semplice per condividerle sul social è di farle apparire come dei video che si ripetono all’infinito: ma non è proprio questo il principio alla base di una GIF?

    Beh, allora non ci resta che scoprire come farlo! Abbiamo raccolto per voi tre metodologie diverse, che potrete sfruttare sia da smartphone che da PC e con effetto assicurato:

    GIPHY

    GIPHY è in assoluto il metodo più semplice e versatile per condividere GIF su Instagram perché è gratuito, facile da usare e disponibile sia per smartphone che per PC. Inoltre GIPHY vanta un enorme database e metodi avanzati di ricerca per trovare qualunque GIF vi serva!

    Ma come usarlo per condividere GIF su Instagram? La procedura è pressoché identica sia da smartphone che da PC ma per completezza vediamo dettagliatamente come farlo sulle diverse piattaforme:

    GIPHY da PC

    Se siete da PC, collegatevi al sito e cercate la GIF che volete aiutandovi con la barra di ricerca. Una volta trovata avrete davanti una schermata simile alla seguente. Sul lato, sotto la dicitura “SHARE IT!” potrete decidere di condividerla sui vari social, tra i quali Instagram:

    Nel caso di Instagram però, si aprirà un pop-up simile a quello della foto qui in basso. Al suo interno inserite un vostro indirizzo email e GIPHY provvederà ad inviarvi una mail contenete la vostra GIF trasformata in video pronta ad essere condivisa su Instagram:

     

    Di seguito potete vedere un esempio della mail che riceverete: per scaricare lo speciale video-GIF basterà cliccare sull’allegato e partirà automaticamente il download sul vostro PC:

    Fatto! Ora non rimane che condividere GIF su Instagram. Se siete da PC e non sapete come condividere contenuti tramite esso su Instagram, qui abbiamo qualcosa che fa al caso vostro:

    Caricare foto Instagram da PCCon l'utilizzo di soluzioni ufficiali e applicazioni di terze parti, è possibile caricare foto su Instagram direttamente da PCHardwareinstagram GIPHY da smartphone (Andorid – iOS)

    Tranquilli, se siete da smartphone la procedura è estremamente più semplice! Prima di tutto però, assicuratevi di aver scaricato l’app:

    GIPHY per Android GIPHY per iOS

    Dunque, aprite l’app, cercate la GIF che volete condividere e vi troverete di fronte una schermata simile alla seguente, da dove potete scegliere il social dove condividerla. Per Instagram, cliccate l’icona dei tre puntini di modo da mostrare tutti i social disponibili:

    Ecco fatto! A questo punto Instagram convertirà quella GIF in un video e inizierà la sua condivisione su Instagram come se stesse caricando una qualunque foto: potrete dunque aggiungere filtri, modificarla ed aggiungere una descrizione:

    Semplice no? Tuttavia potete seguire la precedente guida anche da smartphone e condividere GIF su Instagram andando nella sua fotocamera e scegliendo il video scaricato dalla email. Se non lo vedete, assicuratevi di spostarlo prima nella cartella Download dello smartphone.

    Come creare mosaico su InstagramIn quest'articolo vi spieghiamo come realizzare foto con effetto mosaico su Instagram, ideali per abbellire e rendere accattivante il vostro profilo.Androidapp android app ios instagram GIPHY CAM

    Non avete trovato una GIF adatta? Beh allora, se avete uno smartphone Android (scusa iPhone), potete farvela da soli con GIPHY CAM! Grazie alla modalità “registra” infatti, potete fare un breve video che l’app trasformerà in GIF:

    Dopodiché GIPHY CAM vi sarà anche la possibilità di aggiungere effetti, filtri, stickers, cornici e molto altro! Una volta creata la GIF potrete anche condividerla in vari modi, tra i quali anche Intstagram! L’unica pecca è che l’app è abbastanza pesante (circa 140 MB).

    Pulizia Android: le migliori app per liberare spazioLe migliori app per pulire Android: liberatevi facilmente dei file spazzatura per velocizzare il vostro smartphone o tablet e recuperare spazio prezioso.Androidapp android Adobe Photoshop

    Photoshop si sa, è uno strumento di elaborazione molto potente ma, per quanto complesso, permette di creare video da GIF in modo semplicissimo. Così semplice che, anche se non sapete utilizzarlo affatto, riuscirete a creare il vostro video in un batter d’occhio!

    Volete provare? Bene, aprite una qualunque GIF in Photoshop e cliccate poi su File -> Esporta -> Rendering video.. e vi apparirà una finestra simile alla seguente:

    Qui potreste modificare i parametri a vostro piacimento, ma in realtà non è necessario e le impostazioni di default vanno più che bene: dunque non dovreste far altro che cliccare “Rendering” e lasciare che Photoshop trasformi la GIF in un video che potrete poi caricare su Instagram! 

    Come aumentare follower su InstagramChe sia per lavoro o per promuovere il proprio profilo, ecco i consigli di cui non potete fare a meno per guadagnare tanti Like e Followers su Instagram!Androidinstagram social network Conclusioni

    Ecco dunque qualche semplice modo per caricare GIF su Instagram! Ricordate che se avete bisogno di aiuto o qualcosa non vi è chiaro, non esitate a lasciare un commento qui sotto, e vi aiuteremo al più presto!

    E voi, conoscete altri metodi semplici ed efficaci per condividere GIF su Instagram?

    Le migliori app hashtag InstagramBasta perdere tempo alla ricerca dei gusti hashtag Instagram da inserire sotto foto e video: provate queste app per Android e iOS!Androidinstagram social network

     

    L'articolo Come condividere GIF su Instagram appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    Smartphone Nokia Android: quale acquistare?

    Smartphone Nokia Android: quale acquistare?


    Dopo una lunga latitanza dai mercati di tutto il mondo, Nokia è finalmente tornata. Se avete vissuto da adolescenti i primi anni 2000 ricorderete sicuramente con nostalgia i magnifici cellulari della serie N. Era un periodo in cui il gigante...

    Dopo una lunga latitanza dai mercati di tutto il mondo, Nokia è finalmente tornata. Se avete vissuto da adolescenti i primi anni 2000 ricorderete sicuramente con nostalgia i magnifici cellulari della serie N. Era un periodo in cui il gigante finlandese dominava incontrastato i mercati di tutto il mondo, offrendo prodotti decisamente superiori alla concorrenza. Cosa è cambiato poi?

    Il matrimonio con Microsoft e la scelta di non fabbricare smartphone Nokia Android hanno segnato il destino dell’azienda, portandola progressivamente al collasso.

    Con l’acquisizione del marchio da parte di HDM Global sono cambiate per fortuna tante cose. Quest’anno Nokia ha presentato i suoi nuovi device Android che sembrano finalmente essere competitivi con il mercato attuale. Se volete scoprire quali sono i migliori smartphone Nokia Android non vi resta che rimanere con noi. Vi guideremo alla scoperta dei nuovi modelli disponibili ufficialmente.

    Migliori Smartphone: quale comprareIndecisi su quale sia il miglior smartphone da comprare? Ecco la classifica sempre aggiornata con i migliori smartphone (e le migliori offerte) del momento!Androidguida acquisto Smartphone Nokia Android: perché sceglierli?

    Basterebbe il marchio Nokia a molti nostalgici per scegliere di acquistare i nuovi smartphone dello storico brand Finlandese. Ora, anche se condividiamo in parte questo hype generale che si è manifestato nel mondo della tecnologia, siamo consci che non basta una motivazione del genere a sostenere questa tesi.

    Cercheremo invece di analizzare quali sono i punti forti dei nuovi smartphone Nokia Android per fare un po’ di chiarezza.

    Iniziamo intanto con dire che i dispositivi presentati fino ad ora sono quattro. I nomi li ricorderete molto facilmente e sono in ordine: Nokia 3, Nokia 5, Nokia 6 e Nokia 8. 

    Il tratto che li contraddistingue tutti (un po’ meno per Nokia 8) è l’ottimo rapporto qualità/prezzo. Si tratta di smartphone Android relativamente economici che offrono molto di più di quanto può sembrare a primo impatto.

    La caratteristica peculiare è sicuramente l’adozione di Android Pure. Questo permette di avere a bordo un sistema operativo praticamente identico ad Android Stock, con tutti i vantaggi che ne conseguono.

    In poche parole avrete la possibilità di avere a disposizione l’ultima versione del sistema operativo di Google in tempi molto più rapidi rispetto agli altri brand. 

    In più il supporto, secondo le parole di Nokia, sarebbe esteso ad almeno tre anni. Si tratta di caratteristiche fino ad ora mancanti, sopratutto nei mid-range concorrenti e Nokia potrebbe farne il proprio cavallo di battaglia. Quindi bando alle ciance e inziamo insieme il nostro viaggio nel mondo degli smartphone Nokia con Android a bordo. 

    Miglior smartphone autonomia batteriaSe state cercando uno smartphone che abbia una durata della batteria al di sopra della media allora siete nel posto giusto. La lista è costantemente aggiornata!Androidmiglior smartphone Nokia 3

    Nokia 3 è l’entry level fra gli smartphone Android presentati fino ad ora. Punta molto su un design interessante e uno schermo da 5 pollici, soluzione molto amata da tanti utenti che trovano troppo ingombrante un display più grande. AL suo interno trovate una configurazione che non fa certo gridare al miracolo ma risulta molto solida nelle prestazioni quotidiane. Il processore è un buonissimo MTK 6737 quad-core, affiancato da 2 GB di Ram e 16 GB di memoria interna. Quest’ultima può sembrare un po’ limitata ma è comunque espandibile tramite micro SD fino a 128 GB.

    Lo schermo da 5” è di tipo IPS e ha una risoluzione “solo” 1280×720 che risulta comunque più che sufficiente. Nella media le fotocamere che presentano sia anteriormente che posteriormente un sensore da 8 MP, che permette di scattare foto più che sufficienti. A completare il tutto troviamo una batteria integrata da 2650 mAh, che risulta più che azzeccata vista la scheda tecnica e Android in versione Nougat. Se volete conoscere ancora più dettagli vi rimandiamo alla scheda tecnica di Nokia 3!

    Nokia3SmartphoneScheda Tecnica

    Per quanto riguarda il prezzo potete trovare lo smartphone Android Nokia 3 ben al di sotto dei 200€. Il prezzo di listino ufficiale è infatti di 159€, già ribassato nei vari store online. Si tratta a nostro avviso di uno dei migliori entry level Android disponibili al momento.

    Nokia 5

    Nokia 5 è il secondo nato dal matrimonio con HDM Global e si presenta davvero bene. Ha forse il design che più ci è piaciuto fra i dispositivi presentati fino ad ora e offre un ottimo rapporto qualità/prezzo. Al suo interno troviamo un più performante Qualcomm Snapdragon 430, con 2 GB di Ram e 16 GB di memoria interna, anche in questo caso espandibili tramite micro SD fino a 128 GB. 

    Lo schermo cresce leggermente e arriva stavolta a 5.2 pollici. La tecnologia utilizzata rimane IPS, con una risoluzione 1280×720. Anche se questi dati possono non sembrare entusiasmanti, nell’utilizzo quotidiano Nokia 5 si  comporta decisamente bene. La fotocamera posteriore diventa in questo caso da 13 MP, con doppio flash e permette di scattare buone foto, sopratutto in condizioni di luce ottimali. Quella anteriore rimane invece da 8 MP di tipo grandangolare. Da 3000 mAh la batteria utilizzata, che insieme alle ottimizzazioni offerte da Android Nougat garantisce un’ottima autonomia.

    Nokia5SmartphoneScheda Tecnica

    Corretto il prezzo, che supera di poco le 200€ sul sito ufficiale. Si tratta di uno smartphone Android poco più che entry level ma che può regalare buone soddisfazioni se non si hanno particolari esigenze. Da sottolineare anche la presenza di una scocca unibody in alluminio che offre una resistenza sopra la media.

    Smartphone cinesi: guida all’acquistoVoglia di uno smartphone di qualità ma che costi il giusto? Vediamo insieme i migliori smartphone cinesi in commercio.Androidguida acquisto Nokia 6

    Parleremo un po’ più brevemente di Nokia 6, non perché non sia uno smartphone valido. Semplicemente lo abbiamo recensito poco tempo fa e non vi vogliamo annoiare con dettagli inutili. I suoi punti di forza sono senza dubbio molti e lo rendono uno dei migliori smartphone Android nella categoria mid-range. A partire dalla fotocamera che con una buona luce riesce a scattare ottime foto, fino all’autonomia, sempre ottima. Se cercate un dispositivo non troppo costoso ma con prestazioni davvero all’altezza ci sentiamo in dovere di consigliarvelo. Questo potrebbe essere lo smartphone Nokia Android che più di tutti può rilanciare il marchio.

    Nokia 8

    Nokia 8 è senza dubbio lo smartphone del marchio finlandese che più punta alle prestazioni senza compromessi, lasciando un po’ da parte la filosofia del rapporto qualità/prezzo che abbiamo incontrato fino ad ora. Si tratta infatti di un device in stile flagship killer che punta tutto o molto sulla scheda tecnica.

    La CPU è una Qualcomm Snapdragon 835 che sfodera tutta la sua potenza affiancata da 4 GB di Ram LPPDDR4X e 64 GB di memoria interna espandibile tramite micro SD fino a 256 GB. Lo schermo, da 5.3 pollici ha una risoluzione 2560×1440 ed è di tipo IPS. Era forse preferibile utilizzare un pannello Amoled, ma la qualità generale non ne risente comunque. Di alto livello le fotocamere. Al posteriore troviamo due sensori da 13 MP, corredati di doppio flash, PDAF e messa a fuoco IR. Nella parte anteriore abbiamo invece un sensore singolo da 13 MP che consente di avere scatti di ottima qualità. La batteria da 3090 mAh è commisurata alla scheda tecnica e grazie al sistema operativo Android Nougat, davvero poco energivoro, offre un’ottima autonomia.

    Nokia8SmartphoneScheda Tecnica

    Il prezzo è alto, anche se non esagerato. Si parla di 599€ per acquistarlo dal sito ufficiale. Come sempre, seguendo i nostri consigli, lo potrete trovare a un prezzo inferiore presso i vari store online.

    Conclusioni

    Se Nokia è il vostro brand preferito, oggi vi abbiamo fornito tutte le informazioni utili a scegliere il dispositivo  più adatto al vostro utilizzo. Gli smartphone Nokia Android coprono uno spettro di possibili utenti davvero ampio. Si va dal modello entry level fino al top di gamma, passando per modelli mid-range davvero interessanti. Tutto ciò che ora dovete fare è trovare il device giusto per voi.

    Noi rimaniamo comunque a vostra disposizione per qualsiasi tipo di informazione abbiate bisogno. Come sempre ci potete contattare tramite il box dei commenti che trovate in basso o tramite la nostra pagina Facebook.

    L'articolo Smartphone Nokia Android: quale acquistare? appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    Recensione Nvidia Shield TV 2017

    Recensione Nvidia Shield TV 2017


      Nel settore videoludico e, in generale, in quello multimediale Nvidia è tra le aziende che offrono prodotti e servizi di altissima qualità. Tra questi, oggi parleremo del miglior dispositivo con Android TV in circolazione, ovvero Nvidia Shield TV...

     

    Nel settore videoludico e, in generale, in quello multimediale Nvidia è tra le aziende che offrono prodotti e servizi di altissima qualità. Tra questi, oggi parleremo del miglior dispositivo con Android TV in circolazione, ovvero Nvidia Shield TV 2017.

    Confezione

    La confezione di vendita della nuova versione di Nvidia Shield TV si presenta in forma quasi cubica, con l’immagine del prodotto sulla facciata principale, con specifiche e contenuto sui vari lati.

    Sollevato il coperchio, la prima cosa che ci si para davanti è lo Shield TV con annesso telecomando, entrambi collocati in appositi alloggiamenti. Il livello inferiore poi ospita il controller da gioco con cavo USB/Micro-USB, solita manualistica e l’alimentatore da parete con adattatori per prese del nostro paese.

    Design e costruzione

    Tutti gli elementi presenti in confezione sono realizzati in materiali plastici di ottima fattura e, in generale, presentano un assemblaggio eccellente.

    Partendo dallo Shield TV, questo vede un look del tutto simile alla sua versione precedente ma di dimensioni notevolmente ridotte. La zona superiore presenta un look spigoloso fatto di diversi triangoli affiancati, con una piccola riga verde che si illumina mentre il dispositivo è operativo.

    La parte inferiore non è piana ma, anzi, realizzata in modo tale da rialzare leggermente il dispositivo e lasciare libera la lunga griglia di aerazione della zona centrale. Tutti gli altri lati poi risultano spogli, ad eccezione di quello posteriore che ospita diverse porte. Troviamo infatti:

    2 porte USB 3.0 1 porta HDMI 1 porta Ethernet Ingresso alimentatore

    Subito di fianco alle porte vediamo poi la griglia di aerazione.

    Hardware

    Il dispositivo realizzato da Nvidia vede un comparto tecnico niente male.

    CPU: NVIDIA Tegra X1; GPU: GPU Maxwell a 256 core; Archiviazione: 16 GB (500 GB nella versione Pro); Sistema operativo: Android TV (Nougat); Connettività: Wi-Fi 802.11ac (2,4 / 5 GHz), Bluetooth 4.1, Gigabit Ethernet, 2 USB 3.0, HDMI 2.0b con supporto HDCP 2.2 e CEC.

    Per quanto riguarda poi i codec e alcune specifiche tecniche più dettagliate, vi invito a dare un’occhiata alle tabelle qui sotto che, tra le altre cose, offrono un paragone con i diretti avversari.

    La componentistica messa a disposizione da Nvidia Shield TV in questa nuova edizione è sicuramente interessante, ma non vede differenze con quelle del modello precedente. Alla luce del tempo passato, in effetti, ci saremmo aspettati un upgrade delle specifiche del device. I sostanziali cambiamenti rispetto alla prima versione riguardano infatti le dimensioni, ridotte quasi della metà, e la rimozione dello slot per l’inserimento di una Micro SD. Poco male se si pensa che, comunque, è possibile espandere comunque la memoria tramite le porte USB.

    Software e prestazioni

    Per capire al meglio le potenzialità di questa Nvidia Shield TV, può essere utile paragonare il dispositivi in esame con alcuni prodotti realizzati dai competitor. C’è da dire, però, che la tabella prende in considerazione il vecchio modello di Apple TV.

    Le funzionalità sono davvero tante, in aggiunta a quelle solitamente offerte dall’OS di Google. A tal proposito, il sistema operativo presente a bordo del dispositivo è proprio Android TV basato su Nougat. Per quanto riguarda l’interfaccia, Nvidia ha chiaramente apportato alcune personalizzazioni nella suddivisione e gestione delle varie sezioni, ma i settaggi rimangono quelli caratteristici dell’OS.

    La schermata principale ci accoglie mostrandoci alcuni collegamenti rapidi suddivisi in livelli. Il primo raccoglie contenuti di diverse categorie, con giochi, app e film del Play Store oppure titoli presenti nello store Nvidia. Subito al di sotto vediamo poi le applicazioni attualmente installate sul dispositivo e gli ultimi giochi da noi avviati provenienti sempre allo store proprietario.

    Le impostazioni vengono invece mostrate in un menu laterale sulla destra in modo ordinato e pulito. Tralasciando i settaggi presenti solitamente sui device Android, troviamo la possibilità di rendere accessibile l’archivio di Nvidia Shield TV ai dispositivi connessi alla medesima rete, rendendo così possibile il trasferimento dei dati.

    Utilizzando poi gli appositi tasti presenti su telecomando e controller, è possibile accedere a un menu rapido che permette di gestire nel dettaglio alcune modalità di condivisione dei contenuti, tra cui il salvataggio degli screenshot.

    Inoltre, di recente ho avuto modo di installare e provare l’aggiornamento a SHIELD Experience 6.0, con le funzionalità che riporto qui sopra con gli screenshot catturati al momento dell’installazione.

    GeForce Now

    Sebbene sia possibile giocare a numerosi titoli presenti sul Play Store e sullo store Nvidia, la vera forza per quanto riguarda il comparto videoludico sta nel servizio GeForce Now. Grazie a questo servizio in abbonamento, infatti, è possibile accedere a un’ampia scelta di titoli inclusi, tra indie e tripla A, fruibili proprio in streaming.

    Personalmente ho avuto modo di provare Saints Row IV e The Lego Movie, e in entrambi i casi l’esperienza di gioco era fluida senza alcun problema, con dettagli massimi e risoluzione full HD. Requisito indispensabile per godere appieno del servizio è una buona connessione a Internet, preferibilmente via cavo Ethernet. Sotto rete WiFi, infatti, potrebbero esserci sbalzi e oscillazioni di ping e velocità di connessione.

    GeForce Now è disponibile al costo di 9,99€ al mese, col primo mese di prova gratuita senza obbligo di pagamento. Considerate, però, che il parco di titoli gratuiti non è quello completo e che gli altri vanno acquistati.

    Controller

    Il controller presente in confezione, rispetto a quello visto col modello precedente, vede un look totalmente rivisitato e, a parer mio, migliorato, con un design poligonale molto accattivante e un miglior posizionamento della pulsantistica.

    Troviamo infatti 2 analogici, frecce direzionali a 4 direzioni (non 8 come la prima versione) e i soliti tasti A,B,X,Y. Sulla parte bassa abbiamo poi dei comandi rapidi di Play/Pausa dei contenuti multimediali, un tasto back e il tasto Home. Oltre ai 2 grilletti sul retro, poi, vediamo il tasto verde centrale Nvidia che richiamo Google Assistant.

    Il grip è ottimo e per nulla scivoloso, con una buona aderenza alla mano sia per le dimensioni che per i materiali utilizzati. I grilletti posteriori hanno una corsa fluida e in generale tutta la pulsantistica funziona egregiamente.

    Il dispositivo vede poi una porta infrarossi, per consentire il suo utilizzo come telecomando anche su altri device, e presenta un motore di vibrazione in grado di funzionare con titoli del GeForce Now e non. La batteria, stando a quanto dichiarato da Nvidia, dovrebbe durare 60 ore circa, dato probabilmente veritiero considerando come durante le mie prove il livello di carica sia sceso in modo impercettibile.

    Telecomando

    Il telecomando presente in confezione, che nella scorsa versione andava invece acquistato a parte, presenta una forma compatta e un peso esiguo, con tutta la pulsantistica distribuita sulla facciata principale lasciando il retro completamente vuoto.

    I pulsanti non sono molti e consentono di navigare esclusivamente all’interno dell’interfaccia di Nvidia Shield TV. Sebbene, infatti, il dispositivo sia dotato di porta infrarossi che gli permetterebbe di comunicare anche con altri terminali, probabilmente non lo userete per altro.

    Sul dispositivo troviamo poi un microfono integrato per sfruttare i comandi vocali di Google Assistant e, per quanto riguarda la batteria, troviamo un vano per l’inserimento di 2 batterie circolari. A differenza di quanto accadeva col modello precedente, infatti, il telecomando del nuovo Nvidia Shield TV non presenta l’ingresso di ricarica micro USB e l’autonomia dichiarata è di circa 1 anno.

    Il dispositivo non presenta neanche un tasto accensione, nonostante comunichi con lo Shield TV tramite Bluetooth. Dunque, è sempre acceso? Non proprio, in quanto il telecomando si risveglierà dallo stand by non appena rileverà un movimento come, ad esempio, quando lo si prende per utilizzarlo.

    Nvidia Shield TV 2017 – Prezzo e conclusioni

    Senza alcun dubbio ci troviamo davanti al miglior Box con Android TV disponibile sul mercato, sia per le prestazioni che per i servizi offerti. La ricca confezione, l’eccellente controller da gioco e le funzionalità introdotte da Nvidia offrono all’utente un’esperienza videoludica, oltre che multimediale, di grande impatto.

    Nvidia Shield TV 2017 è disponibile all’acquisto a partire da 199€ per la versione senza controller da gioco e da 229€ per quella da noi recensita, al momento in sconto su Amazon a 210€. Il dispositivo di Nvidia è disponibile poi anche in versione Pro, con 500 GB di spazio di archiviazione a ben 329€, 100€ in più rispetto alla versione base.

    L'articolo Recensione Nvidia Shield TV 2017 appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    Phishing Apple: attenti al pop-up di iTunes Store

    Phishing Apple: attenti al pop-up di iTunes Store


    Apple conta da sola un grande bacino di utenti e, per questo, è preda dei desideri dei vari hacker che vogliono acquisire i dati degli “Apple users”. Il modo più facile per ottenere queste informazioni è il metodo del phishing dove, fingendosi...

    Apple conta da sola un grande bacino di utenti e, per questo, è preda dei desideri dei vari hacker che vogliono acquisire i dati degli “Apple users”. Il modo più facile per ottenere queste informazioni è il metodo del phishing dove, fingendosi Apple, chiedono agli utenti di inserire la propria password.

    Ed è proprio di un nuovo tipo di phising Apple che vogliamo parlarvi oggi.

    “Apple ID scade oggi”, recita un SMS: ma è una truffaSembra un avviso ma, come al solito, è un tentativo di phishing che cerca di rubare le credenziali degli utenti creduloniAppleiPad iPhone phishing Phishing Apple con i pop-up iTunes

    Ormai quasi tutti prestano attenzione alle mail ricevute, per evitare di incappare in frodi di dati ma da ora in avanti dovrete tenere gli occhi aperti anche mentre utilizzate normalmente il vostro dispositivo iOS.

    Guardate l’immagine seguente (no, non stiamo giocando a “trova le differenze”) perchè entrambi i pop-up sono uguali nell’aspetto, ma molto diversi nel contenuto.

    Se il primo, infatti, è una classica richiesta di login inviata veramente da Apple, la seconda è un’esca (fatta anche bene) generata da qualche applicazione malevola con l’obiettivo di inviare i vostri dati a qualche server di criminali.

    Come proteggersi

    Come potete notare voi stessi dalle immagini, i due pop-up sono uguali e questo rende la distinzione tra il vero e il malevolo molto difficile, se non impossibile.

    In realtà ci sono dei piccoli accorgimenti che potete mettere in atto quando vi apparirà la richiesta di login, per capire se è un messaggio ufficiale o no.

    Se il pop-up vi appare mentre utilizzate un’applicazione premete il tasto home e chiudete l’app dal multitasking. Se è falso questo sparirà, altrimenti lo troverete anche nella home. Per stare più sicuri chiudete in ogni caso il messaggio e andate a fare il login direttamente dalle impostazioni, in questo caso sarete certi dell’autenticità. Se avete il sospetto che sia malevolo non inserite MAI la vostra password. Anche premendo il tasto cancella, infatti, il contenuto della casella di testo verrà inviato. Un altro accorgimento, ma che non vi garantiamo sia ugualmente efficace come quello di ignorare il pop-up, è quello di inserire una password volutamente sbagliata. Il vero messaggio dovrebbe riconoscere la stringa errata, il falso no. Privacy: le (pessime) abitudini che aiutano a NON difenderlaPerché basta davvero poco per non mettere i propri dati personali alla mercé di 'dogs & pigs'...Internetprivacy Sicurezza Il popup in iOS 11

    Chi utilizza iOS 11 può stare leggermente più tranquillo perchè la richiesta di login è stata leggermente ridisegnata e quindi risulterà diversa da quella fake.

    Quindi tenete gli occhi molto aperti fino a quando Apple non risolva il problema bloccando le applicazioni che contengono questo codice malevolo.

    L'articolo Phishing Apple: attenti al pop-up di iTunes Store appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    Backup e ripristino WhatsApp su iPhone

    Backup e ripristino WhatsApp su iPhone


    Molti utenti desiderano salvare le chat di WhatsApp per non perdere le conversazioni e le immagini condivise con gli altri utenti. Se dobbiamo ripristinare il nostro iPhone perdiamo tutti i dati, compresi quelli relativi alle chat e alle foto di...

    Molti utenti desiderano salvare le chat di WhatsApp per non perdere le conversazioni e le immagini condivise con gli altri utenti. Se dobbiamo ripristinare il nostro iPhone perdiamo tutti i dati, compresi quelli relativi alle chat e alle foto di Whatsapp. Le cronologie della nota app di messaggistica non vengono salvate sui server dell’azienda.

    Tuttavia possiamo salvare le nostre chat effettuando prima un backup su iCloud ed in seguito effettuare un ripristino sul nostro iPhone.

    Vediamo quindi come effettuare backup e ripristino WhatsApp sul nostro iPhone.

    Recuperare chat WhatsApp cancellateA chi non è capitato di cancellare per voglia o per sbaglio conversazioni su Whatsapp? Con questa guida illustreremo brevemente i metodi necessari per ripristinare i messaggi cancellatiAndroidwhatsapp Backup e ripristino WhatsApp su iPhone

    Come abbiamo detto in precedenza, l’unico modo per effettuare un backup di WhatsApp su iPhone è tramite iCloud. In seguito, sempre tramite iCloud, effettueremo un ripristino per recuperare tutti i dati salvati.

    Backup iCloud

    Possiamo effettuare un backup in qualsiasi momento. Vediamo insieme come fare.

    Prima di tutto apriamo WhatsApp e spostiamoci nella sezione Impostazioni. Selezioniamo la sezione Chat, selezioniamo la voce Backup delle chat e clicchiamo sull’opzione Esegui backup adesso. Se vogliamo salvare anche i video possiamo abilitare l’opzione Includi video posta in basso. A questo punto inizierà il backup delle chat e di tutti i file multimediali condivisi con i nostri contatti.

    Inoltre, se vogliamo programmare dei backup automatici, possiamo selezionare la voce Backup automatico e scegliere una delle diverse opzioni. La procedura può richiedere diverso tempo, a seconda della velocità della vostra connessione. È consigliato comunque eseguire il backup quando si è sotto una connessione Wi-Fi, in quanto il backup consuma una grossa quantità di dati.

    Inoltre è fondamentale avere dello spazio libero sia su iCloud e sia sul nostro iPhone.

    Come eliminare backup Whatsapp da iCloudChe siate fanatici della privacy o semplici curiosi oggi vedremo insieme la procedura giusta da seguire per eliminare backup WhatsApp da iCloud.AppleiCloud whatsapp Ripristino del backup

    Per essere sicuri di aver effettuato il backup basterà andare nuovamente in Backup delle chat. Se è presente verranno mostrati data e dimensioni dell’ultimo backup effettuato. A questo punto saremo in grado di ripristinare i dati salvati e quindi procedere al reset dell’iPhone o all’eliminazione dell’app.

    Dopo aver reinstallato l’applicazione, verifichiamo il nostro numero di telefono e seguiamo le istruzioni per ripristinare il nostro backup. Inoltre il numero di telefono usato per fare entrambe le operazioni, backup e ripristino, deve essere uguale. Infatti non è possibile recuperare le chat di un altro account.

    Inoltre anche per l’operazione di ripristino ci deve essere abbastanza spazio libero sia su iCloud e sia su iPhone.

    Come impostare risposte automatiche WhatsAppEcco come impostare risposte automatiche WhatsApp a persone o gruppi specifici tramite l'uso di un'utilissima app Android sviluppata da XDA!Androidapp android whatsapp Conclusioni

    Come abbiamo visto effettuare un backup e ripristino WhatsApp, delle nostre chat e file multimediali, è una procedura semplicissima. Grazie ad esso non avrete più il rischio di perdere le vostre conversazioni preferite.

    App per spiare WhatsAppEsistono tantissime applicazioni in grado di spiare quello che stiamo facendo, ed in particolar modo WhatsApp: Ecco quali e come proteggersi!AndroidApp per spiare WhatsApp spiare whatsapp whatsapp

    L'articolo Backup e ripristino WhatsApp su iPhone appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    Portatile con SSD: quale comprare

    Portatile con SSD: quale comprare


    Gli hard disk sono sempre stati un collo di bottiglia per i PC. Rallentano l’avvio e spesso non solo quello, tutto il sistema risulta rallentato se si ha un hard disk meccanico. Sopratutto nell’ambito dei portatili, il collo di bottiglia è ancora...

    Gli hard disk sono sempre stati un collo di bottiglia per i PC. Rallentano l’avvio e spesso non solo quello, tutto il sistema risulta rallentato se si ha un hard disk meccanico. Sopratutto nell’ambito dei portatili, il collo di bottiglia è ancora più evidente visto che si montano dischi meccanici a 5200 RPM che sono ancora più lenti delle controparti desktop.

    Finalmente gli SSD dischi a stato solido, che sono decisamente più veloci dei vecchi dischi magnetici, hanno iniziato ad avere prezzi competitivi. Per questo oggi se si vuole comprare un nuovo notebook, conviene sceglierne uno con SSD se si vuole davvero vedere un salto prestazionale.

    Eccoci quindi qui a parlare della nostra lista dei migliori portatili con SSD che il mercato offre.

    Chi compra un portatile con SSD deve mettere in conto che, a parità di spesa, sicuramente potrà acquistare una soluzione con un quantitativo sensibilmente minore di memoria di massa. Il motivo?? Un SSD è molto più costoso di un vecchio HDD magnetico a parità di capacità di archiviazione.

    Guida SSD: vantaggi, installazione e consigliAlla scoperta della nuova tecnologia riservata allo storage in questa completa guida.Hardwaredisco rigido guida ssd I portatili con SSD che vi consigliamo

     

    HP 250 G6

    Un portatile da 15.6″ assolutamente basico, ma ottimo per un uso domestico, da ufficio o da studio. Il notebook è venduto senza sistema operativo ( un altro pro a nostro modo di vedere, se proprio volete Windows le licenze si trovano a pochi spiccioli), ha processore Intel Celeron N3060, 4 GB di memoria Ram, ed SSD 128 GB M.2. La presenza dell’SSD lo rende molto più rapido e scattante di moltissime alternative della stessa fascia. Si trova su Amazon a circa 250 € ed è a nostro modo di vedere un ottimo affare.

    Acer Swift 1

    Sicuramente il portatile con schermo FullHD più economico disponibile sul mercato italiano. E’ una soluzione pensata per chi deve lavorare in mobilità e non ha troppe pretese, perfetto come compagno di università vista l’estrema portabilità ha schermo da 13 pollici. Apprezzabile il telaio in alluminio ed il basso peso, è disponibile in più versioni. La versione che consigliamo in questa lista si trova sui 430 € e offre la cpu Apollo Lake N3350 ( Intel Celeron), 4 GB di memoria Ram, e 64 GB di memoria SSD.

    HP 255 G5

    Da HP una soluzione bilanciata ed interessante dall’ottimo rapporto qualità prezzo, un portatile con schermo da 15.6 pollici FHD che non guasta, Apu Amd A8, 8 GB di Ram e 256 GB di SSD. Per chi cerca un portatile senza fronzoli, ma veloce e scattante in tutte le operazioni di tutti i giorni. Si trova vicino ai 500 € anche la versione con processore Intel i5.

    Acer Swift 3

    Il modello di gamma superiore allo Swift 1, ha un display da 14 pollici sempre FHD, ma processore i3, i5 o i7 (dipende dalla versione), 8 GB di Ram e 256 GB di SSD. Si trova vicino ai 700 €.

    Asus VivoBook Pro Notebook

    Un ottimo portatile con display Full HD da 15.6″, processore Intel Core i7-7700HQ, RAM da 16 GB, disco fisso ibrido da 1TB e SSD da 128 GB, con scheda grafica dedicata NVidia GTX1050. Ha un prezzo vicino ai 1000 € ma un rapporto qualità prezzo davvero notevole.

    I portatili di Xiaomi con SSD

    I portatili cinesi fanno parte di una categoria a parte perchè proposti ad un’ottimo prezzo, e perchè spesso possono vantare un altissimo rapporto prezzo prestazioni. Chi li sceglie però deve essere consapevole di alcuni inconvenienti: la quasi mancanza di assistenza (la garanzia spesso di un anno c’è ma vi tocca rispedire a vostre spese il notebook in Cina); la mancanza dei pezzi di ricambio e degli schemi; la tastiera in formato USA ( il layout è simile al nostro ma con alcune importanti differenze).

    Ottimi esponenti della categoria sono i portatili Xiaomi, gli Xiaomi Air ottimi per rapporto qualità prezzo, qualità costruttiva e prestazioni (anche grazie all’SSD). Si parte dal modello base lo Xiaomi Air da 12.5 pollici, con processore Intel m3, 4GB di Ram e 128 GB di Rom, che è venduto per una cifra vicina ai 500 €, al più costoso ma sempre allettante Xiaomi Air da 13.5. Una menzione la merita anche l’ottimo Mi Notebook Pro  da 15.6 pollici (con prezzo a partire dai 700 €), con la sua scocca in lega di magnesio, il processore Intel i5 di ottava generazione gli 8 GB di Ram e 256 GB di SSD.

    Conclusioni e approfondimenti

    Salendo oltre la soglia dei 1000 € si trovano sopratutto portatili da Gaming e ultrabook di fascia alta. Entrambe le categorie raramente fanno a meno della presenza di un SSD o di un hard disk ibrido.

    Per questo motivo vi invitiamo a consultare i nostri approfondimenti su queste due fasce:

    Miglior portatile per giocare: guida all’acquistoSiete dei veri gamer e desiderate giocare in mobilità? Vediamo insieme quali sono i migliori portatili per giocare suddivisi per fascia di prezzo!Hardwarecomputer guida acquisto notebook portatile Miglior Ultrabook: quale comprareAvete deciso di acquistare un Ultrabook ma l'indecisione la fa da padrone? Ecco la nostra guida all'acquisto per sciogliere ogni dubbio.Hardwareguida acquisto notebook portatile Ultrabook

    Il nostro articolo sui migliori portatili con SSD è giunto a conclusione ci auguriamo di avervi aiutato a trovare il notebook che fa per voi.

    L'articolo Portatile con SSD: quale comprare appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    Repost Instagram: le migliori app

    Repost Instagram: le migliori app


    Se vi state chiedendo il significato del Repost in Instagram, siamo qui per spiegarvi cos’è, come si usa e le migliori app per sfruttarlo. Il Repost, ovvero “Ri-pubblicare“, consente di condividere sul vostro profilo Instagram le foto o video di...

    Se vi state chiedendo il significato del Repost in Instagram, siamo qui per spiegarvi cos’è, come si usa e le migliori app per sfruttarlo. Il Repost, ovvero “Ri-pubblicare“, consente di condividere sul vostro profilo Instagram le foto o video di altri utenti: ciò vi garantirà maggiore popolarità in quanto, se qualcuno effettua un repost ad una vostra foto, il vostro profilo verrà taggato ed i curiosoni di turno potranno andare a sbirciare i vostri contenuti.

    Vi consigliamo però di contattare il soggetto del post prima di effettuare un repost Instagram, onde evitare di condividere qualcosa che non potevate condividere.

    Di seguito vi elenchiamo le migliori app per effettuare il repost Instagram su Android e su iOS.

    Bot Instagram per aumentare like e followerVolete aumentare i follower Instagram ma non sapete come fare? Oggi vi parleremo dei migliori bot Instagram che potete trovare in circolazione.Internetinstagram social network Repost for Instagram

    Disponibile sia per iOS che per Android gratuitamente è Repost for Instagram, anch’essa è dotata di un procedimento davvero molto facile e non è una delle solite app che intasano i vostri smartphone: c’è anche una versione pro per chi esige un’app ancora più completa.

    L’app è semplice da utilizzare: cliccando l’icona dei tre puntini in alto a destra di un post Instagram, scegliete “Copia URL per condividere” e andate poi nell’app (Repost for Intstagram) nella quale comparirà il post che potrete ricondividere anche copiandone il testo scritto al di sotto.

    InstaRepost

    Un’altra app che vogliamo consigliarvi, gratuita e disponibile solo per Android, è Repost. Molto semplice da utilizzare e adatta a chi non pretende troppo, è anche molto veloce, insomma perfetta nel suo scopo: non vi resta che provarla e vedere se è l’app adatta a voi!

    Come si utilizza? Esattamente come per la precedente, copiate l’URL del post Instagram che volete ricondividere. Vi comparirà a schermo un pop-up che vi chiederà se volete ricondividere il post subito o dopo. Rispetto al precedente potrete anche salvare in galleria l’immagine del post, ma apparirà il logo dell’app sul vostro post!

    Aumentare follower Instagram: le tattiche da usareAbbiamo raccolto tutte ma proprio tutte le tecniche migliori del web riunite in un solo articolo per aumentare follower Instagram.Internetinstagram Altri metodi (Android)

    Esistono altri metodi per fare i famosi “Repost”, senza mandare una notifica al proprietario del post. Ciò è possibile grazie ad app come: DownloadgramFastSave for Instagram e Inst Download – Video & Photo, che vi consentiranno di scaricare sia foto che video da Instagram!

    Queste app sono particolarmente facili da  utilizzare perché, una volta scaricate, non dovrete far altro che navigare in Instagram e scegliere quale foto/video scaricare, per poi fare un repost Instagram.

    Tra quelle sovra citate, Downloadgram è tra le più consigliate perché non c’è neanche bisogno di copiare l’URL del post che volete scaricare. Ovviamente raccomandiamo sempre di consultarsi prima con il proprietari del post onde evitare spiacevoli inconvenienti!

    Caricare foto Instagram da PCCon l'utilizzo di soluzioni ufficiali e applicazioni di terze parti, è possibile caricare foto su Instagram direttamente da PCHardwareinstagram Conclusioni

    Speriamo che questi consigli vi siano stati utili: fare Repost Instagram con queste app è un gioco da ragazzi e, se utilizzate nel modo giusto, vi daranno la popolarità che cercate! Provare per credere.

    Ah ragazzi! Se qualcosa non vi è chiaro o avete magari altre app da suggerirci, utili allo scopo, non esitate a lasciare un commento qui in basso e vi risponderemo il prima possibile!

    L'articolo Repost Instagram: le migliori app appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    Le migliori app per trovare sconti e offerte

    Le migliori app per trovare sconti e offerte


    Oggi giorno risparmiare è sempre più difficile, a volte ci sembra addirittura impossibile perché i prezzi sono sempre alle stelle ed i commercianti, in questo periodo di crisi, non ne vogliono proprio sapere di abbassare i prezzi. Ecco quindi che...

    Oggi giorno risparmiare è sempre più difficile, a volte ci sembra addirittura impossibile perché i prezzi sono sempre alle stelle ed i commercianti, in questo periodo di crisi, non ne vogliono proprio sapere di abbassare i prezzi.

    Ecco quindi che quelle poche offerte che capitano a volte ci sfuggono anche: per questo motivo noi di ChimeraRevo vogliamo consigliarvi delle app disponibili che vi permetteranno di essere sempre aggiornati su eventuali sconti del momento, così da non perderli e da poter effettuare acquisti convenienti.

    Come risparmiare su AmazonAmazon offre già dei buoni prezzi ma se volessimo risparmiare ancora di più? Ecco alcuni consigli e strumenti per scovare offerte e risparmiare.Internetamazon Trova sconti intorno a te

    La prima app gratuita con cui vogliamo iniziare è Trova sconti intorno a te, disponibile per Android. Dal nome potete dedurre che quest’app vi consente di trovare qualsiasi tipo di sconto nelle zone più vicine a casa vostra, dal parrucchiere al un ristorante. Insomma, sconti di tutti i tipi davvero convenienti, le ricerche sono davvero semplici e soprattutto rapide: assolutamente da provare.

    Siti e store cinesi sicuri e affidabili per acquisti onlineVoglia di shopping online dal paese dei dragoni? Vediamo insieme i migliori siti cinesi per acquistare e risparmiare in sicurezza.Internetcina paypal PromoQui

    In questo elenco dove impostiamo solo le migliori app non poteva mancare PromoQui, disponibile per Android e iOS. Ovviamente gratuita, l’app consente di sfogliare tutti i volantini dei negozi più vicini a voi ricchi di offerte davvero convenienti per la vostra spesa. Potete anche consultare il sito online direttamente da PC.

    Comprare libri scolastici online su Internet risparmiandoIn quest'articolo spieghiamo come acquistare libri scolastici su Amazon risparmiando fino al 15%, un modo facile e conveniente per studenti e genitori.Internetamazon Extra Sconti

    Se siete degli ottimi accumulatori l’app gratuita Extra Sconti (disponibile per Android e iOS) fa al caso vostro, in quanto il suo scopo è quello di accumulare sconti su singoli prodotti che sono davvero semplici da individuare. L’app è molto facile da utilizzare in quanto molto intuitiva, capirete subito che utilizzandola farete dei fantastici affari.

    Le migliori app per risparmiare e trovare offerteIl nostro approfondimento sulle migliori app per risparmiare avendo a portata di mano volantini sempre aggiornati con offerte e coupon codici sconto!Androidapp android Altre app per super sconti

    Da non favi scappare anche queste altre fantastiche app con funzioni e caratteristiche molto simili, sempre disponibili per Android, iOS e anche online. Tutte naturalmente gratis! Ecco l’elenco:

    Privalia – (Android / iOS) Tiendeo – (Android / iOS) Trovaprezzi – (Android / iOS) DoveConviene – (Android / iOS) Volantino facile – (Android / iOS) Conclusioni

    Dopo questo piccolo ma conveniente elenco, volevamo dirvi che vi terremo sempre aggiornati su nuove app qualora dovessero nascere. Non dimenticate di dare anche una lettura alla nostra sezione dedicata alle offerte del giorno: lì troverete sconti esclusivi legati alla tecnologia, solo per voi lettori di ChimeraRevo.

    Buono shopping!

    L'articolo Le migliori app per trovare sconti e offerte appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    Honor 7X


    Honor 7X è uno smartphone annunciato ad Ottobre 2017 con a bordo Android 7.0 Nougat (interfaccia EMUI 5.1). Il display è da 5.93” con risoluzione 2.160 x 1.080 pixel, alimentato da un processore HiSilicon Kirin 659 Octa-Core (4×2.36 GHz Cortex-A53...

    Honor 7X è uno smartphone annunciato ad Ottobre 2017 con a bordo Android 7.0 Nougat (interfaccia EMUI 5.1). Il display è da 5.93” con risoluzione 2.160 x 1.080 pixel, alimentato da un processore HiSilicon Kirin 659 Octa-Core (4×2.36 GHz Cortex-A53 & 4×1.7 GHz Cortex-A53) e 4 GB di RAM. La memoria interna ammonta a 32 / 64 / 128 GB ed è espandibile con microSD fino a 256 GB. Honor 7X è Dual SIM e dispone di fotocamera frontale da 8.0 MP mentre la posteriore è doppia: 16.0 MP + 2.0 MP. La batteria ha una capacità di 3.340 mAh.

    L'articolo Honor 7X appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    Offerte Amazon: iPhone 8 Plus, Galaxy Note 8, S8+, Action Cam e tanto altro


    Un articolo riassuntivo con le migliori offerte Amazon di ogni giorno, ecco lo scopo di questo nostro post che viene aggiornato quotidianamente mostrandovi le migliori occasioni. Ecco a voi le migliori occasioni di oggi: Se avete qualche segnalazione di...

    Un articolo riassuntivo con le migliori offerte Amazon di ogni giorno, ecco lo scopo di questo nostro post che viene aggiornato quotidianamente mostrandovi le migliori occasioni.

    Ecco a voi le migliori occasioni di oggi:

    Se avete qualche segnalazione di importanti offerte da aggiungere all’articolo, lasciate pure un commento. Buono shopping!

    L'articolo Offerte Amazon: iPhone 8 Plus, Galaxy Note 8, S8+, Action Cam e tanto altro appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    Recensione Taotronics TT-VD001: Action-Cam 4K a basso costo

    Recensione Taotronics TT-VD001: Action-Cam 4K a basso costo


    La mission di Taotronics con questo modello TT-VD001 di Action Cam è di raggiungere il massimo risultato con il minimo budget, la nostra invece è di dirvi se ci è riuscita. In gran parte vi anticipiamo che lo scopo è stato raggiunto ma...

    La mission di Taotronics con questo modello TT-VD001 di Action Cam è di raggiungere il massimo risultato con il minimo budget, la nostra invece è di dirvi se ci è riuscita. In gran parte vi anticipiamo che lo scopo è stato raggiunto ma inevitabilmente è palese che ci sono alcune defezioni in determinati aspetti.

    Confezione

    Anche Taotronics ha scelto di offrire l’ormai canonica vasta gamma di accessori in confezione:

    custodia waterproof supporto tubolare/manubrio 7 tipi di supporto 2 differenti clip 2 supporti elmetto 4 fasce 2 adesivi 3M coperchio protettivo posteriore cavo USB panno per la pulizia della lente

    In generale dobbiamo rilevare che gli oggetti sono di buona fattura e resistenti.

    Design

    Dal punto di vista estetico la Action Cam 4K TaoTronics TT-DV001 non entusiasma: trattasi dell’inflazionatissima scatolina nera in scocca di plastica con bordi zigrinati. Il tasto d’accensione è frontale, accanto alla lente. I tasti su/giù sul lato destro mentre il tasto scatto/ok si trova in alto.

    Per quanto riguarda la zona ingressi (micro-USB, scheda SD, Hd out), cosa che non fà piacere ai più, segnaliamo che è scoperta quindi priva di uno sportellino di chiusura.

    Presenti un doppio LED di notifica al lato del display che indica accensione e stato della batteria ed uno sul lato superiore giallo che segnala il funzionamento del Wi-Fi.
    La qualità costruttiva è buona ed il peso ( 58 g) e le dimensioni ( 5.9 x 4.1 cm) ridotte la rendono estremamente maneggevole e compatta.

    Hardware

    Semplice ma efficiente comparto tecnico:

    display LCD da 2″ Lente grandangolare Sony IMX079 HD da 170° micro SD fino a 64 GB batteria da 900 mah Wi-Fi

    Prestazioni

    La Action Cam 4K TaoTronics TT-DV001, nonostante un promettente sensore Sony IMX079, inedito per action cam di questa fascia, offre riprese/scatti dignitose ma non sembra raggiungere l’ottimo compromesso offerto dal precedente IMX078 (per un rapido confronto leggi anche Andoer 4k Ultra HD Sports). Analizziamo nel dettaglio.

    Le foto catturate dalla lente hanno una buona resa di base e riescono a rappresentare fedelmente i colori delle immagini anche se arrivano a saturarli troppo, specialmente le tonalità gialle e verdi.

    Lo scatto è “impastato” anche in ottime condizioni di luminosità. I dettagli risultano poco accurati e sbiaditi e la gestione della luce non è felice in quanto nello stessa foto le parti in ombra appaiono troppo scure e ricche di rumore mentre quelle illuminate lievemente “bruciate” dalle alte luci. In notturna la qualità inevitabilmente cala su tutti gli aspetti ed avere uno scatto non sfocato risulta essere un impresa realmente ardua.

    In video invece il sensore ci fornisce maggiore soddisfazione, non si supera il problema della poca luce catturata e dell’eccessiva “tenebrosità” delle immagini, ma il movimento è ben riprodotto e con una buona definizione.

    Come di rito siamo andati alla ricerca della migliore modalità in cui girare, che come spesso accade risulta essere in 1080P a 60 fps e probabilmente anche in questo caso è così, ma dobbiamo dire che un ottima scelta è anche la risoluzione a 2.7 k a 30 fps: buona via di mezzo tra un discreto guadagno di risoluzione ed una resa fluida dell’azione.

    Sconsigliata la ripresa in 4k per l’eccessiva sofferenza alla stabilizzazione dell’immagine, utile solo per una ripresa fissa. Purtroppo qualche pecca riscontrata nel microfono che riprende bene il suono come volume ma lo rende “cavernoso” e non tanto gradevole.

    Molto bella la modalità slow-motion alla risoluzione predefinita in 720P a 90 fps (preferibile a quella supportata a 1080P a 60 fps), forse l’opzione meglio riuscita in questa cam sia per definizione che dettaglio del movimento rallentato.

    Presente il Wi-Fi e quindi anche l’annessa possibilità di comandare la DV001 da remoto tramite smartphone, scaricandosi l’app di sistema “XDV” da Google o App Store. Il funzionamento della stessa è buona anche se ogni tanto subisce qualche rallentamento e/o perdita di segnale della durata di pochi secondi.

    Autonomia

    La batteria da 900 mah montata sulla Action Cam 4K TaoTronics TT-DV001 risulta essere perfettamente in media a quelle che ritroviamo su altre cam allo stesso prezzo.

    Tutto sommato sufficiente in quanto dovrebbe riuscire a resistere secondo il costruttore per 90 minuti in ripresa video a 1080, un risultato un tantino più generoso da quello ottenuto da nostri test che ci hanno permesso effettivamente di arrivare sugli 80″ di utilizzo.

    Rapporto qualità/prezzo

    La Action Cam 4K TaoTronics TT-DV001 è acquistabile su Amazon tramite il seguente badge:

    Considerando il costo molto basso, questa action cam si candida ad essere un’ottima idea regalo o semplicemente un simpatico desiderio di poter immortalare le proprie amatoriali gesta da appagare ad una modica cifra, tra le migliori sul mercato attuale.

    Ovviamente da valutare come innesto entry-level con prestazioni appena sufficienti ma in ogni caso utili per godere a pieno dell’esperienza che questi dispositivi sanno regalare.

    L'articolo Recensione Taotronics TT-VD001: Action-Cam 4K a basso costo appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    Cavo magnetico 4smarts: non tornerete più indietro!

    Cavo magnetico 4smarts: non tornerete più indietro!


    Avete mai visto un video simile a questo qui sopra? Scommetto che anche a voi sarà venuta una voglia matta di averne uno! Grazie alla tedesca 4smarts infatti, abbiamo potuto testare GRAVITYCord, un cavo magnetico molto simile a quello del video qui in...

    Avete mai visto un video simile a questo qui sopra? Scommetto che anche a voi sarà venuta una voglia matta di averne uno! Grazie alla tedesca 4smarts infatti, abbiamo potuto testare GRAVITYCord, un cavo magnetico molto simile a quello del video qui in alto..e abbiamo un po di cose da raccontarvi!

    Il titolo della nostra recensione recita “non tornerete più indietro!” e dunque, nelle prossime righe, cercheremo di dimostrarvi perché questa tecnologia non è solamente comodissima ma anche estremamente utile, per tutti (o quasi)!

    Caricabatterie wireless: guida all’acquistoAbbiamo uno smartphone che supporta la ricarica wireless tramite Qi? Vediamo insieme i migliori caricabatterie wireless sul mercato.Smartphoneguida acquisto ricarica wireless Cavo magnetico 4smarts: Unboxing

    Il GRAVITYCable è venduto in abbinamento a due “connettori” magnetici tra i quali: microUSB, Type-C e Lightning. La nostra confezione di vendita, oltre al cavo magnetico ed un manuale utente, comprende un connettore microUSB ed uno Type-C.

    Separatamente poi, ci è stata fornita anche una confezione – acquistabile separatamente – con altri due connettori: uno microUSB ed uno Lightning. La confezione in se è curata e ricca di informazioni, con uno sportello magnetico anteriore che mostra il contenuto.

    Infine, in confezione troverete sempre una graffetta in plastica (di colore giallo in foto) con la quale potete aiutarvi per estrarre il connettore magnetico dal vostro smartphone/tablet quando non volete usarlo.

    Ricarica Wireless: come funzionaSempre più dispositivi stanno adottando la ricarica wireless. Ma vi siete mai chiesti come funziona? Scopritelo insieme a noi.Hardwarericarica wireless Materiali & Design

    GRAVITYCable è il cavo magnetico 4smarts realizzato con maglie di tessuto in cotone per dare al cavo la massima flessibilità ed una buona resistenza. Anche la base dei connettori terminali è rinforzata, grazie ad una guaina di colore nero che lo avvolge.

    L’estremità magnetica del cavo è costituita da una testina dalla quale fuoriescono 5 connettori dorati che andranno poi a toccarsi con la base dei connettori magnetici. La loro simmetria ne permette l’utilizzo in ambo i versi, insomma si attaccherà da solo allo smartphone e non importa come!

    Inoltre sul cavo magnetico c’è un piccolo LED verde che si accende quando collegato all’alimentatore di corrente, studiato per poterlo utilizzare anche al buio. L’unico difetto, a nostro parere, è che non si può scegliere una taglia diversa da 1 metro, che spesso è molto restrittiva.

    Power Bank con ricarica rapida: quale comprareIl vostro smartphone è compatibile con la tecnologia Qualcomm Quick Charge? Allora ecco le migliori Power Bank per sfruttarla al meglio!Hardwareguida acquisto power bank quick charge Come funziona?

    Esattamente come nel video: basta collegare i connettori magnetici ai nostri dispositivi e lasciare che il cavo magnetico si agganci da solo ad uno di essi per iniziare a ricaricarli! GRAVITYCable poi, oltre che per caricare, può essere utilizzato anche per lo scambio dati.

    Ma tralasciando questo aspetto, c’è un altro fattore molto importante: ciò permette di salvaguardare il connettore del nostro smartphone da tutti gli “stress” che subisce giornalmente, evitando completamente che si possa rompere!

    E poi, lasciando il connettore magnetico agganciato allo smartphone, eviterete anche l’insidiarsi di polvere, acqua e altri elementi potenzialmente dannosi! L’unica pecca è che la forza magnetica non è poi così potente: insomma, meglio non muoverlo troppo durante la ricarica.

    Miglior Power Bank: guida all’acquistoAddio ai problemi di batteria per i nostri tablet e smartphone: portiamoci dietro un power bank per ricaricarli subito in mobilità.Hardwareguida acquisto power bank Conclusione & Prezzi

    Dunque se state pensando di passare alla comodità e alla versatilità del cavo magnetico, GRAVITYCord sarebbe la scelta giusta per avere un prodotto efficace e resistente, che possa salvaguardare i delicati connettori dei vostri dispositivi!

    I prezzi sono un po’ sopra la media, ma riflettono anche la qualità del cavo, che invece non possiamo garantire per prodotti simili. I prezzi si aggirano attorno ai 16 euro su Amazon Italia ma non beneficiano di trattamento Prime.

    Se volete dargli un’occhiata, ecco di seguito tutti i link di cui avete bisogno. E voi, optereste per un cavo magnetico?

    4smarts GRAVITYCord da Amazon Italia

     

    Adattatori aggiuntivi per connettore da Amazon

     

    4smarts GRAVITYCord da eBay

     

    Adattatori aggiuntivi per connettore da eBay

     

    Amazon Prime: cos’è e come funzionaEcco cos'è Amazon Prime, incluso il nuovo servizio Prime Now, e come iscriversi provandolo gratuitamente.Internetamazon amazon prime e-commerce

    L'articolo Cavo magnetico 4smarts: non tornerete più indietro! appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    Come tagliare video su iPhone e iPad

    Come tagliare video su iPhone e iPad


    Siete soliti registrare dei video tramite il vostro iPhone o iPad? Delle volte potreste aver bisogno di tagliare delle scene superflue dai video girati. In mancanza di un PC per modificare il video, si rivela davvero comodo tagliare il video direttamente...

    Siete soliti registrare dei video tramite il vostro iPhone o iPad? Delle volte potreste aver bisogno di tagliare delle scene superflue dai video girati. In mancanza di un PC per modificare il video, si rivela davvero comodo tagliare il video direttamente dal nostro smartphone. Per questo scopo ci vengono in aiuto diverse applicazioni che ci consentono di editare i video direttamente dal nostro dispositivo mobile.

    Vediamo quindi quali sono le soluzioni migliori da utilizzare.

    Tagliare video su iPhone e iPad: migliori app

    Come abbiamo detto in precedenza esistono diverse soluzioni per tagliare i video sui nostri dispositivi Apple. Tutti i metodi sono semplici da utilizzare e sono utili soprattutto per modifiche di lieve entità, come ad esempio il taglio di alcune scene.

    Vediamo quindi come fare a tagliare dei video su iPhone e iPad.

    Foto

    Molti utenti non sanno che possiamo modificare e tagliare i video direttamente dall’app Foto di Apple. prima di tutto selezioniamo il video che desideriamo modificare. Ora selezioniamo l’opzione Modifica, posta in alto a destra. Nella nuova schermata possiamo tagliare il video utilizzando i due indicatori posti all’inizio e alla fine del video. Regoliamoli a nostro piacimento a seconda di come vogliamo tagliare il video. Una volta deciso la modifica, clicchiamo su Fine.

    A questo punto dobbiamo scegliere se tagliare l’originale oppure se crearne una copia modificata. Fatto questo siamo riusciti a tagliare il video tramite l’app Foto di Apple.

    CropVideo

    In alternativa possiamo utilizzare alcune app di video editing presenti sull’App Store. Noi vi proponiamo CropVideo, in quanto è un’app molto semplice da utilizzare. Vediamo insieme come si utilizza.

    Prima di tutto, dopo aver aperto l’applicazione, dobbiamo selezionare il video da tagliare. In seguito clicchiamo su Select, posto in alto a destra. Oltre a tagliare alcune scene, grazie a VideoCrop, possiamo anche tagliare l’inquadratura in modo da focalizzarci su un singolo oggetto. Per tagliare l’inquadratura dobbiamo usare l’opzione Crop Video. Mentre per tagliare delle scene dobbiamo usare l’opzione Trim & Cut. Inoltre, tramite l’opzione Add Music, l’app ci consente anche di aggiungere una traccia musicale all’interno del nostro video.

    Se scegliamo l’opzione Trim & Cut ci troveremo di fronte alla schermata di taglio. Non dobbiamo far altro che stabilire la lunghezza del video tramite gli indicatori posti in alto, oppure tramite le funzioni Start here e End here poste in basso. Una volta apportata la modifica clicchiamo su Done, posto in alto a destra.

    Per salvare il video selezioniamo l’icona di condivisione in alto a destra. Possiamo scegliere di salvare il video in galleria oppure condividerlo attraverso i più noti social network. Se l’utilizzo di questa app vi può sembrare un po’ difficile da capire non disperate. Alla prima apertura dell’app verrà mostrato un piccolo tutorial sulle varie funzioni dell’editor.

    Tagliare video: le migliori appAbbiamo elencato per voi le migliori applicazioni per tagliare video su Android e iOS, con una mini guida al loro utilizzo.Androidapp android app ios Conclusioni

    Come abbiamo visto è molto semplice tagliare video direttamente dal nostro iPhone o iPad. Se siete a conoscenza di altre app molto valide, magari provate da voi, per tagliare video, non esitate a contattarci tramite il box dei commenti.

    App per ritagliare foto su Android e iOSAbbiamo raccolto per voi solo le migliori app per ritagliare foto gratis sia su Android che su iPhone e iPad. E sono tutte semplici da utilizzare.Androidapp android app ios Creare video con Android e iPhone: le migliori appVolete modificare e creare video utilizzando direttamente lo smartphone o il tablet? Ecco a voi le migliori applicazioni da utilizzare.Androidapp android app ios

    L'articolo Come tagliare video su iPhone e iPad appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    Speed Test di Google: calcolare velocità Fibra e ADSL

    Speed Test di Google: calcolare velocità Fibra e ADSL


    La rete è letteralmente piena di servizi per effettuare lo speed test della propria connessione, fibra o ADSL. Poteva di certo mancare lo Speed Test di Google? Certo che no! Da poco è stato reso disponibile anche per il nostro Paese e grazie ad esso...

    La rete è letteralmente piena di servizi per effettuare lo speed test della propria connessione, fibra o ADSL. Poteva di certo mancare lo Speed Test di Google? Certo che no! Da poco è stato reso disponibile anche per il nostro Paese e grazie ad esso potremo calcolare la velocità della nostra connessione.

    Ma vediamo insieme come funziona e quali sono le sue caratteristiche.

    Come testare velocità fibra ottica di casaAvete sottoscritto un contratto per la fibra ottica? Ecco come verificare la velocità effettiva con i migliori siti per testare velocità fibra ottica.Internetadsl fibra ottica Come testare la velocità Fibra e ADSL

    Per utilizzare il nuovo servizio di Google non serve visitare qualche sito web oppure installare qualche applicazione in particolare. Lo speed test in questione consuma circa 40 MB di dati ed impiega circa 30 secondi per completare la procedura. Per ottenere dei risultati il più “puliti” possibile, è consigliabile scollegare qualsiasi altro dispositivo connesso alla rete.

    Il motivo? I dispositivi trasferiscono continuamente delle quantità di dati, anche quando sono semplicemente collegati alla rete, quindi i risultati del test possono venire compromessi.

    Ricordiamo che l’esito di questo tipo di test è fortemente influenzato dalla posizione geografica in cui è dislocato il server al quale ci colleghiamo. Attualmente, il servizio di mamma Google, permette di misurare la velocità delle connessioni che arrivano fino a 700 Mbps.

    Come funziona lo Speed Test di Google

    Grazie a questo servizio è possibile calcolare la velocità della nostra Fibra o ADSL sia in Download che in Upload. Vediamo quindi come utilizzare il test della connessione di Google.

    Per avviare lo speed test basta cercare “speed test” attraverso il motore di ricerca di Google oppure cliccare qui. Nei risultati di ricerca dobbiamo cliccare sul pulsante Esegui test della velocità. A questo punto inizierà il test sulla velocità della nostra connessione, sia in download e sia in upload. Al termine della verifica ci verranno mostrati i risultati totalizzati dal test effettuato. Infine possiamo decidere di concludere il test oppure rieseguirlo cliccando sul pulsante Ripeti il test.

    Internet lento: come risolvereDall'instabilità della rete al malfunzionamento del Wi-Fi, le cause di Internet lento possono essere più di una! Ecco alcune soluzioni.Internetwifi Conclusioni

    Come abbiamo visto è davvero semplice utilizzare questo servizio, in quanto non si ha bisogno di visitare dei siti web o scaricare delle app. E voi preferite il nuovo servizio oppure altri servizi come Ookla?

    Copertura TIM Fibra e ADSL: come verificarlaSe avete deciso di passare a TIM è bene che ne verifichiate la copertura nella vostra zona! Ecco la procedura da seguire:Internetofferte operatori tim Copertura Infostrada Fibra e ADSL: come verificarlaVi sono piaciute le offerte Infostrada ma prima di procedere volete verificarne la copertura nella vostra zona? Ecco la procedura da seguire!Internetinfostrada offerte operatori wind Copertura Vodafone Fibra e ADSL: come verificarlaAvete deciso di passare a Vodafone ma prima di procedere volete verificarne la copertura? Ecco la procedura da seguire.Internetofferte operatori vodafone Copertura Fastweb: come verificarlaAvete deciso di passare a Fastweb ma prima di procedere volete verificare la copertura Fastweb? Ecco la procedura da seguire.Internetadsl Fastweb fibra fibra ottica

    L'articolo Speed Test di Google: calcolare velocità Fibra e ADSL appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    TomTop: niente dogana e sconto esclusivo del 5% su smartphone e accessori

    TomTop: niente dogana e sconto esclusivo del 5% su smartphone e accessori


    Dopo il lancio della nostra rubrica dedicata alle offerte TomTop, oggi vogliamo parlarvi di una iniziativa che abbiamo lanciato grazie ad un accordo con lo store. Vista anche la situazione legata a Gearbest e alla sua spedizione Italy Express, abbiamo...

    Dopo il lancio della nostra rubrica dedicata alle offerte TomTop, oggi vogliamo parlarvi di una iniziativa che abbiamo lanciato grazie ad un accordo con lo store. Vista anche la situazione legata a Gearbest e alla sua spedizione Italy Express, abbiamo stretto un patto con TomTop: per voi 5% di sconto su tutta la merce della categoria “Telefonia e Accessori“.

    Ma non è finita qui: il coupon esclusivo garantirà l’esclusione dei costi doganali.

    ATTENZIONE: il non pagamento dei costi doganali è un bonus che verrà applicato prossimamente. Aggiorneremo l’articolo quando tutto ciò sarà possibile: per ora resta valido solo lo sconto del 5% sulla merce.

    Il coupon da utilizzare

    Il coupon da usare è CHIMERA: poco prima di effettuare un acquisto basterà inserirlo (andando alla voce Have a Promotion Code che trovate poco sotto al totale della spesa).

    Ecco un esempio:

    Esempio di utilizzo del codice CHIMERA su TomTop

    Non ci sono limiti di prezzo: il coupon sarà applicato a qualsiasi valore. Tuttavia questo codice sconto non può essere utilizzato sui prodotti in pre-ordine e quelli già in promozione. Inoltre, per evitare la dogana, il metodo di spedizione da selezionare è Standard Shipping il cui prezzo il più delle volte è pari a 0 euro.

    Dunque ricordate: usate il codice CHIMERA e avrete il 5% di sconto su TomTop per la categoria smartphone e accessori.

    Per qualsiasi dubbio o domanda lasciateci pure un commento: cercheremo di metterci in contatto con lo staff di TomTop in caso di problemi.

    L'articolo TomTop: niente dogana e sconto esclusivo del 5% su smartphone e accessori appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    Play GT7 Extra di 3 Italia: 1000 minuti e 30 GB a 7€

    Play GT7 Extra di 3 Italia: 1000 minuti e 30 GB a 7€


    Dopo la fusione tra Wind e 3, entrambe le aziende stanno cercando di accalappiarsi il maggior numero di clienti, per diventare il più grande operatore italiano. Per far ciò entrambe propongono delle offerte interessanti per “rubare” gli utenti dai...

    Dopo la fusione tra Wind e 3, entrambe le aziende stanno cercando di accalappiarsi il maggior numero di clienti, per diventare il più grande operatore italiano.

    Per far ciò entrambe propongono delle offerte interessanti per “rubare” gli utenti dai loro competitor. L’offerta che vi segnaliamo oggi è stata lanciata da 3 Italia come variazione della vecchia Play GT7 che aveva riscosso grande successo: ben 1000 minuti e 30 GB in 4G a 7€ al mese.

    Ma vediamo nel dettaglio cosa propone e come attivare la promozione.

    Play GT7 Extra: come ottenerla Pre requisiti

    Prima di analizzare l’offerta Play GT7 Extra nel dettaglio, diciamo subito che questa è destinata a chi non è cliente 3 e vuole diventarlo. Per beneficiare dei vantaggi che vi descriveremo, inoltre, dovrete attivare la promozione necessariamente online e aspettare che la SIM vi arrivi a casa.

    Cosa propone Play GT7 Extra

    Con questa offerta, 3 Italia va a concentrarsi sopratutto sui Gigabyte che, da 20 della precedente offerta, passano a 30 in 4G (ne riparleremo dopo). Inoltre avrete anche 1000 minuti da utilizzare verso tutti. Purtroppo non sono presenti gli SMS che, seppur vadano sempre più in disuso, possono ancora essere utili.

    Tutto questo ve lo portate a casa (come direbbe un noto venditore) al solo prezzo di 7€ al mese.

    Le soglie settimanali

    E si… Come sappiamo 3 utilizza le soglie settimanali per le proprie offerte, e anche in questo caso non fa eccezione. Nonostante sulla pagina della promozione si parli di 7€ al mese, infatti, l’offerta è divisa in soglie settimanali dal costo di 1.75€.

    I costi

    Purtroppo non è tutto oro ciò che luccica. Ai 7€ mensili dell’offerta vanno aggiunti 0.50€ a settimana (quindi 4€ a mese) per il piano di attivazione Power29 e 1€ al mese per l’utilizzo del 4G (già… c’è ancora chi se lo fa pagare…).

    Il 4G

    Per l’utilizzo della connessione veloce, però, facciamo un paragrafo a parte. E’ vero che ha un costo di 1€ al mese ma è anche vero che, se si attiva l’offerta entro il 19/11/2017, esso è in promozione a 0€ fino al 31/03/2018 e comunque dopo può essere disattivato per continuare a navigare con il 3G.

    I costi di attivazione

    Come tutte le compagnie, per passare a 3 Italia ci sono dei costi da sostenere una tantum. L’offerta ha un costo di attivazione di 9€ e, per attivarla, pagherete 20€ che comprenderanno le spese della SIM e della sua spedizione e 20€ di ricarica che sarà già presente sulla scheda.

    Un piccolo riassunto…

    Per rendervi le cose ancora più chiare facciamo un piccolo riassunto della promozione:

    Minuti 1000 al mese Giga 30 al mese Costo 7€ al mese 4G 1€ al mese (gratis fino al 31/03/2017 Power 29 4€ al mese (0,50cent) a settimana Attivazione 9€ Costo iniziale 20€ (compresa SIM e ricarica da 20€

    L’offerta non è male, ora resta a voi farvi i “conti in tasca” e valutare se vi conviene cambiare il vostro gestore e approfittare di questa promozione che, lo ricordiamo, è valida solo online.

    L'articolo Play GT7 Extra di 3 Italia: 1000 minuti e 30 GB a 7€ appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    Recensione Xiaomi Mi A1: Google e Xiaomi coppia vincente!

    Recensione Xiaomi Mi A1: Google e Xiaomi coppia vincente!


    Poco tempo fa abbiamo avuto modo di recensire lo Xiaomi Mi 5X, smartphone entry level dall’eccellente rapporto qualità prezzo e con a bordo la MIUI 9. Recensione Xiaomi Mi 5X: best buy con MIUI 9!Android Quest’oggi parliamo, invece, del dispositivo...

    Poco tempo fa abbiamo avuto modo di recensire lo Xiaomi Mi 5X, smartphone entry level dall’eccellente rapporto qualità prezzo e con a bordo la MIUI 9.

    Recensione Xiaomi Mi 5X: best buy con MIUI 9!Android

    Quest’oggi parliamo, invece, del dispositivo frutto della collaborazione tra Xiaomi e Google. Lo Xiaomi Mi A1, infatti, è l’ultimo smartphone presentato da Xiaomi con a bordo Android One e pensato per il mercato internazionale.

    Confezione

    La confezione di vendita del nuovo prodotto dell’azienda cinese vede, in apparenza, un look diverso dal solito, con un’etichetta estesa su tutta la superficie della scatola che, oltre a mostrare l’immagine del prodotto sulla facciata principale, riporta le diciture Android One e Global Version su diversi lati e alcune specifiche dello smartphone sul retro.

    Sfilata l’etichetta, il box vero e proprio vede il look pulito già visto con Xiaomi Mi 5X, con il logo dell’azienda in bella vista. Sollevato il coperchio ci troviamo di fronte al dispositivo protetto da una pellicola opaca sulla facciata principale. Subito al di sotto il resto della componentistica, con il libricino illustrativo in lingua inglese (finalmente) e un’ulteriore scatola che racchiude il caricabatterie da parete, il cavo USB Type-C e la graffetta per la rimozione del vano SIM.

    Design ed ergonomia

    Esteticamente lo Xiaomi Mi A1 appare perfettamente identico allo Xiaomi Mi 5X, sia nelle forme che negli elementi che popolano la scocca. Sulla zona frontale vediamo, infatti, il display da 5.5 pollici nella zona centrale e i 3 tasti soft-touch retroilluminati nella parte bassa. La parte alta, poi, vede i sensori di prossimità/luminosità, lo speaker per l’ascolto in chiamata e la fotocamera interna.

    Passando al retro vediamo poi la doppia fotocamera sporgente con flash led dual tone nella zona superiore e il lettore d’impronte subito al di sotto. I bordi ospitano poi la solita componentistica, con l’immancabile sensore a infrarossi sul lato alto utile a controllare dispositivi compatibili a distanza.

    Dimensioni: 75.8 x 155.4 x 7.3 mm Peso: 168 g

    Come abbiamo già avuto modo di constatare con il suo corrispettivo con a bordo la MIUI 9, anche lo Xiaomi Mi A1 è caratterizzato da un corpo interamente in alluminio opaco, molto scivoloso e che compromette non poco il grip. Il consiglio, anche in questo caso, è quello di utilizzare il dispositivo con una cover protettiva.

    Hardware

    Anche sotto il cofano lo smartphone di Xiaomi risulta uguale in tutto e per tutto al device sopracitato, con una scheda tecnica interessante.

    CPU: Qualcomm Snapdragon 625 MSM8953; GPU: Adreno 506; RAM: 4 GB; Archiviazione: 64 GB espandibili con Micro SD; Doppia fotocamera: 12 MP f/2.2 | 12 MP f/2.6 teleobiettivo; Batteria: 3080 mAh; Display: 5.5 pollici IPS LCD / 1080 x 1920; Slot: 2 nano SIM / 1 nano SIM 1 Micro SD.

    La CPU prodotta da Qualcomm sembra comportarsi piuttosto bene anche sotto stress intenso, riuscendo a smaltire in tempi brevi carichi di lavoro piuttosto pesanti. Allo stesso modo ho trovato ottimo anche il multitasking, con una rapida riapertura delle applicazioni lasciate aperte in background e, di tutta risposta, anche lo split screen appare ugualmente godibile.

    Test benchmark

    La componente telefonica va alla grande, con ottima ricezione del segnale nelle zone da me solitamente frequentate, città o paese che sia. Essendo pensato per il mercato internazionale, poi, lo Xiaomi Mi A1 è dotato della banda 20 a 800 MHz, il che permette agli utenti Wind di agganciarsi alla rete 4G senza alcun tipo di problema.

    Il lettore d’impronte posto sul retro poi, nonostante sia piuttosto piccolo, mi è parso estremamente preciso, riuscendo a sbloccare il dispositivo anche poggiando il dito a metà o comunque non perfettamente al centro del sensore.

    Software e prestazioni

    Utilizzare uno smartphone Xiaomi con a bordo una versione di Android pura inizialmente può sembrare una blasfemia, ma in realtà è tutt’altra storia. Personalmente avevo già avuto modo di installare custom ROM sui device prodotti dall’azienda cinese, riscontrando tutti i pro e i contro del caso. In particolare, lo Xiaomi Mi A1 è un dispositivo Android One e questo, per chi non lo sapesse, si traduce in aggiornamenti software tempestivi e garantiti da Google stessa. La versione del sistema operativo è la 7.1.2 Nougat, con Oreo in arrivo entro fine anno.

    Nell’utilizzo complessivo del dispositivo non si incontra nessuna difficoltà di sorta, con caricamenti estremamente brevi, navigazione fluida e utilizzo impeccabile della suite Google installata a bordo. Nonostante sembrerebbe che di Xiaomi sia rimasta solo la scocca, utilizzando lo smartphone è facile notare come in realtà anche sul comparto software troviamo lo zampino di Xiaomi.

    Servizi Xiaomi

    Tra le app preinstallate, infatti, troviamo un’applicazione dedicata al controllo remoto dei dispositivi tramite infrarossi e una che consente di inviare feedback a Xiaomi.

    Nelle impostazioni, poi, è presente la voce Mi Service che racchiude semplicemente dei flag da spuntare nel caso in cui volessimo inviare dati diagnostici in modo anonimo a Xiaomi. Ultima ma non per importanza, l’applicazione relativa alla fotocamera presenta il medesimo look presente sull’interfaccia MIUI.

    Fotocamera

    La formula con cui Xiaomi ha deciso di equipaggiare la doppia fotocamera su questo Mi A1 consiste in 2 sensori da 12 MP, di cui uno standard e l’altro realizzato per sfruttare lo Zoom ottico 2X. La qualità degli scatti appare ottima in ambienti ben illuminati e soddisfacente anche con poca luce, con colori ben equilibrati e una riduzione del rumore non troppo aggressiva.

    Software fotocamera

    Inizialmente non essendomi mai trovato a dover zoommare una foto, sopratutto considerando come con un sensore standard è meglio farlo in fase di visualizzazione, ho cercato di “forzare” il suo utilizzo, attuandolo anche nel caso di macro e scatti, di fatto, ravvicinati.

    Appare chiaro, però, che la vera utilità di uno zoom senza apparente degrado dell’immagine si abbia proprio in caso di necessità. Dalle immagini che ho potuto catturare ho riscontrato come lo zoom a una prima occhiata presenti la medesima qualità dello scatto normale, ma con un successivo pinch-to-zoom in galleria sembra avere una risoluzione leggermente più bassa.

    Pollici in su anche per la fotocamera interna che si comporta discretamente anche a calar del sole. Certo, la qualità non è delle migliori, ma il sensore da 5 MP riesce comunque a garantire scatti social.

    Display

    Lo Xiaomi Mi A1 monta un display da 5.5 pollici IPS LCD con risoluzione 1080 x 1920 di ottima fattura.

    Le immagini vengono infatti visualizzate in modo chiaro, con colori e dettagli ben definiti. I bianchi mi son sembrati poi puliti, senza tendenze ad altri colori, mentre i neri risultano sufficientemente profondi.

    Audio

    La cassa mono posta sul lato basso riproduce brani e suoni di sistema in modo chiaro e pulito.

    Inoltre, la posizione nella quale è collocata permette di poggiare il dispositivo su qualsiasi superficie senza che questa venga in alcun modo tappata.

    Batteria

    Sul fronte dell’autonomia, Xiaomi sembra non deludere mai.

    Lo Xiaomi Mi A1, infatti, con un utilizzo medio mi ha portato tranquillamente al giorno successivo con quasi 6 ore di schermo acceso.

    Xiaomi Mi A1 – Prezzo e conclusioni

    Insomma, il dispositivo frutto della collaborazione tra Google e Xiaomi convince ed è senza subbio il best buy di questo fine 2017.

    Considerando la piena compatibilità con i servizi Google, gli aggiornamenti tempestivi, le performance viste e la solita qualità dei prodotti Xiaomi, lo Xiaomi Mi A1 è un prodotto valido da non perdere nella fascia di prezzo nella quale si colloca, ovvero tra i 200-240€.

    Dove acquistare lo Xiaomi Mi A1

    Per acquistare dispositivi Xiaomi solitamente è preferibile affidarsi a store che lo importano direttamente in Italia. In particolare vi consigliamo Honorbuy.it che offre garanzia Italia e, grazie al codice sconto CHIMERA, risparmierete anche 5€ sull’acquisto.

    Scegliendo altri store forse meno affidabili e meno rapidi nella consegna,è possibile acquistare il dispositivo anche a prezzi più bassi. Su Gearbest, ad esempio, è possibile acquistarlo a 200€ circa.

    Pro Contro Doppia fotocamera ottima Scivoloso Sistema Android One rapido e aggiornato Prezzo competitivo Pensato per il mercato internazionale (Banda 20 e caricatore compatibile con le nostre prese)

    L'articolo Recensione Xiaomi Mi A1: Google e Xiaomi coppia vincente! appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    Quanto consuma Spotify

    Quanto consuma Spotify


    Vi siete mai chiesti quanto consuma Spotify in termini di MB consumati? Devo ammetterlo: ho visto un’offerta di un noto operatore di telefonia che mi ha tentato ma per fare il passaggio dovevo, ovviamente, capire se mi conveniva. Il motivo? Semplice:...

    Vi siete mai chiesti quanto consuma Spotify in termini di MB consumati? Devo ammetterlo: ho visto un’offerta di un noto operatore di telefonia che mi ha tentato ma per fare il passaggio dovevo, ovviamente, capire se mi conveniva. Il motivo? Semplice: con la precedente offerta avevo la possibilità di ascoltare tutta la musica che volevo (anche Spotify) senza consumare GB di dati Internet, quindi mi sono chiesto se il gioco valesse la candela.

    Il primo pensiero che mi è venuto in mente è proprio quello riguardante Spotify che utilizzo spesso per ascoltare la mia musica in streaming, senza scaricarla. Ho iniziato a fare vari calcoli e ricerche per scoprire quanto, più o meno, consuma l’app per farci ascoltare le canzoni.

    Ed ecco cosa ne è risultato!

    Spotify: come leggere i testi delle canzoni nell’appAvete voglia di cantare le vostre canzoni preferite? Allora ecco come aggiungere i testo delle canzoni in Spotify, su Android e iOS.Androidspotify Ecco quanto consuma Spotify

    Ho scoperto che la quantità di dati consumata dall’applicazione dipende molto dalla qualità in cui ascoltiamo la musica. Andando nelle Impostazioni (l’ingranaggio in alto a destra) possiamo notare la voce “qualità della musica” che è proprio quella che serve a noi.

    E’ possibile scegliere tra quattro diverse qualità per lo streaming musicale:

    Automatica: E’ quella che si occupa di regolare automaticamente la qualità della musica per avere un buon rapporto con il consumo; Normale: Con questa opzione il consumo equivale a circa 96Kbit per secondo; Alta: Aumenta la qualità e ovviamente anche il consumo, che si attesta sui 160Kbit al secondo; Massima: Quest’opzione è riservata solo per gli utenti Premium di Spotify e consuma circa 320Kbit al secondo. Amazon Music Unlimited: prezzo e come funzionaAmazon lancia anche in Italia Amazon Music Unlimited, nuovo concorrente di Spotify e Google Music. Ecco cosa offre ed il prezzo dei pacchetti.InternetMusica Un po’ di calcoli

    Alla luce dei dati precedenti, facciamo un po’ di calcoli per vedere quanto consuma Spotify nel riprodurre la musica in diverse tempistiche.

    Considerando che i valori precedenti sono espressi in Kilo Bit (l’unità di misurazione della trasmissione di dati è proprio il bit), non ci basta fare delle semplici moltiplicazioni: prima dobbiamo convertire i nostri dati in multipli di Byte.

    Per semplificarvi la vita abbiamo già effettuato tutti i calcoli e vi riportiamo i risultati nella tabella seguente.

    Considerate che i dati sono espressi in MegaByte e considerano (a livello teorico) che la riproduzione della musica avvenga ininterrottamente.

    Qualità della musica / Tempo di riproduzione Normale

    (96Kb/s)

    Alta

    (160Kb/s)

    Massima

    (320Kb/s)

    1 Minuto 0,72 MB (720 KB) 1.2 MB 2.4 MB 1 Ora 43,2 MB 72 MB 1 Giorno (24 ore) 1036,8 MB (1 GB) 1.728 MB (1.7 GB) 3.456 MB (3.4 GB) 1 Mese (30 giorni) 31.104 MB (31 GB) 51.840 MB (51 GB) 103.680 MB (103 GB)

    Possiamo notare dalla tabella come chi ascolta musica esclusivamente con i dati mobili può correre il rischio di vedersi prosciugati i dati a disposizione. Certo, quelli precedenti intendono un consumo H24 e quindi difficilmente si arriverà a consumare tanti dati in un mese. Ma a chi fa un forte utilizzo di quest’applicazione consigliamo fortemente di scaricare offline le canzoni Spotify o di utilizzare la qualità “normale” per lo streaming.

    L'articolo Quanto consuma Spotify appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    Portatile con schermo Full HD (FHD): quale comprare

    Portatile con schermo Full HD (FHD): quale comprare


    Sugli smartphone moderni abbiamo assistito ad una vera corsa all’aumento della risoluzione dello schermo, ed anche su TV la risoluzione è aumentata. Siamo passati in relativamente pochi anni da schermi HD ready (720p) a schermi UHD (4320p), passando...

    Sugli smartphone moderni abbiamo assistito ad una vera corsa all’aumento della risoluzione dello schermo, ed anche su TV la risoluzione è aumentata. Siamo passati in relativamente pochi anni da schermi HD ready (720p) a schermi UHD (4320p), passando per l’amato formato FHD (1080p). Purtroppo non si è vista analoga evoluzione per gli schermi dei computer portatili che per più di dieci anni sono rimasti ancorati ad un anacronistico HD.

    Con occhi sempre più abituati a schermi ad alta densità, oramai gran parte di noi riesce a notare i singoli pixel e come sappiamo non è esattamente una bella sensazione. Un monitor a bassa risoluzione tende ad affaticare maggiormente la vista.

    Finalmente i produttori pare abbiano capito che è giunta l’ora di fornire i loro portatili di schermi con una densità ragionevole, non chiediamo di certo il 4K ma una risoluzione Full HD su un portatile da 15 pollici ci pare francamente il minimo sindacale.

    Consci dell’importanza dello schermo, che ahimè è un componente che non si può cambiare, abbiamo stilato una lista dei migliori portatili con schermo Full HD (almeno) che il mercato offre.

    I notebook economici FHD cinesi

    Sono molti i mini portatili cinesi proposti ad un’ottimo prezzo, e che possono vantare un altissimo rapporto prezzo prestazioni. Chi li sceglie però deve mettere in conto alcuni inconvenienti: la quasi mancanza di assistenza (la garanzia spesso di un anno c’è ma vi tocca rispedire a vostre spese il portatile in Cina); la mancanza di schemi e pezzi di ricambio (quindi quasi l’impossibilità di sistemarli per i tecnici locali); la tastiera in formato USA ( il layout è simile al nostro ma senza traccia di lettere accentate).

    Avvisati di queste mancanze eccovi una rapida lista dei modelli più interessanti:

    Jumper EZBOOK 3 PRO

    Si tratta di un piccolo notebook con schermo FullHD da 13,3 pollici che ricorda nelle forme un Macbook. La nuova versione Pro rispetto alle versioni precedenti offre una convincente scocca in metallo. Un portatile per compiti basici, navigare, vedere un film scrivere appunti.

    Vista la cpu Apollo Lake N3450 ( Intel Celeron) e i 4 GB di memoria Ram. Questo portatile è disponibile in diverse versioni, una basica con WiFi mono banda e 64 GB di memoria di massa, una con stessa memoria e scheda WiFi a doppia banda e una top con  128 GB di memoria e WiFi a doppia Banda.

    Lo potete acquistare su Gearbest.

    Chuwi Lapbook 12.3

    Un altro piccolo portatile che ricorda il MacBook. In questo caso abbiamo un display da 12.3 pollici IPS con risoluzione 2736 x 1824, accompagnato da 6 GB di Ram e 128 GB di memoria di massa. Il tutto mosso dal solito intel Celeron Apollo Lake  N3450. Come l’altro è un buon portatile per un uso basico ed in mobilità, non aspettatevi di montare video o giocare e giochi pesanti.

    Lo potete acquistare su Gearbest.

    Inoltre a prezzi minori si trovano i portatili di precedente generazione, il Jumper EZBOOK 2 e il Chuwi Lapbook 15.6.

    I portatili di Xiaomi

    Salendo di prezzo, troviamo gli interessanti portatili Xiaomi, gli Xiaomi Air ottimi per rapporto qualità prezzo, qualità costruttiva e prestazioni. Si parte dal modello base lo Xiaomi Air da 12.5 pollici, con processore Intel m3, 4GB di Ram e 128 GB di Rom, che è venduto per una cifra vicina ai 500 €, al più costoso ma sempre allettanti Xiaomi Air da 13.5. Una menzione la merita anche l’ottimo Mi Notebook Pro  da 15.6 pollici (con prezzo a partire dai 700 €), con la sua scocca in lega di magnesio, il processore intel i5 di ottava generazione gli 8 GB di Ram e 256 GB di SSD.

    Le alternative cinesi interessanti sono finite è il momento di passare ai notebook con schermo FullHD disponibili nel nostro mercato.

    I portatili FHD più interessanti presenti sul nostro mercato

    Dopo aver trattato delle seducenti soluzioni cinesi, viene il momento di guardare alle concrete soluzioni presenti sul nostro mercato. Che forse avranno prezzi leggermente meno allettanti ma offrono garanzia di due anni (vera, niente spedizione a vostre spese chissà dove), e tastiera e sistema in italiano.

    Acer Swift 1

    Con ogni probabilità il portatile FullHD più economico disponibile sul mercato italiano. E’ una soluzione pensata per chi deve lavorare in mobilità e non ha troppe pretese, perfetto come compagno di università vista l’estrema portabilità ha schermo da 13 pollici. Apprezzabile il telaio in alluminio ed il basso peso, è disponibile in più versioni. La versione base si trova sotto i 400 € e offre la cpu Apollo Lake N3350 ( Intel Celeron), 4 GB di memoria Ram, e 64 GB di memoria eMMC.

    HP 255 G5

    Da HP una soluzione bilanciata ed interessante, un notebook con schermo da 15.6 pollici FHD, Apu Amd A8, 8 GB di Ram e 256 GB di SSD. Per chi cerca un portatile senza fronzoli, ma veloce e scattante in tutte le operazioni di tutti i giorni. Si trova vicino ai 500 € anche la versione con processore Intel i5.

    Asus ZenBook UX310UA-GL547T

    Un ottimo ultrabook, veloce, affidabile ed economico. Ha uno schermo da 13 pollici FHD, ma abbastanza potenza per lavorare in mobilità senza grosse rinunce, è in ogni caso consigliato aumentare la ram e sostituire l’HD con un SSD. Le specifiche sono: processore Intel i3-7100U, 2.4 GHz, HDD da 500 GB, 4 GB di RAM, scheda grafica Intel Graphics 620. La scheda grafica integrata non lo rende adatto al gioco, e al video editing si trova anche questo vicino ai 500 €.

    Acer Swift 3

    Il modello di gamma superiore allo Swift 1, ha un display da 14 pollici sempre FHD, ma processore i3, i5 o i7 (dipende dalla versione), 8 GB di Ram e 256 GB di SSD. Si trova vicino ai 700 €.

    Asus VivoBook Pro Notebook

    Un ottimo portatile con display Full HD da 15.6″, processore Intel Core i7-7700HQ, RAM da 16 GB, disco fisso ibrido da 1TB e SSD da 128 GB, con scheda grafica dedicata NVidia GTX1050. Ha un prezzo vicino ai 1000 € ma un rapporto qualità prezzo davvero notevole.

    Dell Inspiron 15 7559

    Un buon portatile da Dell, con un bello schermo FullHD da 15.6 pollici. Ha un Intel Core i7-6700HQ da 2.6 GHz, 8 GB DDR3L, HD meccanico 2000 GB.

    Salendo oltre la soglia dei 1000 € si trovano sopratutto portatili da Gaming e ultrabook di fascia alta. Entrambe le categorie sono composte da modelli che non possono di certo prescindere dalla presenza di uno schermo FullHD. In merito vi invitiamo a consultare i nostri approfondimenti su queste due fasce:

    Miglior portatile per giocare: guida all’acquistoSiete dei veri gamer e desiderate giocare in mobilità? Vediamo insieme quali sono i migliori portatili per giocare suddivisi per fascia di prezzo!Hardwarecomputer guida acquisto notebook portatile Miglior Ultrabook: quale comprareAvete deciso di acquistare un Ultrabook ma l'indecisione la fa da padrone? Ecco la nostra guida all'acquisto per sciogliere ogni dubbio.Hardwareguida acquisto notebook portatile Ultrabook Conclusioni

    La nostra lista di portatili con schermo FullHD è terminata ci auguriamo che vi abbia aiutato ad orientarvi in questa fascia del mercato finalmente in espansione. Fateci sapere con un commento se vi abbiamo aiutato a trovare il vostro prossimo notebook oppure se abbiamo scordato qualche dispositivo che merita di stare in questa lista.

    L'articolo Portatile con schermo Full HD (FHD): quale comprare appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    Le migliori app AR per iPhone

    Le migliori app AR per iPhone


    Apple, con iOS 11, ha introdotto la possibilità di utilizzare app e giochi realizzati mediante ARKit. Per chi non lo sapesse, ARKit è il nuovo ambiente di sviluppo interamente dedicato alla realtà aumentata. Pian piano l’App Store si è...

    Apple, con iOS 11, ha introdotto la possibilità di utilizzare app e giochi realizzati mediante ARKit. Per chi non lo sapesse, ARKit è il nuovo ambiente di sviluppo interamente dedicato alla realtà aumentata. Pian piano l’App Store si è letteralmente riempito di app e giochi realizzati per sfruttare la realtà aumenta. Se siete curiosi di vedere e provare le migliori app realizzate in AR per il vostro iPhone, allora continuate a seguirci.

    Le migliori applicazioni in AR per iPhone

    L’App Store di Apple è letteralmente invaso da app realizzate per sfruttare la realtà aumentata. Vediamo quindi quali sono le migliori presenti al momento sullo store ufficiale di Apple.

    magicplan

    Si tratta di un’applicazione che ci permette di creare delle piante professionali. Possiamo sfruttare la realtà aumentata per costruire una pianta di una stanza utilizzando semplicemente la nostra fotocamera. Inoltre abbiamo la possibilità di aggiungere degli oggetti all’interno della pianta e visualizzarla in modalità 3D. L’applicazione è disponibile per il download gratuito.

    DOWNLOAD | magicplan

    AR MeasureKit

    Si tratta di un’applicazione che ci permette di misurare diversi oggetti tramite il nostro smartphone. Possiamo stabilire le dimensioni di qualsiasi oggetto, che sia esso un piano, oppure un oggetto in tre dimensioni. Inoltre possiamo misurare degli angoli e anche l’altezza di una persona. Si tratta di un’app davvero utile e molto interessante. L’applicazione è disponibile per il download gratuito.

    DOWNLOAD | AR MeasureKit

    IKEA Place

    Siete indecisi su come arredare la vostra casa e non volete commettere degli errori? Ci pensa IKEA Place a voi! Grazie a questa app e alla realtà aumentata possiamo “inserire” degli oggetti all’interno della nostra stanza. Come ad esempio mobili, sedie, tavoli e tanti altri. Un’app molto utile quindi che ci può aiutare nella scelta del nostro arredamento.

    L’applicazione è disponibile per il download gratuito.

    DOWNLOAD | IKEA Place

    Come fare belle foto con iPhoneSiete degli appassionati di fotografia e volete cimentarvi in questo campo? Vediamo alcuni consigli per scattare delle belle foto con il vostro iPhone.AppleiOS Holo

    Si tratta di un’applicazione molto simpatica che ci permette di inserire degli oggetti animati, come persone o animali, all’interno della nostra inquadratura. Holo, infatti, sfrutta la nostra fotocamera e la realtà aumentata per proiettare gli oggetti all’interno della nostra inquadratura. Inoltre ci permette anche di scattare foto e registrare video.

    L’applicazione è disponibile per il download gratuito.

    DOWNLOAD | Holo

    InkHunter

    Si tratta di un’app davvero molto interessante in quanto ci permette di provare dei tatuaggi grazie alla realtà aumentata sul nostro iPhone. Grazie ad InkHunter possiamo provare i tatuaggi “direttamente” sul nostro corpo. Possiamo scegliere un template già esistente oppure caricarne uno nostro. Inoltre potremo osservare il tatuaggio da diverse angolazioni.

    L’applicazione è disponibile per il download gratuito.

    DOWNLOAD | InkHunter

    LightSpace – 3D painting

    Si tratta di un’applicazione realizzata in AR molto divertente che ci permette di disegnare nell’ambiente che ci circonda. Tutto è possibile grazie alla nostra fotocamera e alla realtà aumentata. Inoltre abbiamo anche la possibilità di scattare foto e registrare i video per poi condividerli con i nostri amici.  L’applicazione è disponibile per il download gratuito.

    DOWNLOAD | LightSpace – 3D painting

    Night Sky

    Per gli amanti dell’astronomia proponiamo Night Sky. Si tratta di un’app che ci offre un potente planetario personale realizzato in AR. Possiamo sfruttare la realtà aumentata per muoverci all’interno del nostro planetario con il nostro iPhone.  L’applicazione è disponibile per il download gratuito. Inoltre alcune funzionalità extra possono essere acquistate tramite un abbonamento mensile.

    DOWNLOAD | Night Sky

    Trasferire video da iPhone a PC e viceversaVolete trasferire i vostri video preferiti dall'iPhone al PC Windows oppure Mac? Vediamo insieme quali metodi si possono utilizzare.AppleiOS Conclusioni

    Come abbiamo visto esistono molte applicazioni interessanti in realtà aumentata. Questa è soltanto un primo assaggio. Se volete che vi vengano proposte altre app in realtà aumentata non esitate a dircelo attraverso il box dei commenti.

    Le migliori app per registrare videoUna serie di applicazioni per registrare video su Android e iOS: non sempre basta l'app di sistema! Provate queste app davvero complete.Androidapp android app ios

    L'articolo Le migliori app AR per iPhone appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    Come creare mosaico su Instagram

    Come creare mosaico su Instagram


    Se vi state chiedendo come sia possibile riprodurre l’effetto mosaico su Instagram, siamo qui per spiegarvi la realizzazione di questa particolare tecnica che rende il vostro profilo più accattivante a livello estetico. Creare un mosaico su Instagram...

    Se vi state chiedendo come sia possibile riprodurre l’effetto mosaico su Instagram, siamo qui per spiegarvi la realizzazione di questa particolare tecnica che rende il vostro profilo più accattivante a livello estetico. Creare un mosaico su Instagram non è affatto difficile: tutto è possibile grazie all’utilizzo delle giuste applicazioni.

    Di seguito vi elenchiamo le migliori per iOS e Android.

    Foto panoramiche su Instagram: come condividerleSapevate che potete condividere le vostre foto panoramiche su Instagram? Scoprite insieme a noi le migliori applicazioni utili allo scopo!Androidapp android app ios instagram Mosaico su Instagram: migliori app iOS

     

    Photo Grid

    La prima app di cui vogliamo parlavi, disponibile solo per iOS, è Photo Grid – Tile Maker & Grid Post for IG Profile. Abbiamo voluto parlare particolarmente di quest’app perché è l’unica che non presenta la fastidiosa “filigrana” dopo la realizzazione del vostro mosaico, è gratis e anche recente.

    L’app è davvero semplice da usare: prima di tutto dovrete decidere la foto che deve diventare il vostro mosaico, consigliamo che sia di ottima qualità e che possa oggettivamente piacere visto che lo scopo di questi mosaici è quello di “abbellire” il vostro profilo Instagram.

    Una volta fato ciò dovrete anche decidere in quanti “pezzi” desiderate suddividere la foto: potrete vedere l’anteprima e decidere il tipo di griglia da utilizzare e la posizione della foto al suo interno. In seguito, una volta cliccata la spunta in alto, potrete vedere la vostra foto suddivisa in riquadri: ogni riquadro equivale a un post di Instagram, potrete salvarli uno per uno, oppure direttamente condividerli su Instagram dall’app e il gioco è fatto.

    I migliori hashtag Instagram 2017La lista completa e sempre aggiornata sui migliori hashtag Instagram per foto e video, da utilizzare per aumentare follower e like.Internetinstagram social network Grids

    Probabilmente la migliore app per creare mosaici su Instagram che troverete disponibile per iOS è Grids. Potete creare enormi panorami collegati da una serie di immagini quadrate e caricarli su Instagram: in questo modo abbellirete moltissimo il vostro profilo.

    Ogni piastrella si combinerà con la successiva formando l’immagine finale: avrete anche la possibilità di realizzare varie griglie e cambiarne lo stile.

    Come aumentare follower su InstagramChe sia per lavoro o per promuovere il proprio profilo, ecco i consigli di cui non potete fare a meno per guadagnare tanti Like e Followers su Instagram!Androidinstagram social network Mosaico su Instagram: migliori app Android Griglie per Instagram

    La migliore app esistente è Griglie per Instagram: gratis, ben realizzata, permette di creare griglie in 3×1, 3×2, 3×3, 3×4, 3×5 e le immagini posso essere pubblicate direttamente su Instagram oppure salvate (anche su microSD).

    Aumentare follower Instagram: le tattiche da usareAbbiamo raccolto tutte ma proprio tutte le tecniche migliori del web riunite in un solo articolo per aumentare follower Instagram.Internetinstagram Instagrids

    Instagrids funziona molto bene ma ha un grosso difetto: è presente la filigrana e per rimuoverla dovrete pagare. Un vero peccato perché l’app, a parte questo intoppo, è molto facile da usare e garantisce ottimi risultati.

    Come creare album InstagramPotete condividere fino a 10 foto e video su Instagram in un unico post, creando così un carosello. Come fare? E' davvero semplice!Androidalbum instagram instagram Conclusioni

    Speriamo di esservi stati d’aiuto: se conoscete app migliori e meritevoli di essere in lista allora non esitate a lasciare un commento!

    L'articolo Come creare mosaico su Instagram appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    Coolpad Max A8: un “super” smartphone a 108€

    Coolpad Max A8: un “super” smartphone a 108€


    Uno smartphone economico ma con una scheda tecnica importante: Dual SIM, 4 GB di RAM, 64 GB di memoria interna, processore Qualcomm Snapdragon 617 MSM8952 Octa-Core e schermo 5.5” Full HD. Di chi stiamo parlando? Del Coolpad Max A8: grazie a una...

    Uno smartphone economico ma con una scheda tecnica importante: Dual SIM, 4 GB di RAM, 64 GB di memoria interna, processore Qualcomm Snapdragon 617 MSM8952 Octa-Core e schermo 5.5” Full HD. Di chi stiamo parlando? Del Coolpad Max A8: grazie a una offerta lampo segnalataci da TomTop, il dispositivo potrà essere vostro a soli 108€ invece di 159€.

    Uno sconto di 51€ che rendono molto appetibile questo dispositivo che ha forse solo un neo: di base c’è a bordo Android 5.1 Lollipop.

    Coolpad Max A8: scheda tecnica Display: 5.5” 1920 x 1080 pixel (IPS – Gorilla Glass 4 e bordi curvati 2.5D) RAM: 4 GB Memoria interna: 64 GB (espandibile con microSD fino a 32 GB) Processore: Qualcomm Snapdragon 617 MSM8952 Octa-Core a 1.5 GHz Batteria: 2.800 mAh Sistema operativo: Android 5.1 (interfaccia CoolUI 8.0) Fotocamera frontale: 5.0 MP, tagging geo, rilevamento viso, GIF, suono e riprese, registrazione full HD da 1080p Fotocamera posteriore: 13.0MP, ISOCELL 3M2 CMOS, obiettivo 6P, f / 2.0, autofocus PDAF, DUAL Tone LED, geotagging, rilevamento viso, panorama, GIF, suono e riprese, 1080 full HD Sensore di prossimità, sensore di luminosità, bussola, accelerometro, giroscopio, lettore di impronte digitali

    Nella confezione troverete anche gli auricolari!

    Dove acquistarlo a prezzo scontato

    Il Coolpad Max A8 è disponibile a soli 108€ su TomTop, uno dei siti cinesi sicuri che noi raccomandiamo. Su Amazon, invece, lo trovate a ben 169€: un vero affare insomma questo super sconto, non credete?

    L'articolo Coolpad Max A8: un “super” smartphone a 108€ appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    Bot Instagram per aumentare like e follower

    Bot Instagram per aumentare like e follower


    Avete cercato almeno una volta un metodo per aumentare i follower di Instagram? Quasi sicuramente vi sarete imbattuti nei bot Instagram. Queste utility vengono spesso snobbate al pari dei servizi che permettono di acquistare follower e like. Il punto...

    Avete cercato almeno una volta un metodo per aumentare i follower di Instagram? Quasi sicuramente vi sarete imbattuti nei bot Instagram. Queste utility vengono spesso snobbate al pari dei servizi che permettono di acquistare follower e like. Il punto debole di questi ultimi è che spesso forniscono account fake, non portando reali benefici al vostro profilo.

    Poco tempo fa abbiamo visto insieme come aumentare i follower Instagram seguendo una semplice guida che non prevede scorciatoie. Si tratta di un metodo più impegnativo che però porta numerosi benefici a lungo termine come la fidelizzazione degli utenti. Se invece avete intenzione di accorciare un po’ i tempi e sopratutto di automatizzare i processi, oggi cercheremo di scoprire quali sono i migliori bot per Instagram. 

    Siete pronti a iniziare questo piccolo approfondimento insieme?

    I migliori bot Instagram: di cosa si tratta?

    La prima cosa da fare prima di vedere quali sono i migliori bot Instagram disponibili al momento è cercare di capire come funzionano. A differenza del pensiero comune, un bot non fa nulla d’illegale, ma vi aiuta ad automatizzare dei processi che altrimenti richiederebbero molto tempo.

    Solitamente le cose che un bot Instagram può fare sono tre:

    Effettuare follow / unfollow Lasciare like Lasciare commenti

    Tutto questo viene fatto secondo dei parametri che sarete voi a decidere. Le impostazioni che avrete a disposizione sono hashtag, geo-localizzazione, following e molto altro ancora. Avrete forse già intuito l’enorme potenziale che questi strumenti offrono se vengono utilizzati nel modo giusto. Si tratta di un “fast forward” di tutte quelle azioni che siete voi ad andare a compiere giornalmente.

    Se i bot Instagram vi hanno incuriosito e desiderate approfondire l’argomento, vi chiediamo solamente qualche minuto del vostro tempo. In questo modo potrete conoscere quali sono i migliori servizi online e come risparmiare molto del tempo che passate su Instagram.

    Sondaggi Instagram: come utilizzarliInstagram ha introdotto la possibilità di pubblicare dei sondaggi all'interno delle proprie Storie. Vediamo cosa sono e come si utilizzano.Androidinstagram social network I bot Instagram funzionano realmente?

    Prima di proseguire nella nostra guida cercheremo di rispondere a una domanda che sicuramente ci state già facendo: “ma i bot Instagram funzionano davvero?” La risposta è affermativa. 

    Se utilizzati con intelligenza si tratta di uno dei migliori metodi per aumentare esponenzialmente il vostro pubblico. L’unico consiglio che vi diamo è di non spammare gli altri utenti.

    Nessuno che si sente infastidito deciderebbe mai di propria volontà di ricambiare un follow, un like o un commento.

    Followadder

    Dopo la chiusura di Instagress, Followadder è diventato il bot Instagram più utilizzato sia per scopi amatoriali che professionali. Quali sono i suoi vantaggi? Una serie di funzioni davvero complete, fra cui troviamo auto following, auto unfollowing, auto like e programmazione dei post. Non finisce però qui!

    Queste sono solo alcune delle features che poterete utilizzare con questo stupefacente bot Instagram.

    A differenza di molti altri servizi online, Followadder offre una vera e propria applicazione da scaricare sul vostro PC con un costo davvero basso, sopratutto per chi lo utilizza per far crescere il proprio profilo aziendale.

    Il metodo di pagamento accettato prevede la somma di 49,99$ per la gestione di un singolo profilo per 6 mesi. Questo significa un costo di soli 8,33$ al mese, davvero poco per un servizio del genere. Se volete dare un’occhiata alle funzioni in maniera più approfondita potete collegarvi direttamente al sito ufficiale.

    Instagram si blocca: soluzioniVi capita spesso che Instagram si blocchi o che non funzioni correttamente? Vediamo insieme le soluzioni da adottare per risolvere il problema.Androidinstagram social network Gramista

    Gramista è la soluzione ideale se state cercando un bot Instagram dalla grafica minimale e semplice da utilizzare senza però rinunciare alla potenza di uno strumento del genere. Le azioni che potrete intraprendere sono un po’ più limitate in questo caso, ma si tratta comunque di tutto ciò che vi serve per far crescere il vostro profilo. Autofollow, Autounfollow e Autolike sono infatti le tre prerogative giuste per avere successo su Instagram.

    Altre funzioni interessanti sono la possibilità di decidere a quale velocità svolgere le azioni automatizzate e la modalità smart, che vi permetterà di non smettere mai di seguire (neanche per sbaglio) i profili dei vostri amici. I prezzi sono abbastanza contenuti e vengono calcolati in base all’effettivo utilizzo in minuti del social.

    Per avere per esempio 24H di attività continua basteranno “solo” 1,79$. Come sempre in questi casi, maggiore sarà il tempo che acquisterete, minore risulterà il costo per giorno.

    Come usare Hashtag Instagram correttamenteCosa sono gli hashtag Instagram e come vanno usati al meglio per aumentare like e follower? Ecco alcuni consigli preziosi.Androidinstagram social network InstaZood

    Un altro bot Instagram davvero ben fatto e fruibile in maniera ottimale è InstaZood. Rispetto a molti altri servizi paralleli la sua interfaccia non è proprio intuitiva, ma riesce comunque a combinare bene le varie funzioni. Le più interessanti sono sicuramente Autolike, Autofollow e unfollow, messaggi diretti e programmazione dei post. 

    Sopratutto le ultime due sono servizi che non tutti i bot Instagram offrono e lo rendono quindi una delle suite più interessanti del settore. Parlando invece di prezzi, questi rimangono decisamente accessibili. Si parte da un costo minimo di 9,99$ al mese per il servizio Instagram. Nel complesso il costo è quindi nella media e decisamente conveniente per chi utilizza il social per lavoro.

    Storie Instagram: la guida completaUn'app dentro l'app: dall'editor differente alla distruzione automatica, il funzionamento di 'Stories' è molto diverso da quello classico dell'app madreInternetinstagram social media social network Instaswell

    Instaswell è forse la soluzione più adatta per chi vuole provare per la prima volta un bot Instagram. Quali sono i motivi di questa affermazione? Oltre a fornire tutti i servizi dei rivali, Instaswell al primo utilizzo vi aiuterà a configurare i parametri più adatti al vostro utilizzo. In questo modo anche i meno esperti potranno trarre maggiori benefici da questo bot Instagram.

    Il prezzo è decisamente allineato alla concorrenza e vi permetterà di utilizzare Instaswell al costo di 10$ mensili. Una delle sorprese più grandi è offerta però dal piano “Breeze”. Si tratta di una sorta di pacchetto gratuito che vi permetterà di utilizzare questo bot senza nessuna spesa. Quali sono i limiti? In questo modo avrete a disposizione solo 50 like e 50 follow al giorno.

    I migliori hashtag Instagram 2017La lista completa e sempre aggiornata sui migliori hashtag Instagram per foto e video, da utilizzare per aumentare follower e like.Internetinstagram social network Boostgram

    L’ultimo bot Instagram che andremo ad analizzare oggi è Boostgram. Per tutta una serie di caratteristiche che vedremo fra poco si tratta dell’alternativa più completa, ma anche più costosa disponibile in rete. Proprio per questo motivo vi consigliamo di utilizzarla, dopo i tre giorni di prova, solo se gestire un’account Instagram è il vostro lavoro e vi procura uno stipendio.

    Oltre alla possibilità di automatizzare follow, like e commenti, Boostgram funziona da vero e proprio gestore dell’account. Potrete quindi caricare le foto o programmare una pubblicazione. Il tutto con un’interfaccia grafica davvero piacevole e semplice da utilizzare. Come abbiamo detto poco fa l’unica nota negativa è il prezzo. Dopo la prova gratuita infatti dovrete pagare ben 99$ al mese per poter continuare ad utilizzare il servizio.

    Come creare album InstagramPotete condividere fino a 10 foto e video su Instagram in un unico post, creando così un carosello. Come fare? E' davvero semplice!Androidalbum instagram instagram Conclusioni

    Se dopo questo articolo avete capito che non potete proprio fare a meno di un bot Instagram, sappiate che oggi vi abbiamo parlato solo dei migliori in circolazione. Sono tutti a pagamento, questo è vero, ma se ben utilizzati possono portare dei risultati davvero sorprendenti. Il consiglio che vi diamo è di partire magari da Instaswell, l’unico che vi permette di avere un’esperienza free e capire le vostre necessita.

    Se incontrate difficoltà o avete bisogno di ulteriori informazioni, come sempre non esitate a contattarci. Lo potete fare attraverso il box dei commenti che trovate in basso o tramite la nostra pagina Facebook ufficiale.

    L'articolo Bot Instagram per aumentare like e follower appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    Registrare telefonate Android: le migliori app

    Registrare telefonate Android: le migliori app


    Perché mai si dovrebbe usare un registratore di chiamate e registrare le telefonate? La risposta è più semplice di quanto immaginiate! In alcune occasioni può essere utile avere una copia di backup delle telefonate che ci apprestiamo ad effettuare:...

    Perché mai si dovrebbe usare un registratore di chiamate e registrare le telefonate? La risposta è più semplice di quanto immaginiate! In alcune occasioni può essere utile avere una copia di backup delle telefonate che ci apprestiamo ad effettuare: una chiamata con il call center, una chiamata d’assistenza o una qualsiasi chiamata di cui necessitiamo di avere una registrazione a portata di mano, da usare nelle sedi opportune.

    Trovare delle app funzionanti su qualsiasi dispositivo Android non è immediato: il Play Store è davvero pieno di app dedicata a questo scopo. Vi proponiamo una valida selezione di app gratuite in grado di funzionare da registratore di chiamate su Android.

    Le migliori app per modificare la voceAbbiamo raccolto per voi le migliori app per modificare la voce su Android e iOS, ideali per scherzi telefonici o registrazioni vocali.Androidapp android app ios Registrare le chiamate con Android è legale?

    Questo è sicuramente un dubbio molto ricorrente fra chi decide di registrare le chiamate con il proprio dispositivo Android. Spesso si ha paura di incorrere in problemi legali, sopratutto per quanto riguarda la privacy. La domanda a cui risponderemo è quindi questa: è legale registrare le chiamate? Per vostra fortuna si! Il tutto viene esplicato da una sentenza del 2003, che vi lascia campo libero su questo fronte. Ricordate quindi che registrare telefonate Android, anche senza il consenso dell’interlocutore, è legale.

    Sentenza n°36747 del 24 settembre 2003:  “la registrazione fonografica di una conversazione o di una comunicazione ad opera di uno degli interlocutori (…) all’insaputa dell’altro (o degli altri) non costituisce intercettazione, difettandone il requisito fondamentale, vale a dire la terzietà del captante, che dall’esterno s’intromette in ambito privato non violabile”.

    Come registrare telefonate su iPhoneCome registrare le chiamate in entrata ed in uscita dal vostro Apple iPhone con le migliori applicazioni disponibili per iOS.Appleapp ios app iPhone iPhone Come registrare telefonate Android

    Anche se in passato c’erano diversi problemi che vi costringevano a dover abilitare i permessi di root per registrare chiamate con il vostro smartphone Android, la situazione è molto migliorata. La maggior parte delle applicazioni presenti oggi nel Play Store non richiedono questa modifica. Esistono purtroppo ancora dei casi di incompatibilità in cui dovrete effettuare l’operazione di rooting del device, ma se non sapete proprio da che parte farvi, ci pensiamo noi ad aiutarvi. Ricordatevi che è comunque possibile rimuovere il root in maniera piuttosto semplice e riportare il vostro dispositivo alle condizioni originali.

    Root Android: cos’è e come ottenerloRoot Android: cos'è, perché può servire, come si ottiene e come si rimuove. Ecco le risposte alle vostre domande più frequenti.Androidroot

    Passiamo ora alla parte più concreta del nostro articolo. Andremo a consigliarvi le migliori app per registrare chiamate su Android. Poiché sullo store si trovano spesso molte alternative anche troppo simili, se non identiche, abbiamo ristretto il campo alle soluzioni più interessanti e gratuite.

    Call Recorder

    Call Recorder è forse l’applicazione per registrare chiamate con Android più semplice e intuitiva presente nel Play Store. Molto di questo è dovuto alla sua interfaccia grafica, davvero minimale e adatta a tutti gli utenti. Tutto ciò che dovrete fare per avviare le registrazioni è attivare l’interruttore che troverete nella barra posta in alto. Da qui in poi tutte le vostre chiamate verranno registrate in maniera automatica.

    Una delle funzioni più interessanti è senza dubbio la possibilità di inserire una password per l’accesso. In questo modo sarete solo voi a oter accedere ai file registrati sulla vostra memoria. Se poi intendete esportarli nel vostro cloud niente paura. Call Recorder vi permette di sincronizzare le chiamate registrate in maniera automatica sia con Google drive che con Drop Box.

    DOWNLOAD | CALL RECORDER

    Proteggere app Android con PasswordIn quest'articolo abbiamo elencato le migliori app che permettono di proteggere le vostre applicazioni Android con password.Androidapp android Sicurezza RMC: Android Call Recorder

    Un’altra applicazione molto utile per registrare le telefonate con Android ogni qual volta lo vogliate è RMC. Si tratta di un’utility molto semplice, che ha tutte le sembianze di un registro delle chiamate, proprio come quello che utilizzate ogni giorno.

    Oltre a quelle automatiche è possibile anche effettuare registrazioni manuali, in modo da lasciarvi maggiore scelta sulle modalità di utilizzo. Rispetto a Call Recorder anche su RMC è possibili sincronizzare le registrazioni con vari servizi cloud. Inoltre potrete aggiungere delle note esplicative ai file che archiviate per non perdere mai traccia delle conversazioni più importanti.

    DOWNLOAD | RMC

    Launcher Android: i migliori da usareI migliori launcher Android per trasformare il vostro smartphone o tablet per meglio personalizzare e organizzare il vostro dispositivo.Androidapp android launcher Registratore di chiamate ACR

    ACR è un0altra delle migliori alternative gratuite per registrare chiamate con Android. Disponibile anche in versione Pro, offre già tutto quello di cui potete aver bisogno con la versione che stiamo prendendo in esame.

    Le funzioni offerte sono davvero molte: si va dalla possibilità di registrare le chiamate in maniera automatica, fino alla possibile protezione delle chiamate con una password da voi impostata. Per essere il più precisi possibili vi elenchiamo quelle più importanti.

     Ricerca Raggruppamento delle registrazioni per data Cancellazione automatica delle vecchie registrazioni Contrassegno delle registrazioni come importanti, in modo che non vengano cancellate automaticamente Esclusione numeri Supporto a numerosi formati di registrazione

    DOWNLOAD | ACR 

    Scoprire a chi appartiene un numero di cellulareState cercando di scoprire chi è l'intestatario di un numero, anche anonimo? Niente di più facile con questi servizi e app!Androidapp android app ios Servizi Online Sicurezza Automatic Call Recorder

    Automatic Call Recorder, al di là del nome molto semplice, svolge in modo egregio il compito di registrare le chiamate con Android. Disponibile gratuitamente su Play Store, permette di archiviare automaticamente tutte le chiamate ricevute ed effettuate, in una directory scelta dall’utente.

    Come le altre alternative che abbiamo analizzato prima, anche Automatic Call Recorder permette di impostare una password per proteggere i vostri file registrati e vi da la possibilità di riprodurli direttamente con un media player integrato. Per finire non manca la possibilità di condividere tutte le registrazioni che volete con i vostri servizi clou preferiti.

    DOWNLOAD | AUTOMATIC CALL RECORDER

    Come spiare uno smartphoneAlcune app permettono di tenere sotto controllo lo smartphone di una persona. Ecco le migliori app per spiare e controllare iPhone o dispositivi Android.Androidapp androida app ios Sicurezza Conclusioni

    Qualunque sia la vostra esigenza, adesso sapete come registrare le chiamate su Android in maniera facile e sopratutto gratuita. A differenza del pensiero comune si tratta di seguire pochi semplici passaggi che sono davvero alla portata di tutti. nel caso in cui incontraste comunque qualche problema, non esitate a contattarci. Come sempre ci potete raggiungere con il box dei commenti che trovate in basso o attraverso la nostra pagina Facebook

    L'articolo Registrare telefonate Android: le migliori app appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    IPTV su Smart TV Samsung

    IPTV su Smart TV Samsung


    Molti utenti desiderano importare IPTV anche sulla propria Smart TV Samsung. Molti, però, non sanno di cosa si tratta esattamente. In poche parole IPTV è un sistema di trasmissione di segnali televisivi sulle reti informatiche: questo sistema sfrutta...

    Molti utenti desiderano importare IPTV anche sulla propria Smart TV Samsung. Molti, però, non sanno di cosa si tratta esattamente. In poche parole IPTV è un sistema di trasmissione di segnali televisivi sulle reti informatiche: questo sistema sfrutta il protocollo TCP/IP. Quindi, per ricevere questi segnali, avremo bisogno soltanto di una buona connessione Internet, niente di speciale.

    Veniamo ora al punto della situazione. Se siete in cerca di un modo per guardare IPTV anche sulla vostra Smart TV Samsung, siete capitati nel posto giusto! In questa guida vi spiegheremo come impostare queste liste sulla vostra Smart TV.

    Quale Smart TV scegliereLa scelta di una smart TV non è sempre semplice. Ci sono diversi parametri da valutare oltre al costo. Vediamo insieme quali sono i migliori modelli.Hardwareguida acquisto Smart TV tv Come vedere IPTV su Smart TV Samsung

    Vediamo insieme quali sono i migliori metodi per importare queste liste e goderci le nostre trasmissioni televisive in streaming. Si tratta di metodi semplici e veloci. Inoltre vi suggeriremo alcune nostre guide che vi aiuteranno nel vostro intento.

    SS IPTV

    Questo metodo è quello più facile da applicare, in quanto si tratta di una semplice applicazione da installare. Per abilitare la visione delle trasmissioni televisive sulla nostra Smart TV basterà scaricare l’app SS IPTV direttamente dallo store di Samsung. Si tratta di un’app che permette di leggere le liste M3U e di importare tutti i canali che esse contengono. In questo modo potremo goderci tutte le nostre trasmissioni televisive preferite in streaming.

    Per importare le liste IPTV, conosciute come M3U, basterà aprire l’app e recarsi nelle Impostazioni. Selezioniamo la sezione Content e, in seguito, clicchiamo sull’opzione External Playlist. A questo punto dobbiamo selezionare l’opzione Add e aggiungere l’indirizzo della lista desiderata. Infine basterà cliccare su Conferma. Fatto questo dovremo solo attendere che vengano caricati tutti i canali contenuti nella lista inserita.

    TV Box

    Utilizzare un TV Box è il metodo più consigliato per il nostro scopo. Il motivo è ovviamente Kodi. Il servizio che ci offre Kodi permette di caricare le liste M3U e di goderci le nostre trasmissioni in streaming comodamente dalla nostra televisione.

    Per approfondire l’argomento vi consigliamo alcune nostre guide che vi saranno sicuramente d’aiuto.

    TV Box Android: guida all’acquistoSiete in cerca di un media center completo per la TV in salotto? Ecco i migliori modelli di TV Box con Android per sfruttare le app multimediali.Androidguida acquisto kodi media center Tv Box Kodi Live TV (KLTV): liste IPTV gratis sempre aggiornateState cercando un ottimo add-on italiano per avere in streaming tantissimi canali italiani, svizzeri e internazionali? Dovete provare Kodi Live TV (KLTV)!Internetiptv Streaming TV Box Kodi: come scegliere e quale acquistareTutto ciò che dovete sapere prima di acquistare un TV Box Kodi: consigli su cosa scegliere e guida all'acquisto!Androidkodi Tv Box

     

    Chromecast

    Il terzo e ultimo metodo è quello di utilizzare un Chromecast. In questo modo potremo trasmettere il segnale televisivo direttamente dal nostro smartphone alla Smart TV. A tal proposito vi proponiamo una nostra guida che vi sarà sicuramente utile.

    Come guardare liste IPTV su ChromecastVogliamo vedere la TV satellitare o il digitale terrestre su Chromecast? In questa guida vi mostreremo come guardare le liste IPTV su Chromecast.InternetChromecast Dove trovare liste IPTV gratis

    Se siete in cerca delle migliori liste gratuite, da utilizzare sia con PC che smartphone e TV Box, potete dare un’occhiata alla nostra guida realizzata appositamente per questo scopo.

    Liste IPTV 2017 italiane aggiornate gratisEcco le migliori liste IPTV gratis e la lista delle fonti più affidabili, da utilizzare sia da PC che smartphone, tablet o TV Box!Internetiptv Streaming Liste IPTV Kodi 2017: raccolta completaAvete deciso di voler sfruttare Kodi per guardare contenuti in streaming usando le liste IPTV? Allora siete nell'articolo giusto.Internetiptv Streaming Conclusioni

    Se avete importato correttamente la lista che avete scelto, non avrete problemi a guardare le liste IPTV su Smart TV Samsung. Se riscontrate dei problemi o delle difficoltà non esitate a contattarci attraverso il box dei commenti.

    IPTV su Android: guida completaIn questa guida troverete le risposte alle domande più frequenti e tutto ciò che dovete sapere per trovare ed usare le liste IPTV su Android!Androidiptv Streaming

    L'articolo IPTV su Smart TV Samsung appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.

    Vedere Kodi su Chromecast e Android TV

    Vedere Kodi su Chromecast e Android TV


    Kodi è davvero comodo, è uno dei migliori media player e grazie al grande numero di ottimi addon ha avuto un clamoroso successo. Abbiamo già parlato dei migliori addon italiani, e dei migliori addon per vedere le serie, i film, e il calcio. In molti...

    Kodi è davvero comodo, è uno dei migliori media player e grazie al grande numero di ottimi addon ha avuto un clamoroso successo. Abbiamo già parlato dei migliori addon italiani, e dei migliori addon per vedere le serie, i film, e il calcio. In molti ci chiedono come fare a vedere Kodi su Chromecast e su Android TV, e per questo abbiamo preparato una guida.

    In sostanza ci sono tre metodi per vedere Kodi e i suoi contenuti su Chromecast

    Come vedere Kodi su Chromecast e Android TV dal PC

    Se avete un PC vedere Chromecast sulla vostra Tv è davvero un gioco da ragazzi, basta avere Chrome e andare sul menù ( i tre puntini in verticale posti in alto a destra nell’interfaccia).

    Dentro il menù trovate la voce Trasmetti… si aprirà una finestra e cliccando sulla freccia in alto potrete scegliere la fonte, e scegliere Trasmetti desktop.

    A questo punto tutto ciò che gira sul vostro desktop e quindi anche Kodi lo ritroverete sulla vostra TV.

    Vedere Kodi su Chromecast  e Android TV da Android

    Ci sono due metodi, uno più semplice, ma molto grezzo e che consuma molta energia ( lo schermo deve restare attivo). Il secondo metodo è leggermente più complesso ma tecnicamente più raffinato, permette il cast del solo video, consuma molto di meno e permette di bloccare il terminale o continuarlo ad usare per altro.

    Primo metodo, il cast dello schermo

    In modo analogo a ciò che avviene su PC e Mac, anche su Android si può fare il cast diretto dello schermo e dell’audio riprodotto dal dispositivo Android. Si può quindi avviare Kodi, scegliere il contenuto che vogliamo vedere e fare il Cast dello schermo su TV.

    Fare il Cast completo dello schermo dello smartphone o del tablet su TV, è semplice basta scaricare Google Home dal Play Store, avviarlo lasciargli rilevare il Chromecast o AndroidTV  e poi andare nel menù toast a sinistra e scegliere l’opzione Trasmetti schermo/audio.

    Secondo metodo il cast del solo flusso audio video

    E’ un metodo di gran lunga più tecnicamente elegante, necessita una modifica a kodi per fare in modo che utilizzi un player esterno.

    La modifica è fortunatamente semplice bastano pochi passi, ma dopo potrete usare Kodi solo col Chromecast ed Android TV. Per questo vi consigliamo di tenere anche un fork di kodi come SPMC destinato alla riproduzione sul solito player incluso.

    I passi su Kodi sono pochi e semplicissimi:

    Avviate almeno una volta kodi dopo la sua installazione. Scaricate dal Play Store Local Cast (è gratis). Avviate l’app Local Cast e a sinistra cliccate per aprire il menù (icona con tre linee orizzontali), scorrete e troverete la voce Impostazioni, sceglietela. Dentro le impostazioni entrate nel menù Kodi e selezionate Scrivi playercorefactory.xml . A questo punto avete finito potete lanciare Kodi anche dalla voce Avvia Kodi. Da questo momento in poi qualsiasi flusso video eseguito sarà inviato a Local Cast e da qui a Chromecast e AndroidTV.

    Se volete usare SPMC oppure fare manualmente su Kodi ecco la procedura:

    Installate dal Play Store un file explorer che supporta i file nascosti (noi abbiamo usato Fx File Explorer), e installate Local Cast. Apritelo ed abilitate l’opzione che permette di vedere i file nascosti su Fx si chiama Show Hidden (l’app è in inglese) si trova facilmente premendo il tasto menù (quello con i tre puntini in verticale) e attivate l’opzione. Scaricate il file XML PlayerFactoryCore. Aprite Fx ed andate nella cartella Download li dentro troverete il file appena scaricato. Andate poi sempre tramite il vostro file manager (nel nostro caso fx) nei seguenti percorsi:  per Kodi basta andare in Android/Data/org.xbmc.kodi/files/.kodi/userdata invece per SPMC il percorso giusto è com.semperpax.spmc16/files/.spmc/userdata. Dentro questa cartella incollate il file PlayerFactoryCore. Chiudete completamente Kodi e SPMC e riavviateli, da questo momento in poi qualsiasi flusso video eseguito sarà inviato a Local Cast e da qui a Chromecast e AndroidTV.

    Attenzione alcuni stream non verranno eseguiti, perchè purtroppo Chromecast non supporta alcuni formati video. Proprio per questo consigliamo di tenere una versione di kodi o uno dei suoi validi fork per il Cast, così che in caso di incompatibilità ( vedete che capita spesso) possiate usare l’altra strada.

    Kodi su Android TV

    Se avete un Tv-box o un televisore con sistema Android Tv potete  non solo fare il cast dei contenuti come abbiamo spiegato sopra ma anche eseguire l’ultima versione di Kodi, entrando nel Play Store e scaricandola. A installazione completata vi consigliamo di inserire i migliori repository italiani per scaricare i migliori addon ed iniziare a divertirvi senza limitazioni.

    Conclusioni

    La nostra guida su come vedere Kodi su Chromecast e Android TV è arrivata alla fine fateci sapere se la avete trovata utile e se suggerite altre soluzioni. Non scordate di seguirci anche tramite i nostri canali social Facebook e Twitter.

    L'articolo Vedere Kodi su Chromecast e Android TV appare per la prima volta su ChimeraRevo - Il miglior volto della tecnologia.